La verità sui fumetti

 
 
La verità sui fumetti

La verità sui fumetti

Con questo gustoso titolo, il disegno di una ragnatela adorna questo inquietante opuscolo americano di 8 pagine, che ritengo sia stato pubblicato all’inizio o alla metà degli anni Cinquanta e che mette in guardia dai pericoli dei fumetti.

Questo racconto spaventoso inizia dicendo che ogni mese vengono venduti circa 90 milioni di fumetti e che la maggior parte di queste riviste tratta di crimini e sesso e viene acquistata da bambini e giovani.

Potete immaginare chi possa esserci dietro questo discorso, sì, il solito.

Il testo prosegue sottolineando che, “secondo il Wall Street Journal, 840 milioni di copie sono in circolazione ogni anno, il 20% in più rispetto a quattro anni fa”.

Aggiunge che la delinquenza giovanile è aumentata (benedetta coincidenza) di circa il 20% e che la cosa peggiore è che i giovani e i bambini sono coinvolti in crimini violenti.

Molte di queste riviste offrono, con testi e immagini, una descrizione dettagliata di come rubare e uccidere. E i bambini possono rapinare una caramella così come una banca.

caramelos

Da qui iniziano a indicare i fumetti, e coloro che li vendono, come la causa di tutti i mali e le disgrazie dei bambini e invitano i cristiani ad agire per impedire che vengano venduti e letti.

Per illustrarlo, si basano su eventi allarmanti e drammatici raccontati in alcuni testi del Dott Fredric Whertham nel 1953.

Il suo libro più conosciuto è stato La seduzione dell’innocente (1954), riuscì a far organizzare una commissione d’inchiesta al Congresso degli Stati Uniti contro l’industria dei fumetti e gettò le basi per la creazione del Comics Code.

Gli eventi scelti per esemplificare la sua teoria del caos causato dai fumetti non potrebbero essere più cupi.

Tre ragazzi di età compresa tra i sei e gli otto anni catturano un bambino di sette anni, lo appendono nudo a un albero con le mani legate e lo bruciano con dei fiammiferi.

L’indagine della polizia conclude che la colpa è, ovviamente, dei fumetti. Avevano ricreato una scena che aveva visto in un fumetto.

ninios-queman

Un ragazzino di 11 anni uccide una donna durante una rapina e quando vanno ad arrestarlo lo trovano circondato da fumetti.

Il fratello ventenne ha detto: “Se volete sapere la causa di tutto questo, eccola: sono quei fumetti marci”

mata

Un ragazzo di tredici anni commette il omicidio “lussurioso di una bambina di sei anni. Dopo essere stato arrestato, in prigione il ragazzo ha chiesto… fumetti. Lo Sceriffo si è rifiutato di darglieli, ovviamente. Sarebbe bello.

Un altro ragazzo di 13 anni, che perdeva la maggior parte del suo tempo a leggere fumetti, ha commesso un omicidio sessuale di una bambina di quattro anni.

murder

Il resto del testo di questo assurdo opuscolo è da non perdere, fa un ritratto apocalittico della società americana punita dalla terribile influenza dei fumetti e invita ad agire contro gli editori e i venditori di fumetti nei negozi locali e a pregare, tra le altre cose.

narices-verdeFonteho trovato la rivista in Comic Book Plusnon mi stanco mai di raccomandare questo sito.

pdf-2 Scarica (PDF)

narices-verdeAggiornamento 4 settembre 2014:

Ottimo lavoro di Ignacio Fernández Sarasola : “Fumetti e delinquenza giovanile negli Stati Uniti durante l’Età d’Oro” inTebeosfera2° EPOCA 12

Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados