Gli editori britannici intentano una causa da 13,6 miliardi di sterline contro Google per abuso di mercato

 
Gli editori britannici intentano una causa da 13,6 miliardi di sterline contro Google per abuso di mercato

Un gruppo di 130.000 aziende che pubblicano circa 1.750.000 siti web e app nel Regno Unito ha intentato una causa contro Google e la sua società madre, Alphabet. La causa è gestita dagli studi legali Humphries Kerstetter e Geradin Partners, che sostengono che“Google ha abusato della sua posizione dominante nel mercato della pubblicità su Internet, realizzando super-profitti a spese delle decine di migliaia di editori di siti web e app mobili nel Regno Unito“. “

L’analisi economica degli studi legali sul presunto comportamento anticoncorrenziale di Google suggerisce che alcune aziende potrebbero aver visto i loro ricavi pubblicitari ridursi del 40%. Mentre Google è stato oggetto di molteplici indagini normative nell’UE, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, che hanno portato a una multa di 220 milioni di euro da parte delle autorità francesi per la concorrenza, questa causa mira a risarcire gli editori e a recuperare le perdite attraverso un’azione collettiva sulla concorrenza.

Una dichiarazione rilasciata da Humphries Kerstetter illustra in dettaglio l’obiettivo delle sue indagini:

“Tutte queste indagini sulla concorrenza si concentrano sugli stessi fatti fondamentali. Google domina i mercati dei servizi ad tech nel Regno Unito e a livello globale, controllando fino al 90% del mercato in alcuni settori. Ciò consente a Google di dettare i termini, controllare i prezzi e, in alcuni casi, favorire le proprie piattaforme nel processo di selezione degli annunci pubblicitari”.

Le accuse contenute nell’azione legale sulla concorrenza sono simili a quelle presentate dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, secondo cui Google ha utilizzato AMP per impedire l’header bidding e accelerare il tempo di caricamento degli annunci non AMP.

Correlato: Disabilitare le pagine AMP in WordPress

“Il mercato della pubblicità online è sofisticato, tecnico e altamente automatizzato”, ha dichiarato Claudio Pollack, a capo della causa per la concorrenza degli editori del Regno Unito. “La pubblicità viene venduta in una frazione di secondo in un processo che è progettato per abbinare il prodotto pubblicizzato al profilo di un individuo che visita un sito web. Le piattaforme di terze parti operano su entrambi i lati del mercato, facendo incontrare l’offerta con la domanda e, in un mondo ideale, garantendo che il mercato operi in modo efficiente ed efficace. Purtroppo, è già stato dimostrato che questo mercato si è sviluppato in un modo che serve principalmente a Google”.

Parallelamente, uno studio legale olandese, in collaborazione con Geradin Partners, intenterà una causa milionaria nell’UE. Le due organizzazioni chiedono un risarcimento per i presunti danni subiti dai piccoli editori locali, che hanno lottato per rimanere a galla in un contesto di calo degli introiti pubblicitari.

“Sebbene il valore della causa che abbiamo intentato sia considerevole, riteniamo che la questione vada ben oltre il denaro”, ha dichiarato Damien Geradin, socio fondatore di Geradin Partners. “Per anni, Google ha negato alle aziende del Regno Unito, dell’Europa e di altri Paesi, tra cui la stampa locale e gli editori di siti web incentrati sulla comunità, la possibilità di ottenere entrate adeguate dalla pubblicità. Oltre a chiedere conto a Google, le parti che ci hanno rimesso hanno bisogno di un risarcimento adeguato, che può essere ottenuto con un ricorso al Competition Appeal Tribunal (CAT) senza alcun costo per le parti”

Fonte: Sarah Gooding di WPTavern.

La denuncia, che denuncia gravi pratiche anticoncorrenziali, sarà guidata da Claudio Pollack, ex direttore dell’Ofcom, ed è finanziata da Harbour. Il team di Geradin Partners è composto da Damien Geradin e Stijn Huijts (partner), David Gallagher (counsel), Dimitrios Katsifis (senior associate) e Simay Erciyas (associate).

La causa nel Regno Unito sarà seguita da una causa a livello di Spazio Economico Europeo che sarà presentata nei Paesi Bassi all’inizio del 2023, insieme allo studio legale Stek di Amsterdam.(Fonte)


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting

Grandes personan que patrocinan.

Patreon

Recibe contenido extra y adelantos desde sólo un dolarcito al mes como ya hacen estos amables lectores:

César D. Rodas - Jorge Zamuz - David Jubete Rafa Morata - Sasha Pardo - Ángel Mentor - Jorge Ariño - Vlad SabouPedro - Álvaro RGV - Araq