Melvin contro E.T. La storia di Joaquín Blázquez (2006)

 

Teaser/trailer del documentario salvato dalle viscere di Internet.

Documentario di La caja Negra Producciones sul fumettista spagnolo che ha accusato Steven Spielberg di plagio, di cui esistono molti riferimenti su Internet, ma non credo sia mai stato terminato.

Non sono riuscita a trovare alcun link a notizie sulla sua uscita o se abbia mai ottenuto i fondi necessari per finanziarlo. Ho inviato una richiesta di informazioni alla casa di produzione, ma non ho mai ricevuto una risposta. Tutto sembra indicare che il documentario non è mai stato terminato o non è mai stato rilasciato.

Ho cercato e chiesto ovunque e nessuno l'ha visto o ricorda che sia stato annunciato ai festival o in altri media.

Nella copia del suo sito web conservata in Archivio, c'è questa informazione su come stava andando il finanziamento del documentario:

Il budget per il documentario è di 60.000 euro e per finanziarlo stiamo cercando la partecipazione di organizzazioni e persone interessate sia al progetto stesso che al metodo di produzione originale che proponiamo.
Sappiamo che è possibile. Infatti, le persone che conoscevano la proposta prima che questo sito web venisse alla luce hanno già contribuito a un quarto del costo totale del progetto.

In quello che era il sito web del documentario c'è anche una nota del regista con questo testo:

All'inizio degli anni '70, un gruppo di fumettisti, sceneggiatori e redattori, di importanza trascendentale nella storia del fumetto per adulti in Spagna, si trasferì a Premià de Mar, una città vicino a Barcellona.

Io sono di Premià de Mar e nel mio palazzo, due piani sotto, vivevano Joaquín e Conchita (sua moglie). Ora, la vedova ha dovuto traslocare dall'appartamento che avevano affittato dal 1971 e, nel fare il trasloco, ha riscoperto cartelle di disegni, film in super 8, diari e scritti personali, ritagli di giornale, lettere a Spielberg e una valigia piena di schizzi che non guardava da più di due decenni. Ora nemmeno lui ha potuto farlo e mi ha dato tutto il materiale da studiare e conservare. È un'opportunità privilegiata per conoscere un periodo importante dei fumetti spagnoli e per salvare la lotta polemica di Joaquín contro Steven Spielberg.

Víctor Saràbia

E questo altro testo su Joaquín Blázquez:

Joaquín Blázquez Garcés è nato a Barcellona il 6 ottobre 1946. Il suo primo lavoro professionale fu all'età di 13 anni per l'agenzia "Bardon Art" e a 18 anni realizzò la sua prima serie, "Buffalo Bill", nel classico formato paesaggistico dei quaderni d'avventura.

Dopo essersi dedicato ai fumetti umoristici, nel 1975 ha contattato l'agenzia di Barcellona "Selecciones Ilustradas" con l'intenzione di pubblicare negli Stati Uniti per "Warren". I suoi primi test furono accettati e decise di lavorare con sceneggiature americane fino a quando, nel 1977, prese parte attiva alla rivista "Eh!", che chiuse dopo 10 numeri, e tornò a "Bardon" per lavorare per il mercato inglese. Contattò immediatamente "Editorial Norma", dove continuò a scrivere serie romantiche per l'Inghilterra. Nello stesso anno, Blázquez soffre di una crisi creativa e cade in una depressione nervosa che lo tiene lontano dal mondo dei fumetti fino a quando, alla fine del 1978, accetta di realizzare una serie per la Germania.

Fino al 1983 pubblicò opere in diversi Paesi e, quando uscì "E.T.", divenne ossessionato dalla richiesta di diritti d'autore per il design della creatura. Morì nel 1986 senza successo.

Melvin contro E.T. La storia di Joaquín Blázquez (2006)
Melvin, di Blázquez.

Sinossi del documentario:

Nell'ottobre del 1975, il fumettista di Barcellona Joaquín Blázquez Garcés (1946-1986), su commissione dell'editore americano "Warren Magazines", crea"Melvin", il personaggio principale del fumetto pubblicato l'anno successivo nel numero 49 di "Vampirella", intitolato "Then one foggy Christmas Eve". Che sorpresa per Joaquín quando, sette anni dopo, un personaggio molto simile al suo salta sul grande schermo per diventare una delle icone più importanti della settima arte: "E.T.. L'Extraterrestre".

Ora Joaquín è morto, e questo gli offre la prospettiva necessaria per analizzare, in modo critico e approfondito, la sua complessa storia di vita, collegandola trasversalmente con un periodo fondamentale del fumetto spagnolo.

Se vuole andare un po' più a fondo, può iniziare con l'intervista a Blázquez sull'argomento nella mitica rivista Cimoc nº 41 del luglio 1984.

Le 8 pagine complete del personaggio (1975).

Informazioni su Joaquín Blázquez (Testo tratto dal sito ufficiale del documentario)

Joaquín Blázquez Garcés è nato a Barcellona il 6 ottobre 1946. Il suo primo lavoro professionale fu all'età di 13 anni per l'agenzia "Bardon Art" e a 18 anni realizzò la sua prima serie, "Buffalo Bill", nel classico formato paesaggistico dei quaderni d'avventura.

Dopo essersi dedicato ai fumetti umoristici, nel 1975 ha contattato l'agenzia di Barcellona "Selecciones Ilustradas" con l'intenzione di pubblicare negli Stati Uniti per "Warren". I suoi primi test furono accettati e decise di lavorare con sceneggiature americane fino a quando, nel 1977, prese parte attiva alla rivista "Eh!", che chiuse dopo 10 numeri, e tornò a "Bardon" per lavorare per il mercato inglese. Contattò immediatamente "Editorial Norma", dove continuò a scrivere serie romantiche per l'Inghilterra. Nello stesso anno, Blázquez soffre di una crisi creativa e cade in una depressione nervosa che lo tiene lontano dal mondo dei fumetti fino a quando, alla fine del 1978, accetta di realizzare una serie per la Germania.

Fino al 1983 pubblicò opere in diversi Paesi e, quando uscì "E.T.", divenne ossessionato dalla richiesta di diritti d'autore per il design della creatura. Morì nel 1986 senza successo.

Nei riferimenti al documentario, diversi blog menzionano che, tra i disegni, i filmati in super 8, gli scritti personali e i ritagli di giornale che la vedova di Blazquez ha dato a Víctor Sarabia per la realizzazione del documentario, c'erano anche delle lettere a Spielberg, anche se tutte le fonti affermano che non ha mai ricevuto una risposta dal regista di E.T.

In seguito Blazquez avrebbe sofferto di depressione nervosa e sarebbe morto all'età di quarant'anni a causa di un ictus che alcuni attribuiscono alla sua continua assunzione di droghe e alcol.

il massimo che sono riuscito a ricavare è che il vicino del piano di sopra diceva: "Oh, guarda, ha fatto E.T." (Joaquín Blázquez)

Il documentario aveva anche un teaser/trailer(traccia in Archivio).

Ilsito web ufficiale(copia in Archivio) aveva anche un blog.

Una recensione in Casa Sagra.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting