Vertice di pace

 
Vertice di pace

Vertice di pace, vignetta del 22/10/2023 in CTXT

TR: Il manifesto recita "Vedremo".

Il vertice di pace del 21 ottobre è stato organizzato in modo frenetico e si è chiuso in modo molto simile e senza accordo.

Sebbene il Presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas fosse presente, non c'erano rappresentanti di Hamas o di Israele, e gli Stati Uniti hanno inviato solo un funzionario della loro ambasciata in Egitto.

Per molti dei partecipanti, si è trattato solo di un'altra opportunità per mostrare i palmi delle mani internazionali e navigare nelle mezze misure con il classico "sì, ma no", ignorando distrattamente la brutalità storicamente sproporzionata, se non falsa, di coloro che pretendono di esercitare il diritto alla difesa come una scusa spuntata per decimare la popolazione senza alcun riguardo o respingerla dalle proprie terre.

Ecco il comunicato stampa della Presidenza della Repubblica Araba d'Egitto con le conclusioni del vertice:

Su invito della Repubblica Araba d'Egitto, i leader, i capi di governo e gli inviati di diversi Paesi regionali e internazionali si sono incontrati al Cairo sabato 21 ottobre 2023, per consultarsi ed esplorare i modi per far avanzare gli sforzi verso il contenimento dell'aggravarsi della crisi nella Striscia di Gaza e verso la de-escalation militare tra le parti israeliana e palestinese. L'escalation ha causato migliaia di vittime civili innocenti dallo scoppio degli scontri armati il 7 ottobre.

Con la convocazione di questo vertice, la Repubblica Araba d'Egitto ha cercato di costruire un consenso internazionale che trascende le culture, le razze, le religioni e le posizioni politiche, il cui nucleo è costituito dai valori dell'umanità e dalla sua coscienza collettiva che rifiuta la violenza, il terrorismo e l'uccisione illegale di anime, che chiede di porre fine alla guerra in corso che ha causato la morte di migliaia di civili innocenti sia da parte palestinese che israeliana, che esige il rispetto delle regole del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale, che sottolinea l'importanza fondamentale di proteggere i civili e di non esporli a pericoli e minacce e che attribuisce una priorità speciale alla fornitura di accesso, alla garanzia del flusso di aiuti umanitari e di soccorso e alla loro consegna ai giusti beneficiari da parte della popolazione della Striscia di Gaza. Questo consenso avverte anche dei pericoli che l'attuale conflitto possa estendersi ad altre aree della regione.

L'Egitto ha auspicato che i partecipanti lancino un appello globale per la pace, in cui concordano sull'importanza di rivalutare la strategia internazionale per affrontare la questione palestinese negli ultimi decenni, in modo da uscire dalla crisi attuale con un nuovo spirito politico e una nuova volontà che aprano la strada allo sblocco di un processo di pace reale e serio. Questo porterà, in un breve periodo di tempo, alla creazione di uno Stato palestinese indipendente, lungo i confini del giugno 1967, con Gerusalemme Est come capitale.

La scena internazionale degli ultimi decenni ha rivelato una grave carenza nel trovare una soluzione giusta e duratura alla questione palestinese, perché ha cercato di gestire il conflitto e non di porvi fine in modo permanente. Si è limitata ad offrire soluzioni temporanee e analgesiche che non sono all'altezza delle aspirazioni minime di un popolo che ha sofferto per più di 80 anni di occupazione straniera, di tentativi di cancellare l'identità e di perdita di speranza. La guerra in corso ha anche rivelato una carenza nei valori della comunità internazionale nell'affrontare le crisi. Mentre vediamo un luogo affrettarsi e fare a gara per condannare prontamente l'uccisione di persone innocenti, troviamo un'incomprensibile esitazione nel denunciare lo stesso atto in un altro luogo. Assistiamo persino a tentativi di giustificare questa uccisione, come se la vita dell'essere umano palestinese fosse meno importante di quella di altre persone.

Le vite perse ogni giorno durante l'attuale crisi e le donne e i bambini che tremano di terrore sotto gli attacchi aerei 24 ore su 24, obbligano la risposta della comunità internazionale a essere commisurata alla gravità dell'evento. Il diritto della persona palestinese non è escluso da altri che le regole del diritto umanitario internazionale includono o dalle convenzioni internazionali che riguardano i diritti umani. Il popolo palestinese deve godere di tutti i diritti di cui godono gli altri popoli, a partire dal diritto più importante, che è il diritto alla vita, e il diritto di trovare un alloggio sicuro, un'assistenza sanitaria decente e un'istruzione per i propri figli, e soprattutto deve avere uno Stato che incarni la sua identità e al quale sia orgoglioso di appartenere.

La Repubblica Araba d'Egitto, che ha preso l'iniziativa di convocare il Vertice di Pace, esprime il suo profondo apprezzamento ai Paesi e alle organizzazioni che hanno risposto all'invito nonostante i vincoli di tempo.

In questa occasione, conferma che non risparmierà alcuno sforzo per continuare a lavorare con tutti i partner al fine di raggiungere gli obiettivi che hanno richiesto l'organizzazione di questo vertice, indipendentemente dalle difficoltà o dalla durata del conflitto. L'Egitto manterrà sempre la sua ferma posizione a sostegno dei diritti dei palestinesi, credendo nella pace come opzione strategica e irreversibile, fino a quando non sarà realizzata la visione di una soluzione a due Stati, palestinese e israeliano, che vivono fianco a fianco.

Nell'ambito degli sforzi dell'Egitto per raggiungere questi nobili obiettivi, non accetterà mai gli inviti a liquidare la causa palestinese a spese di qualsiasi Paese della regione. Non cederà un attimo nel salvaguardare la sua sovranità e la sua sicurezza nazionale in circostanze e situazioni sempre più pericolose e minacciose, confidando nell'aiuto di Allah Onnipotente e nella volontà e determinazione del suo popolo.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting