La lenta ed eterna agonia dei cartoni nei media tradizionali

 
 
La lenta ed eterna agonia dei cartoni nei media tradizionali

La lenta ed eterna agonia dei cartoni nei media tradizionali

Pagine di opinione di quattro giornali canadesi senza vignette.

Il vignettista Graeme MacKay (Ontario, 1968) conto sulla sua pagina Facebook che quattro dei principali giornali canadesi del gruppo, il Calgary Herald, Montreal Gazette Postmediail Calgary Herald, la Montreal Gazette, l’Ottawa Citizen e il Regina Leader Post hanno pubblicato foto di repertorio al posto tradizionale delle vignette editoriali nelle loro pagine di opinione.

Secondo il vignettista, ciò non è dovuto alla mancanza di contenuti satirici disponibili, ma ai tagli di budget.

L’abbandono delle vignette editoriali fa risparmiare ai giornali dai 15 ai 20 dollari sul lavoro dei freelance, ma gli editori ignorano il fatto che le vignette editoriali sono spesso la prima cosa che i lettori vedono sulle loro prime pagine vignette editoriali sono spesso la prima cosa che i lettori cercano nei loro giornali. Inoltre, incoraggia i suoi lettori a far sapere a questi giornali che questa tendenza di eliminare le vignette è inaccettabile.

La lenta ed eterna agonia dei cartoni nei media tradizionali

che cos’è una vignetta editoriale?
L’illustratore e vignettista di Cincinatti, Kevin Necessary, ha pubblicato questa breve storia di vignette cercando di spiegare cosa sia, secondo lui, una vignetta editoriale.

Ho cercato di trovare qualche riferimento più dettagliato su questi ritagli (sto ancora cercando), ma non sono riuscita a trovare una fonte affidabile e vicina che ne parli. Non so se questo gruppo di media abbia deciso di eliminare definitivamente i cartoni animati o se si tratti di una cosa temporanea.

L’anno scorso, il gruppo Postmedia siera già scusato e aveva cancellato la pubblicazione di una striscia sindacale che girava su tre dei suoi giornali, dopo una polemica su una battuta ritenuta offensiva. Decine di media in Canada hanno seguito l’esempio e hanno cancellato la pubblicazione della serie di strisce “Close to Home del vignettista statunitense John McPherson per una vignetta su Lone Ranger e Tonto.

Più media, meno spazio per i cartoni animati

Anche se di tanto in tanto ci sono articoli di opinione piuttosto selvaggi da parte di autori americani che prevedono e/o assicurano la scomparsa definitiva dei cartoni animati il problema di riempire il frigorifero di vignette non è il migliore dei momenti, ma è abbastanza evidente che le vignette (nella loro versione abituale più “editoriale”) non sono al loro meglio quando godono di buona salute su Internet, almeno in termini di viralizzazione e di numero di lettori nuovi e abituali. Il problema di riempire il frigorifero disegnando quadrati per il mercato delle pulci digitale è un’altra questione.

In Spagna, tutto è ancora un po’ come prima. Nel 2017 e nel 2018 alcuni sono caduti di solito non vediamo un aumento del numero di fumettisti e autori. Al massimo, assistiamo alla sostituzione dei vignettisti principali quando muoiono, vanno in pensione o a causa di qualche brusco cambiamento nella linea editoriale.

I media che hanno ucciso le loro vignette

Nel 2019, il New York Times ha smesso di pubblicare vignette politiche nella sua edizione internazionale coincideva con l’edizione nazionale, dove non c’erano vignettisti. Il 1° luglio, ha detto addio alla satira e anche a due dei suoi vignettisti, Patrick Chappatte y Heng Kim Song.

Altri media hanno scelto di eliminare le vignette dopo alcune polemiche. Nel 2020, il giornale locale, The Laconia Daily Sun (Laconia, New Hampshire), ha annunciato che avrebbe smesso di pubblicare vignette editoriali dopo le lamentele ricevute per la pubblicazione di questo cartone animato di Mike Luckovitch.

Nello stesso anno, il Notizie del mattino di Florence, Carolina del Sud, ha scelto di rompere definitivamente con i cartoni animati dopo che un disegno di Gary McCoy su aborto e neri il primo numero della rivista The Spectator ha provocato qualche mugugno. In quell’occasione il redattore non ci ha pensato molto e ha scritto che le vignette “sono sacrificabili”.

Sempre nel 2020, il quotidiano colombiano Vanguardia ha inviato tre dei suoi vignettisti in viaggio; Edilberto Ardila “Argon“, Diego García “Cartone animato Diego” e César Almeyda Kékar “, quest’ultimo ha pubblicato sulle pagine della Vanguardia per ben 45 anni. La triste realtà è che, a parte il fatto che si guadagna molto poco, quando si viene licenziati non è rimasto nulla.

Il motivo del licenziamento dei suoi vignettisti è stato “la difficile situazione di calo delle entrate che la stampa deve affrontare, aggravata dalla pandemia”. Ecco come la mettono in un editoriale dal titolo “La nostra eterna gratitudine“.

La lenta ed eterna agonia dei cartoni nei media tradizionali

perché nessuno vuole più fare il fumettista?
Questa è la domanda affermativa che si pone Nick Newman, redattore di fumetti dello Spectator.

La lenta ed eterna agonia dei cartoni nei media tradizionali

Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados