Atena Farghadani viene nuovamente incarcerata, questa volta per aver incollato uno dei suoi disegni su un muro

 

Sabato 13 aprile 2024, Atena Farghadani, vignettista, pittrice e attivista per i diritti dei bambini con sede a Teheran, è stata violentemente arrestata dalle forze di sicurezza e portata nella prigione di Evin. Questa prigione è il luogo in cui il governo iraniano spesso imprigiona artisti, accademici, attivisti, giornalisti e altri intellettuali dissidenti ed è soprannominata "Università di Evin".

Farghadani sarebbe stata arrestata per aver tentato di incollare uno dei suoi disegni su un muro di Pastor Avenue, dove si trova il palazzo presidenziale.

Per protestare contro la sua detenzione arbitraria, si è rifiutato di accettare la cauzione.

Come riportato dal Comitato delle donne dell'NCRI, il suo avvocato, Mohammad Moqimi, ha riferito che Atena Farghadani è stata maltrattata al momento dell'arresto, tanto che i segni della violenza della polizia erano evidenti sul suo volto.

Un anno e mezzo dietro le sbarre per un disegno

Le "visite" di Athena alla prigione di Evin e ad altre carceri sono frequenti.

Il 23 agosto 2014, Atena è stata arrestata, interrogata e imprigionata con l'accusa di"diffondere propaganda contro il sistema","insultare i membri del parlamento attraverso i dipinti" e"insultare il leader supremo", così come i suoi interrogatori.

Questo in relazione a una vignetta satirica che ritraeva un gruppo di parlamentari raffigurati come diversi animali. Rischiava fino a 12 anni e 9 mesi di carcere.

Alla fine, la sentenza è stata ridotta a 18 mesi di reclusione dal tribunale del riesame. Nel maggio 2016 è stata rilasciata.

Atena Farghadani ha trascorso 18 mesi in prigione per questa illustrazione.

Il 9 giugno 2023 è stata nuovamente incarcerata dopo aver rifiutato di accettare una cauzione di 4.200 dollari dopo essere stata convocata per un interrogatorio dal 33° tribunale distrettuale. Farghadani ha rifiutato di pagare la cauzione sostenendo di non aver commesso alcun reato e che la sua convocazione e le sue accuse erano illegali e arbitrarie, ed è stata trasferita nel carcere femminile di Qarchak, fuori Teheran.

In quell'occasione, in un'intervista dopo il suo rilascio, ha spiegato che le autorità del carcere di Qarchak avevano cercato di avvelenarla. È stata tenuta in una stanza senza servizi igienici e non le è stato permesso di uscire dalla stanza nemmeno per andare in bagno. Hanno anche cercato di costringerla a fare delle confessioni per la televisione, che lei ha rifiutato. Infine, il 20 giugno 2023, è stata abbandonata in un ospedale dopo aver perso i sensi a causa dello sciopero della fame.

Atena Farghadani

Atena libera. Cartone animato 2015.

Illustrazione di Elena Ospina. Twitter / Instagram

Vignetta di Antonio Rodríguez.

Vignetta di Firuz Kutal.

L'umorismo nei guai, una raccolta di casi
Casi di vignettisti che hanno avuto problemi di una certa importanza a causa delle loro vignette o illustrazioni satiriche. Ci sono anche alcune storie di altre persone che, senza essere vignettisti, sono finite nei guai per averle condivise.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting