Pausa tattica

 
Pausa tattica

Pausa tattica. Vignetta del 22/06/2024 in CTXT

Qualche giorno fa, Israele ha annunciato "pause tattiche" in un certo punto di un percorso nel sud di Gaza per "facilitare gli aiuti". Tuttavia, Netanyahu ha confermato poco dopo di non essere stato informato di questa "pausa tattica" e ha promesso un'indagine. Annunciare indagini è un'altra delle ipocrite e vuote prese in giro per tutti i suoi crimini.

L'annuncio di queste "pause tecniche" è l'ennesimo insulto all'intelligenza nato dalla propaganda genocida, perché Israele ha continuato a bombardare deliberatamente i rifugi gestiti dalle Nazioni Unite e a uccidere gli sfollati al loro interno.

L'ultima settimana in Palestina ha visto le ore più dure e sanguinose delle ultime settimane. I bombardamenti israeliani si sono estesi al nord, al sud e al centro della Striscia, causando circa 100 morti, 42 solo nella capitale. Il Segretario generale delle Nazioni Unite denuncia l'"anarchia" e il"caos totale" nella Striscia causati dall'invasione e avverte dell'imminente carestia nel nord di Gaza.

Le Nazioni Unite hanno denunciato che ogni giorno dieci bambini subiscono amputazioni a causa dei bombardamenti a Gaza. Almeno 20 palestinesi sono stati uccisi da casse di aiuti paracadutate, altri sono rimasti feriti o hanno perso i loro tetti già precari.

Secondo Euro-Med Human Rights Monitor, dall'alba di martedì 25 giugno ci sono stati quattro attacchi israeliani contro rifugi, oltre alla demolizione di diverse case sopra le teste dei loro occupanti. Questi attacchi hanno provocato numerosi morti e feriti, soprattutto donne e bambini. Nel pomeriggio del 25 giugno, gli aerei israeliani hanno bombardato anche il centro di accoglienza di Nadi al-Jazeera, a ovest di Gaza City, uccidendo uno sfollato e ferendone altri.

I genocidi, i genocidi, non hanno nemmeno leggermente attenuato i loro atti criminali, l'esercito ha convertito una scuola delle Nazioni Unite in una caserma militare durante le sue operazioni nella città di Gaza iniziate mesi fa, dopo aver sfollato o ucciso coloro che vi avevano cercato rifugio.

L'esercito di psicopatici israeliani è balzato nuovamente agli onori della cronaca nelle ultime ore per aver legato il palestinese Mujahed Azmi al cofano di un veicolo militare blindato per usarlo come scudo umano durante un raid a Jenin, nella Cisgiordania occupata.

La famiglia di Mujahed Azmi ha raccontato che aveva richiesto un'ambulanza in quanto ferito, e ha finito per essere trasportato sul cofano del veicolo per circa quindici minuti. I soldati hanno impedito alle ambulanze della zona di avvicinarsi per consentirgli di essere curato per le ferite riportate. L'esercito israeliano ha "condannato" l'incidente e ha detto che avrebbe indagato, ma scommetto un organo vitale che non ne sapremo mai di più.

Con il numero di "indagini" che hanno già annunciato sui crimini che hanno commesso e continuano a commettere, i processi di Norimberga sembreranno un aneddoto.

Tutto questo è solo una goccia nell'oceano delle quotidiane violazioni dei diritti umani che sono note perché qualcuno è disposto a rischiare la pelle per documentarle. I soldati non si preoccupano più di nascondere le loro intenzioni genocide.

La vignetta in cima a questo post è basata sulla fotografia di un saccheggiatore dell'IDF che si vede qui.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados
¿Algo que decir?

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting