Disabilitare le pagine AMP in WordPress

 
  • ES
  • JA
  • RU
  • CN
  • PT
  • DE
  • FR
  • EN
  • Disabilitare le pagine AMP in WordPress
    Sì, è così.

    Nascita

    Il 7 ottobre 2015, Google presentato Progetto Pagine Mobili Accelerate, quello che conosciamo come AMP. Nel 2016 è diventato operativo.

    Con la ragionevole argomentazione di migliorare le prestazioni delle pagine mobili, l’hanno spiegato in questo modo:

    “Ogni volta che un sito web impiega troppo tempo a caricarsi, si perde un lettore e l’opportunità di guadagnare attraverso la pubblicità o gli abbonamenti. Questo perché gli inserzionisti di questi siti web faticano a convincere i consumatori a prestare attenzione ai loro annunci quando le pagine si caricano così lentamente che le persone le abbandonano del tutto”.

    “L’obiettivo è migliorare drasticamente le prestazioni del web mobile. Vogliamo che le pagine web con contenuti ricchi, come video, animazioni e grafica, lavorino insieme agli annunci intelligenti e si carichino istantaneamente. Vogliamo anche che lo stesso codice funzioni su più piattaforme e dispositivi, in modo che i contenuti possano apparire ovunque in un istante, indipendentemente dal tipo di telefono, tablet o dispositivo mobile utilizzato”.

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Secondo Google, il progetto, basato su AMP HTML, è nato come un nuovo framework aperto realizzato interamente con tecnologie web esistenti, che rendeva facile la costruzione di pagine web leggere. Poco dopo, ci siamo resi conto che non era così semplice, era facile, ma perché quasi ogni personalizzazione era limitata.

    AMP aveva un gruppo iniziale di partner tecnologici, tra cui Twitter, Pinterest, WordPress.com, Adobe Analytics, Parse.ly, Chartbeat e LinkedIn, che prevedevano di integrare le pagine HTML AMP.

    AMP, restringendo il web

    Dal 2015 sono cambiate molte cose, come le risorse dei server di hosting e le velocità di connessione, ma AMP non si è evoluta allo stesso modo.

    Inoltre, la promessa di poter costruire pagine veloci è stata in parte fuorviante, perché anche se Google ha annunciato che AMP può essere servito dal suo server, sta ancora rilevando queste pagine per un cambiamento. AMP viene servito dai server di Google, utilizzando un codice open source, ma gestito da Google e solo da Google, cosa che per molti va contro la filosofia del web.

    Ma se migliorava la velocità, doveva essere testato. Anche questo era relativo. Se il suo sito web era lento, il miglioramento era evidente, ma oggi ci sono modelli che sono uguali o addirittura molto più veloci delle pagine AMP.

    Un altro aspetto negativo è che costringe a “rinchiudere” le pagine mobili nell’ecosistema di Google e dei suoi interessi e con possibilità di design molto ridotte, almeno per un utente medio, anche se possono aumentare le impressioni, tendono a dare un CTR quasi assurdo e tassi di rimbalzo esagerati.

    Come se non bastasse, chi visita una pagina AMP ha la sensazione di trovarsi di fronte a una pagina completamente diversa dalla versione desktop, il che per l’immagine del marchio non è altro che un pasticcio. Anche la possibilità di integrare elementi di base per l’usabilità e la navigazione scompare o diventa molto complicata.

    Oltre a tutto questo, molti ritengono che AMP danneggi la privacy, la sicurezza e l’esperienza Internet degli utenti e che aiuti Google a monopolizzare e controllare ulteriormente la direzione del Web.

    Poco spazio di manovra

    Per far funzionare AMP ci sono fondamentalmente due plugin, ufficiale e un altro gratuito che ha visto rapidamente il mercato per offrire estensioni a pagamento per tutte quelle cose, molte delle quali di base, che mancavano. Ci sono anche tanti altri plugin a pagamento.

    L’AMP non è un fattore di ranking

    AMP non è, né è mai stato, un fattore di posizionamento in sé, bensì la velocità di caricamento e altri fattori, ma offriva l’attrattiva di poter apparire in posizioni migliori in alcuni risultati del servizio Google

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Nel luglio 2021, Google ha annunciato la scomparsa dell’icona che contraddistingueva le pagine AMP nei risultati di ricerca mobile, è scomparsa anche dai risultati all’interno del carosello delle notizie, e dal giorno in cui ha lanciato l’applicazione AMP, ha deciso di non utilizzare l’icona Aggiornamento dell’esperienza della paginaè stato lanciato, avere AMP non era più un requisito per apparire in questi caroselli.

    Disinstallare AMP

    Cinque giorni fa ho detto addio alle pagine AMP, ci sono diverse guide su come rimuoverle senza lasciare link rotti e uccidere le sue classifiche.

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Il consiglio migliore, se decide di utilizzare AMP, è quello di farlo utilizzando il plugin ufficiale con la modalità parametri di query o la transizione tradizionale con la struttura URL abbinata alla stringa di query. Questo le consentirà di disinstallare il plugin se vuole liberarsene domani, senza dover fare altro

    Per farlo, si assicuri di selezionare“Cancella dati plugin disinstallati” nell’ultima opzione delle impostazioni del plugin. Questo eliminerà i dati di configurazione degli URL convalidati e i transienti utilizzati per memorizzare le dimensioni delle immagini e i fogli di stile analizzati.

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Dopo aver disinstallato e cancellato il plugin, gli url AMP verranno reindirizzati al suo canonical e in un periodo che va da pochi giorni a un paio di settimane, Google deindicizzerà gli url AMP dal suo motore di ricerca

    Se vuole accelerare un po’ il processo, o piuttosto avvisare Google di rivedere i suoi indirizzi, può ripresentare la sua sitemap da Search Console.

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Se vuole anche assicurarsi che stiano reindirizzando correttamente, può utilizzare questo snippet e poi visitarle per verificare che le pagine /?amp=1 reindirizzino alla loro versione canonica.

    <?php
    
    add_action( 'template_redirect', function() {
    if ( isset( $_GET['amp'] ) ) {
    wp_safe_redirect( remove_query_arg( 'amp' ), 301 );
    exit;
    }
    } );

    Per la modalità /amp/ non è così semplice come disinstallare ed eliminare il plugin e richiede un reindirizzamento da .htaccess o l’utilizzo di un plugin di reindirizzamento. Può leggere i passaggi qui o qui se non utilizza il plugin ufficiale.

    Primi effetti della disinstallazione di AMP

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Il primo effetto immediato è che ho smesso di perdere molte ore per risolvere la serie di errori relativi alle pagine AMP che ricevevo quasi ogni giorno in Search Console. Ce n’erano così tanti, e a volte così irrisolvibili, che sono arrivata a disattivare le notifiche.

    La cosa più importante, almeno nel mio caso, è che il tempo trascorso sulla pagina e il numero di pagine visitate per sessione stanno iniziando ad aumentare, e quindi la frequenza di rimbalzo ha iniziato a diminuire.

    Anche se è ancora un po’ presto per avere dati sufficienti per fungere da elemento di confronto, non ho trovato nulla che possa essere considerato negativo nell’utilizzo delle pagine AMP.

    In termini di velocità di caricamento, ho persino ottenuto una modesta riduzione all’interno del piccolo margine di miglioramento che era già stato lasciato.

    Disabilitare le pagine AMP in WordPress

    Per riassumere

    Non tutto ciò che riguarda le pagine AMP è negativo. Se il suo sito web è lento, non ha molte idee sull’ottimizzazione e sul design e non le interessano le limitazioni che ne derivano, è un’opzione semplice e veloce per migliorare la velocità delle sue pagine mobili. Se invece la sua versione mobile nativa è veloce o può ottimizzarla per esserlo, non ha bisogno di AMP e può ottenere risultati migliori.


    Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

    Artículos relacionados