Il Raspberry Pi 400 – un assaggio degli anni ’80

 
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Desideravo da tempo un Raspberry con cui armeggiare e, come avevo già anticipato qui, il re me lo ha regalato.

Inizialmente avevo intenzione di acquistare un Rapsberry 4 da 8 GB, ma per costruire un PC ausiliario ho dovuto acquistare anche una tastiera, un mouse, una scheda MicroSD, un disco SSD e un alimentatore. I conti non tornano. C’era anche il rischio di essere rifiutati dai Re Magi.

L’opzione più ragionevole era un kit Rapsberry Pi 400 (4GB ) che veniva fornito con tutto, compresa una scheda MicroSD (chiamata anche Noobs) con il sistema operativo Raspberry Pi ( ex Raspbian) preinstallato, bastava non collegarlo a un monitor, mandare in pensione il vecchio e Si trattava di prendere solo quello che avevo già da quando ho preso quello allungato.

Questa festa è costata 130,87 €, spedizione inclusa. L’ho comprato da Raspai perché non sono riuscito a trovarne uno più economico con tastiera spagnola da nessun’altra parte e perché era metà dicembre quando l’ho comprato e c’era ancora poca disponibilità. Era un problema che Raspi avrebbe dovuto risolvere entro il 12 dicembre.

Ispirato ai mitici microcontrollori personali degli anni ’80, come lo ZX Spectrum e il Commodore 64, il kit è stato rilasciato il 2 novembre 2020. Si tratta di un computer completo a bassissimo consumo energetico integrato in una tastiera compatta.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Tabella di confronto Commodore 64 vs Raspberry PI 400 /Simon Martin

Se siete appassionati di Linux, qui non troverete altre informazioni utili se non le mie impressioni personali su questo kit, quindi dovrete trovare qualcos’altro da leggere. Inoltre, ho smesso di usare Linux nel 2009, quindi non ricordo molto, e forse anche questo è ormai superato, quindi è quasi una riscoperta per me.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Ecco come l’ho spacchettato. Quando si apre la scatola, la tastiera è la prima cosa che si vede. La mia prima impressione è che si tratti di un piccolo oggetto di plastica, quasi un giocattolo. Tuttavia, non lo è. La finitura non è male, né è così fragile come sembra.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Il retro, nel colore lampone del marchio, è foderato con fori per riporre gli oggetti.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Da destra a sinistra, c’è una porta GPIO per la cache coperta da una protezione in gomma, uno slot per una scheda MicroSD, che funge da disco rigido sia per il sistema operativo che per l’archiviazione, una porta micro HDMI per supportare due monitor, due porte USB 3.0 e una porta 2.0, una fibra È presente una porta Gigabit Ethernet per il collegamento della fibra. Sono inclusi anche il WiFi a doppia banda e il Bluetooth 5.0.

Infine, è presente un foro per una serratura Kensington. Si tratta di un sistema meccanico che scoraggia i furti piuttosto che proteggerli, in quanto richiede un po’ di scasso per essere rimosso, a meno che non siate dei ladri esperti.

Il resto delle specifiche è più o meno così.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Sotto la tastiera è presente un alimentatore USB Type-C da 5,1V 3A e una scheda MicroSD.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

E il mouse ufficiale, che è piuttosto grande. È grande quasi quanto la lunghezza della tastiera.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

La texture è quella di un normale mouse.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Nella parte inferiore della confezione è presente un cavo micro HDMI a HDMI per il collegamento del monitor.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Infine, c’è la guida ufficiale. Un buon libro dovrebbe essere. Il libro può anche essere scaricato gratuitamente.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

La tastiera è la versione inglese con 78 tasti, decisamente la star della festa.

Per dimensioni, è una via di mezzo tra la tastiera TKL a 88 tasti e lo ZX Spectrum 48K, ma è molto più sottile di entrambi. Lo spessore è di soli 23 mm.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

E come viene raffreddato?

Il grande dissipatore da 100 g che copre l’intera tastiera è la parte più pesante della tastiera, ma ha anche un’altra missione: rinforzare la tastiera e conferirle una rigidità complessiva.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Griglia di ventilazione sul retro della tastiera

Nonostante le dimensioni della tastiera, i tasti sono di buone dimensioni e si sentono bene. Tuttavia, i tasti freccia, che sono tasti stretti, sono piccoli e ravvicinati, il che rende difficile abituarsi a usarli. A meno che non abbiate dita molto grasse, potreste accidentalmente premere tutti e tre i tasti contemporaneamente.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Sembrano grandi, ma i tasti freccia sono piccoli.

Il Pi 400 è il primo Raspberry Pi a disporre di un pulsante per l’accensione e lo spegnimento.

Premendo Fn + F10 per 2 secondi si ottiene uno spegnimento soft, premendo Fn + F10 per 10 secondi si ottiene uno spegnimento hard; premendo F10 (o Fn + F10) si riaccende.

Dispone inoltre di tre indicatori LED integrati, uno rosso per il blocco dei numeri, uno rosso per il blocco delle maiuscole e un terzo verde per sapere se il dispositivo è acceso.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Tutto ciò che resta da fare è collegarlo e avviarlo: è sufficiente inserire ogni cavo con la MicroSD inserita e l’installazione del sistema operativo è completa in meno di 10 minuti.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Dove il Raspi sta parlando di sciocchezze di linux.

Aggiunta di gadget

Con un maggior numero di cavi sul tavolo, abbiamo deciso di cogliere l’occasione per risolvere una volta per tutte il problema dell’ingombro dei cavi sul pavimento.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

A tal fine, ho acquistato una di queste ciabatte verticali, che costano meno di 40 euro e che uso da qualche anno.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

I cavi sono stati strategicamente nascosti dietro i monitor e arrotolati, lasciando libero il pavimento.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Ora l’ultimo cavo è nascosto dietro la torre e non succede nulla.

Un altro problema da risolvere è stato quello di far passare un cavo in fibra attraverso l’angolo del tavolo dove è posizionato il Raspberry: è dotato di WiFi, ma per ottenere la massima velocità con una connessione stabile, era meglio collegare il cavo.

Gli strumenti che hanno reso possibile tutto ciò sono stati una giuntatrice per cavi, tre cavi Ethernet di categoria 8 di diversa lunghezza e uno switch Ethernet a cinque porte.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Un’altra cosa di cui avrei potuto fare a meno (se avessi avuto un’unità SSD o USB decente), ma il mio computer (del 2012) non era dotato di un lettore di schede MicroSD, che è molto utile.

Lector de tarjetas SD y MicroSD
Lector de tarjetas SD y MicroSD
Lector de tarjetas SD y MicroSD. Detalle

Grazie a questo lettore, ho potuto scambiare la scheda da 16 GB fornita con il mio Rapsberry (un po’ troppo stretta per alcuni progetti) con una da 32 GB, permettendomi di registrare diverse distribuzioni e di testarle a piacimento.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80
A sinistra: scheda fornita, a destra: scheda sostituita.

È bello poter masterizzare su scheda o disco e memorizzare tutte le immagini del sistema operativo che si desidera su diversi computer per il backup. A questo scopo, Balena Etcher o Raspberry Pi Imager funzionano molto bene, oppure si può usare Win23Disk Imager per salvare una copia.

Tuttavia, la cosa migliore da fare è procurarsi un’unità SSD SATA interna da 2,5″ con un adattatore USB-SATA, collegarla al Rapsberry tramite USB e avviare il sistema dal disco. Questo perché, oltre a ottenere molte prestazioni in termini di scrittura/lettura, le MicroSD sono molto più fragili e hanno una durata di vita inferiore rispetto ai dischi SSD. È possibile acquistare un’unità SSD da 240 GB per 25 euro. Forse è questo il prossimo acquisto.

Abbiamo già provato le seguenti distribuzioni, tutte a 24 bit, in quest’ordine

  • Rapsberry Pi OS. un sistema operativo molto ben risolto, privo di qualsiasi campanellino, di gran lunga il più leggero, il più veloce e il più stabile.
  • Manjaro ARM KDE Plasma 22.12. non male. L’ho nominato come seconda scelta. Mi piace. Relativamente veloce. Tuttavia, quando ho iniziato a imparare sudo, è arrivato con Arch pacman. Ad ogni modo, Manjaro mi permette di evitare la console per un bel po’.
  • Ubuntu Desktop 22.10. Come ho detto, 4Gb è un po’ poco e si muove abbastanza lentamente. Purtroppo ho dovuto rinunciare agli attacchi di nostalgia e ho potuto installare solo per poche ore; Ubuntu Mate sembra essere migliorato un po’, ma non è molto agile.

Per ora, con Compositor disattivato e alcune ottimizzazioni, Rapsberry Pi OS Lite con KDE Plasma come desktop è il vincitore, lasciando le prestazioni vicine al Pi OS con il desktop PIXEL preinstallato basato su LXDE. Lo è ora.

Ed eccola qui.

Il Raspberry Pi 400 - un assaggio degli anni '80

Grazie per i suggerimenti.

@matas/@Sr_Kenobi/@karlggestd/ @NiLace/@salva_pl/@slamelov/@LarreaMikel/@VictorMoral

Link correlati.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados

¿Algo que decir?

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting

Grandes personan que patrocinan.

Patreon

Recibe contenido extra y adelantos desde sólo un dolarcito al mes como ya hacen estos amables lectores:

César D. Rodas - Jorge Zamuz - David Jubete Rafa Morata - Sasha Pardo - Ángel Mentor - Jorge Ariño - Vlad SabouPedro - Álvaro RGV - Araq