Il museo palestinese rimuove le caricature di Yasser Arafat che alcuni consideravano “un insulto”

 
 
Il museo palestinese rimuove le caricature di Yasser Arafat che alcuni consideravano "un insulto"

Fotografie Khaled Abu Toameh

Beh, non c’è più nessuno che possa capirlo.

La Fondazione Yasser Arafat ha annunciato lunedì la rimozione delle vignette da una mostra organizzata a Ramallah. La mostra, intitolata “La Palestina e Yasser Arafat”, è stata inaugurata domenica dal Primo Ministro palestinese Mohammad Ishtayeh, nella sede di Museo Yasser Arafat.

La mostra presentava 104 artisti di circa 43 Paesi con 350 opere ed è stata descritta come una dimostrazione di “solidarietà con la Palestina e le radici della memoria di Arafat nella comunità internazionale”.

Le opere rappresentano l’interpretazione degli artisti di Yasser Arafat, “non la realtà di chi era”, hanno detto i curatori, a detta di tutti Il Nuovo Arabo.

Ma i palestinesi, compresi alcuni politici, hanno ritenuto che alcune vignette fossero “offensive” nei confronti di Yasser Arafat e della sua memoria.

Il museo palestinese rimuove le caricature di Yasser Arafat che alcuni consideravano "un insulto"

Nasser Al-Qudwah, ex presidente della Fondazione Yasser Arafat e capo di una coalizione di opposizione, ha scritto su Facebook che “la mostra manca di giudizio e di onestà nella rappresentazione di Yasser Arafat”

Hossam Badran, portavoce di Hamas, ha dichiarato: “Questo insulto ad Arafat dal centro di Ramallah e sotto la promozione ufficiale [dell’Autorità Palestinese] è un errore ancora più grande”.

Anche il movimento Fatah, il partito che ha guidato Arafat per 40 anni, ha condannato la mostra.

Secondo The New Arab, in una dichiarazione si legge:“L’insulto a Yasser Arafat è un insulto a tutto il popolo palestinese. Chiediamo pertanto alla Fondazione Yasser Arafat di rimuovere tutte le opere ingiuriose e di scusarsi, oppure dovremo rimuoverle noi stessi”.

Il vignettista palestinese, Mohammad Sabaanahil vignettista palestinese ha dichiarato a The New Arab: “La mostra doveva essere un omaggio agli artisti internazionali che hanno sostenuto la Palestina con il loro lavoro, ma alcuni artisti palestinesi sono stati esclusi e non c’è alcuna spiegazione se non le loro opinioni politiche”

La Fondazione aveva incaricato alcuni esperti di valutare le opere prima di esporle.

“Tuttavia, quando ho scoperto che alcuni artisti di spicco non erano stati invitati a partecipare, ho dubitato dei criteri della mostra e mi sono ritirata, anche se ero stata invitata”, ha detto Sabaanah.

“C’era un chiaro mix tra la caricatura politica e la ritrattistica caricaturale, che è fondamentalmente una rappresentazione satirica di una personalità”.

“Ovviamente, le voci avrebbero incluso rappresentazioni satiriche di Arafat, esposte nel museo dedicato alla sua memoria, che è ciò che ha fatto arrabbiare il pubblico”.

Lunedì sera, la Fondazione Yasser Arafat ha dichiarato in un comunicato: “Ciò che è stato esposto non insulta la personalità o il simbolismo di Yasser Arafat (…) gli artisti hanno rappresentato Arafat dalle loro prospettive artistiche e culturali”.

“Il museo è anche molto interessato a preservare l’immagine, la biografia e l’eredità di Yasser Arafat. La mostra non intendeva offendere la sua personalità e il suo simbolismo, ma l’arte della caricatura è controversa e creativa. Tuttavia, abbiamo rivisto tutti i disegni e rimosso quelli che non sono stati accettati dal pubblico palestinese.

Il museo palestinese rimuove le caricature di Yasser Arafat che alcuni consideravano "un insulto"

L’umorismo nei guai, una raccolta di casi (III)
Casi di vignettisti che hanno avuto problemi di una certa importanza a causa delle loro vignette o illustrazioni satiriche. Ci sono anche alcune storie di altre persone che, senza essere fumettisti, hanno avuto problemi per averle condivise.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados