Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

 
 
Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

Era in Tennessee, ma sarebbe potuto accadere in qualsiasi altro luogo. Il consiglio scolastico della Contea di McMinn ha votato il 10 gennaio per vietare (di solito lo chiamano “ritirare”) da tutte le scuole il romanzo grafico Maus di Art Spiegelman, un’opera di fama mondiale sull’Olocausto e sul ricordo che ha vinto il primo e unico Premio Pulitzer per i fumetti nel 1992, oltre ad altri premi.

I dieci membri i membri del Consiglio di Amministrazione Mike Lowry, Bill Irvin, Quinten Howard, Jonathan Pierce, Mike Cochran, Donna Casteel, Sharon Brown, Tony Allman, Denise Cunningham e Rob Shamblin hanno votato per rimuovere il libro dalla lista di lettura, in modo che gli studenti di Arte Linguistica non abbiano accesso al libro nelle scuole.

Continuando la recente ondata di iniziative conservatrici di messa al bando dei libri, il Consiglio scolastico della Contea di McMinn ha votato per vietare il libro in quanto include otto parolacce, tra cui“Dannazione” e“immagini(disegni) di donnenude(sic), in questo caso topi, a quanto pare

Nel caso delle parolacce, sembra che questo “Dio Damm” sia la causa centrale e, ancora una volta, l’assurdità della censura religiosa degli avvocati lepenisti di Dio viene alla ribalta.

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

È un bel modo di ridurre le centinaia di pagine di un classico essenziale. Chiunque l’abbia letto sa che non indulge nel ludibrio, né contiene scene particolarmente “pornografiche”, tutt’altro. In effetti, bisogna cercare bene per trovare qualcosa che assomigli al tipo di sporcizia che si dice contenga. Un altro passaggio del puritanesimo portato all’estremo.

In generale, è tutto così grottesco che non so da dove cominciare per esprimere la mia opinione. Si può solo ricordare un capitolo, anch’esso molto assurdo, relativo a Maus, quando nel 2015 il fumetto è stato ritirato dai negozi russi per “propaganda nazista”.

Non è disponibile un video della riunione, ma c’è questa trascrizione completa dei verbali.

Dalla lettura dei verbali è chiaro che i partecipanti sono assurdamente chichinabici e moralisti. Hanno impostato un dibattito sull’uso delle “parolacce” come tema centrale, in cui ricreano uno scenario surreale in modo che la questione della “profanità” prevalga su qualsiasi altra considerazione

Sembra che dimentichino che qualche sfogo e qualche nudità (non so esattamente dove si trovi, e ho riletto MAUS I e II, suppongo sia la vignetta sul suicidio della madre) senza altra intenzione che quella di mostrare realtà in un contesto come quello dei personaggi, dovrebbe essere considerata qualcosa di naturale come una parte inseparabile dell’opera.

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

La ricostruzione della storia attraverso i ricordi degli autori che l’hanno vissuta per riciclarla e riscriverla, trasformandola in una sorta di film Disney, è una delle forme più ridicole del nuovo revisionismo prudente.

Inoltre, cosa pensano di ottenere ora che i media di tutto il mondo hanno ripreso il divieto? Quale reazione si aspettano dagli studenti e dal pubblico in generale? Cosa succederebbe se domani centinaia di studenti si presentassero a scuola con una copia di MAUS sotto braccio?

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

Da TN Holler ha telefonato alla commissione e ha chiesto se il fatto che il libro parli dell’Olocausto avesse qualcosa a che fare con la decisione, e gli è stato risposto di no. Tuttavia, TN Holler ritiene che il clima di censura conservatrice, l’approvazione di leggi sull’imbiancamento della storia che minacciano di multe gli insegnanti che insegnano la verità, e la spinta verso la proibizione dei libri a livello statale da parte di gruppi come “Libertà per i tuoi”, “Libertà per i tuoi” e “Libertà per l’Olocausto”, siano tutti fattori che hanno influenzato la decisioneMamme per la libertà“(libertà per i propri, si sa) è giusto mettere in dubbio la tempistica.

Gran parte della discussione ha riguardato il modo in cui vengono selezionati i libri per il curriculum, puntando il dito contro gli standard statali che ultimamente sono diventati un sacco da box tra i conservatori. Si è anche discussa la possibilità di “eliminare” le parole ritenute discutibili e/o cariche di profanità, ma si è deciso che sarebbe stato meglio vietare del tutto le graphic novel.

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

TN Holler ricorda anche che in dicembre dello scorso anno nell’East Tennessee, l’insegnante Matthew Hawn è stato licenziato dopo 17 anni di professione per aver condotto una discussione sul privilegio dei bianchi. E la legislatura statale del Tennessee ha recentemente approvato il suo “divieto di privilegio anti-bianco”, cheCRT“che minaccia di imporre multe massicce agli insegnanti o ai distretti scolastici che insegnano la verità sulla nostra storia e sulla razza.

Justin Kanew ritiene inoltre che, “a prescindere dal motivo per cui è stata presa questa decisione, ci troviamo in un clima in cui viene sferrato un attacco prolungato contro le nostre scuole, i nostri insegnanti e la verità”

“Il furore contro la Teoria Critica della Razza, che i think tank repubblicani hanno creato per ottenere un guadagno politico, è diventato una scusa per le persone di destra per cercare di bloccare le iniziative di diversità, equità e inclusione e le cose con cui non sono d’accordo in generale, e ora la messa al bando dei libri dei conservatori sta vivendo un buon momento. Dobbiamo insegnare la verità sulla nostra storia. O si ripeterà, conclude Kanew.

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

A quanto pare, alcuni dei presenti alla riunione in cui è stato deciso il divieto sono intervenuti in difesa del libro e molti insegnanti della contea sono rimasti sconvolti dalla decisione, mentre altri sembravano favorevoli alla rimozione delle parole discutibili:

Ecco cosa hanno detto alcuni dei membri del Consiglio di amministrazione in quella riunione.

Tony Allman, membro del Consiglio scolastico

“Perché il sistema educativo promuove questo tipo di cose, non è saggio e non è salutare… Non nego che sia stato orribile, brutale e crudele. È come quando si guarda la TV e arriva una parolaccia o una scena di nudo, ma il film sarebbe lo stesso anche senza. Beh, sarebbe lo stesso libro senza di esso… Se avessi un figlio in terza media, questo non accadrebbe. Se dovessi spostarlo e farlo studiare a casa o metterlo da qualche altra parte, questo non accadrà”.

Jonathan Pierce, membro del Consiglio scolastico:

“La mia obiezione, e mi scuso con tutti coloro che sono seduti qui, è che i miei standard contano – e sono probabilmente il più grande peccatore e la persona più cruda in questa stanza, posso metterlo davanti a un bambino e dirgli di leggerlo, o fa parte del suo compito di lettura?”

Mike Cochran, membro del Consiglio scolastico:

“Ho frequentato la scuola qui per tredici anni. Ho imparato matematica, inglese, lettura e storia. Non ho mai avuto un libro con una foto di nudo, né un libro con un linguaggio scurrile

In terza elementare, uno dei miei compagni di classe è venuto da me e mi ha detto: ‘Cos’è questa parola? L’ho pronunciato ed era “damn”, e mi sono sentita molto orgogliosa di me stessa perché l’avevo pronunciato. È corsa subito dall’insegnante e le ha detto che stava bestemmiando. A parte quel libro che credo abbia portato da casa, ora ho visto una parolaccia in un libro di testo a scuola. Quindi l’idea che dobbiamo avere questo tipo di materiale in classe per insegnare la storia, non mi convince. “

Julie Goodin, supervisore didattico:

“Posso parlare della storia, sono stata un’insegnante di storia e non c’è nulla di bello nell’Olocausto e per me questo è stato un ottimo modo per rappresentare un periodo orribile della storia

Il signor Spiegelman ha fatto del suo meglio per rappresentare la scomparsa di sua madre e siamo a quasi 80 anni di distanza. È difficile per questa generazione, questi ragazzi non sanno nemmeno dell’11 settembre, non erano nemmeno nati.

Per me questo era il suo modo di trasmettere il messaggio. Le parole sono discutibili? Sì, non c’è nessuno che pensi di non esserlo, ma togliendo la prima parte, non cambia il significato di ciò che sta cercando di rappresentare e il copyright… Ho un bambino di terza media e anche se togliessero questo libro, vorrei che lo leggesse perché dobbiamo insegnare ai nostri figli.

queste parole sono giuste? No, affatto, non è accettabile, ma il problema è che siamo a 80 anni di distanza dall’Olocausto stesso. Penso solo che sia un punto di partenza serio per i nostri insegnanti. Sono appassionata di storia e mi dispiacerebbe privare i nostri figli di questa opportunità. Insegneremo queste parole da questo libro come parole del vocabolario? No, lei mi conosce bene, Tony Allman”

Melasawn Knights, Supervisore del Programma Federale:

“Penso che ogni volta che si insegna qualcosa della storia, le persone si sono impiccate agli alberi, le persone si sono suicidate e le persone sono state uccise, oltre sei milioni di persone sono state uccise. Penso che l’autore lo ritragga perché è una storia vera di suo padre, che ha vissuto quella situazione

Cerca di ritrarre al meglio questo aspetto con il linguaggio che sceglie per relazionarsi a quel periodo, forse per aiutare le persone che non sono state presenti all’epoca a relazionarsi davvero con gli orrori di quel periodo.

il linguaggio è sgradevole? Certo, penso che sia il modo in cui utilizza quel linguaggio a rappresentare che… Facciamo del nostro meglio per scrivere al meglio e seguire la legge e questo è ciò che riteniamo di aver fatto al meglio per rispondere alle preoccupazioni su quel linguaggio. Riteniamo che sia un libro prezioso e la maggior parte dei supervisori qui presenti lo ha letto”.

Steven Brady, supervisore didattico:

“Ogni lezione che teniamo ci dà l’opportunità di apportare un cambiamento in meglio per i nostri studenti. Quando insegniamo le abitudini caratteriali, insegniamo ai nostri studenti a essere persone migliori. Un tempo questo accadeva ogni giorno a casa, ma se pensiamo a ciò che accade oggi e alla vita dei nostri studenti, molti di loro vivono in case distrutte, quando un giorno sono in una casa e il giorno dopo in un’altra. L’elenco delle cose che devono affrontare è infinito. Che ce ne rendiamo conto o meno, la scuola è la cosa più stabile nella vita di molti dei nostri studenti

Ciò che gli studenti vedono e sentono nel luogo in cui vivono potrebbe non essere appropriato in alcuni ambienti e noi abbiamo l’opportunità, con ogni lezione, di cambiare ciò che i nostri studenti vedono come giusto. Abbiamo l’opportunità di influenzare la loro etica, la loro morale e la loro educazione

Apprezzo la posizione che tutti voi state assumendo per assicurare all’opinione pubblica che abbiamo a cuore i nostri figli, e crediamo che sia importante insegnare ai nostri studenti la differenza tra giusto e sbagliato e aiutarli a diventare persone etiche con compassione e morale, nel rispetto degli altri

Non stiamo promuovendo l’uso di queste parole, semmai stiamo promuovendo che queste parole sono inappropriate ed è meglio non usarle. È inappropriato per la scuola, è inappropriato per la nostra conversazione qui e può sentirlo a casa, può vederlo in TV, ma non lo stiamo promuovendo

Ci sono molte lezioni da imparare attraverso questo libro su come trattiamo gli altri, su come parliamo, sulle cose che diciamo, su come ci comportiamo e su come perseverare. Volevo solo che vi faceste un’idea del perché queste lezioni sono strutturate nel modo in cui lo sono e del fatto che questo testo è circondato da estratti e articoli e delle cose che facciamo per costruire questa conoscenza di base e dell’opportunità che abbiamo di fare la differenza nella vita dei nostri studenti”.

In breve, il conservatorismo e l’ultracattolicesimo sono la sua massima espressione.

Reazioni

Ed ecco la reazione di Art Spiegelman. In breve, ha definito il consiglio scolastico “orwelliano”, ha detto di essere scioccato e che l’intera faccenda gli sembra folle. Folle.

Effetto Streisand

Ancora una volta, l’effetto Streisand ha fatto la sua comparsa, per molti giorni, Maus appare nella lista dei più visti di Amazon. Così, il 31 gennaio (data di questo screenshot) tre edizioni di Maus appaiono nelle posizioni 1, 3 e 7.

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

Copia in archivioquando ho registrato la copia, i pali erano cambiati in 1, 3 e 9.

Una fumetteria regala copie gratuite

Nirvana Comicsun negozio di fumetti di Knoxville ha annunciato giovedì che regalerà copie di MAUS agli studenti interessati a leggerlo e che vogliono saperne di più sull’Olocausto. Fonte (vedere con VPN)

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

Pubblicità dal negozio su Instagram

Dal negozio hanno annunciato che regaleranno copie del libro perché “credono che sia una lettura obbligatoria per tutti”. Hanno detto che tutto ciò che gli studenti devono fare è ordinare una copia chiamandoli o contattandoli sui social media. Tuttavia, hanno avvertito di avere un numero limitato di copie, quindi potrebbe esserci una lista d’attesa.

Dichiarano di aver fatto un grosso ordine di MAUS, che sperano arrivi presto, dato che tutte le loro scorte abituali sono state prese in prestito o vendute.

Hanno aggiunto che sono in trattative con un’organizzazione molto più grande per espandere il programma e che chiunque può sostenere l’iniziativa con donazioni. Inoltre, hanno intenzione di aprire un crowdfunding per organizzare meglio l’azione

Aggiornamento 1 febbraio

Richard Davis, proprietario di Nirvana Comics, hagià raccolto oltre 88.000 dollari (in rapida ascesa) da 2.800 donazioni su Gofundme per acquistare copie di Maus e distribuirle agli studenti.

Progetto Nirvana Comics Knoxville: Maus su Gofundme

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

E Maus è già presente nella lista di Barnes & Noble, la più grande libreria degli Stati Uniti, come bestseller. Copia in Archivio.it.

Maus di Art Spiegelman è bandito dalle scuole della Contea di McMinn

Promemoria

Nel 2005, le Nazioni Unite hanno dichiarato il 27 gennaio, giorno della liberazione di Auschwitz, come Giornata Internazionale di Commemorazione annuale in memoria delle vittime di Auschwitz Olocausto.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados