Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

 
 

Questo post non include link sponsorizzati o contenuti promozionali e si basa esclusivamente sulla mia esperienza.

Una Content Delivery Network o CDN è una rete di server in tutto il mondo che memorizza copie dei suoi contenuti e li distribuisce dal server più vicino al Paese di origine del visitatore.

Questo, in linea di massima, oltre ad alleggerire il carico sul suo server, aumentando la larghezza di banda con risorse più numerose e migliori, migliora in modo significativo la velocità del suo sito.

ne ho bisogno?

La risposta migliore, come sempre, è: dipende. Potrebbe prendere in considerazione l’utilizzo di un CDN se la risposta ad alcune di queste domande è sì.

  • ha già molti contenuti e ospita e serve molte immagini, grafica, eccetera?
  • riceve regolarmente un traffico sufficiente da altri Paesi da continenti diversi?
  • il suo sito web è lento?

Anche se non esiste una risposta assoluta e dovrà valutare se ne ha bisogno in base alle circostanze del suo blog, deve anche essere consapevole che se il suo sito riceve poco traffico, l’uso del CDN probabilmente non le porterà alcun beneficio e non noterà alcun miglioramento Ecco la spiegazione.

L’ultimo CDN che ho utilizzato è stato Cloudflare e la verità è che non mi ha convinto, alcune opzioni che promettevano miglioramenti delle prestazioni in realtà hanno avuto l’effetto opposto.

Proxy inverso CDN

Come Cloudflare, anche QUIC CDN è un fornitore di reverse proxy CDN. I normali fornitori di CDN (AWS CloudFront, Google Cloud CDN, ecc.) servono solo i suoi file statici (immagini, CSS, JS, ecc.) dai loro server

Tuttavia, i fornitori di reverse proxy CDN servono tutti i suoi file statici e i file HTML dinamici dal loro CDN. Questa capacità offre alcuni vantaggi aggiuntivi rispetto a qualsiasi normale provider CDN, rendendo il caricamento delle pagine significativamente più veloce.

QUIC.cloud vs Cloudflare

Con l’arrivo del CDN QUIC.cloud di LiteSpeed, è stato scritto quanto segue molti confronti QUIC.cloud vs Cloudflare, quindi passerò in rassegna le differenze, che non sono molte, ma quelle che esistono sono notevoli.

Per riassumere, dove Cloudflare vince chiaramente è nel numero di sedi PoP.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed
Più info sulla rete globale QUIC.cloud

QUIC.cloud ha attualmente 70 PoP in 8 regioni, mentre Cloudflare ha punti in 250 città in oltre 100 Paesi, compresa la Cina continentale, coprendo quasi il 95% del globo e un numero molto elevato di Paesi buona latenza.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed
Più info sulla rete globale di Cloudflare

I punti di forza di QUIC.cloud sono le prestazioni per WordPress, grazie all’integrazione sul lato server con il plugin LiteSpeed Cache, e il resto del programma gratuito servizi strumenti di ottimizzazione gratuiti che offre.

Requisiti

Ovviamente deve avere WordPress installato e, come avrà già dedotto, per utilizzare QUIC.cloud CDN deve avere il suo sito ospitato su un hosting con LiteSpeed e il suo plugin cache installata

Se è così, avrà anche dei crediti gratuiti per utilizzare il loro CDN, che potrebbe essere sufficiente se il suo traffico non è molto elevato. Come in quasi tutti gli altri servizi di questo tipo, i crediti per estenderli in caso di necessità sono piuttosto economici

Prima di entrare nel vivo della questione, a questo strumento può verificare se il suo dominio supporta QUIC e HTTP/3.

L’opzione gratuita è ottima per provarla. Non ha limiti di spesa, ma è limitato nei nodi e nelle regioni e offre solo 6 PoP. Offre una sicurezza di base e mostra solo l’analisi del traffico recente.

L’opzione Standard, con 70 PoP, anch’essa gratuita, offre tra i 10 e i 200 crediti mensili a costo zero (100 crediti equivalgono a circa 10 Gb, anche se il consumo varia a seconda del continente) e da lì si devono acquistare i crediti.

Quando i crediti si esauriscono, viene semplicemente disconnesso e riconnesso all’inizio del mese successivo, quando il credito gratuito viene ripristinato.

Standard offre nodi multipli e regioni ad alte prestazioni. Funzionalità di sicurezza come l’anti DDoS e il controllo dell’accesso IP, nonché report analitici fino a un anno fa.

Configurare il CDN

Il 9 marzo l’ho attivato qui, quindi, dato che ho il processo fresco, lo lascio qui nel caso in cui serva da guida per qualcuno

Configurar y activar QUIC.cloud CDN en LiteSpeed

Per iniziare, deve richiedere la chiave al plugin Litespeed Cache.

Dopo aver atteso qualche minuto, quando si aggiorna, il messaggio che la richiesta è stata approvata apparirà in alto.

Ora, cliccando sul pulsante “Link a Quic Cloud” nella prima immagine, potrà creare un account. Se non ne ha uno, dovrebbe crearne uno.

Configurar y activar QUIC.cloud CDN en LiteSpeed

Una volta effettuato l’accesso con il suo nuovo account Quic.Cloud, sarà reindirizzato al plugin LiteSpeed Cache, dove noterà che il pulsante arancione sarà ora verde e la porterà direttamente all’area di amministrazione.

Clicchi qui.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

La prima cosa che vedrà è il pannello con il suo dominio già collegato, clicchi su di esso.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Il CDN apparirà in cima all’elenco dei servizi con lo stato“Disabilitato“, clicchi lì

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Ora vedrà il pulsante di attivazione del CDN, ma non potrà cliccarlo per attivarlo.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Per attivarlo, dobbiamo tornare al nostro plugin LiteSpeed Caché e farlo da lì. Controlliamo ON e le modifiche vengono salvate.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Torni al pannello di Quic.cloud e potrà attivarlo. Lo attivi.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Scelga la prima opzione:“Voglio utilizzare il DNS di QUIC.cloud“. Questo è il modo più semplice e veloce per utilizzare il suo dominio principale (root).

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Nella fase successiva, dopo aver cliccato su “Conferma la scelta” e aver atteso un po’, la zona DNS verrà generata e configurata. Se ne ha bisogno, può modificarlo, cancellarlo, aggiungere nuovi record, ecc. in un secondo momento.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

I record verranno rilevati automaticamente e verrà visualizzato un elenco simile a questo.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Effettuiamo la nostra selezione e clicchiamo sul pulsante verde“+ Abilita e aggiungi record“.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Vengono generati e assegnati i Nameserver di QUIC.cloud, che lei dovrà ora inserire al posto di quelli che ha nel suo dominio.

Per farlo, deve recarsi presso il suo provider, dove ha acquistato il dominio, accedere alla zona di gestione DNS e aggiungere i nuovi nameserver forniti da QUIC.clod.

Nell’esempio dell’immagine, la modifica del DNS in CDMon.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Ora deve attendere circa 24 ore prima che si propaghino completamente, questo tempo varia a seconda del provider e delle circostanze della rete.

Quando torna al suo pannello QUIC.cloud e lo aggiorna, scoprirà che il CDN è già verificato e attivo, ma con un avviso che il certificato non è ancora riconoscibile e un messaggio con un conto alla rovescia.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Aspettiamo questo tempo e si presume che quando il certificato verrà riconosciuto, tutto sarà pronto e il suo blog avrà il CDN in uso. Quando si aggiorna, dovrebbe vederla in questo modo:

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Ora deve solo configurare alcune opzioni in “Configurazione CDN” nel menu a sinistra. Questi sono quelli di base per il funzionamento abituale del CDN, il resto può configurarlo come desidera.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Aggiornamento luglio 2022. Nell’aggiornamento 5.0.0.1 del plugin è stata aggiunta la funzione di configurazione automatica del CDN per una semplice configurazione del CDN di QUIC.cloud.

Controllare le prestazioni del CDN

Infine, una volta verificato che i DNS siano stati propagati (può seguire l’evoluzione della propagazione qui) deve solo verificare che il CDN sia attivo e faccia il suo lavoro. Per assicurarsi che tutto sia come dovrebbe essere, inserisca l’URL del suo dominio nella sezione questo checker liteSpeed e dovrebbe vedere qualcosa di simile a questo:

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Può anche verificare che x-qc-cache:hit e x-qc-pop: NA-US-LGA-33 (o un altro codice paese , come può verificare qui ) appaiano nelle intestazioni con l’ispettore codice del suo browser (Ctrl + Shift + C) e consultando Rete/Tutti nel dominio.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Informazioni sui crediti

I crediti gratuiti servono solo come prova. Posso dirle che ho esaurito i 100 crediti (10 Gb) gratuiti in meno di 10 giorni (ho avuto anche un paio di buoni picchi di traffico in quel periodo) e sono passato al piano FREE per poter continuare a testarlo.

Il 5 aprile sono tornato al piano Standard e ho acquistato 5000 crediti per 5 dollari (circa 4,5 euro). Ebbene, ad oggi (27 maggio) mi restano ancora 4027 crediti. Quindi, a seconda dell’attuale media di traffico e dell’origine, questi crediti possono durare da quattro a sei mesi al massimo. È davvero economico. Questi sono prezzi corrente.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed

Il punto è scegliere le regioni da cui riceve il maggior traffico e disattivare quelle più “costose”, se il numero di visite da quei luoghi non è significativo. Ovviamente, le visite provenienti dalle aree disattivate non passeranno attraverso il CDN di Quic Cloud.

Stato del credito.

Configurazione del CDN QUIC.cloud su LiteSpeed


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting

Grandes personan que patrocinan.

Patreon

Recibe contenido extra y adelantos desde sólo un dolarcito al mes como ya hacen estos amables lectores:

César D. Rodas - Jorge Zamuz - David Jubete Rafa Morata - Sasha Pardo - Ángel Mentor - Jorge Ariño - Vlad SabouPedro - Álvaro RGV - Araq