Il vignettista canadese Michael de Adder è stato licenziato 24 ore dopo che una delle sue vignette è diventata virale

 
 
Il vignettista canadese Michael de Adder è stato licenziato 24 ore dopo che una delle sue vignette è diventata virale

Il vignettista canadese è stato licenziato 24 ore dopo che una delle sue vignette è diventata virale

cosa c’è di più folle? un vignettista licenziato da un giornale per un cartone animato non ha disegnato (ricordando una frase di Chappatte su questo argomento) o un vignettista licenziato da un giornale per una vignetta che non ha pubblicato?

Questa è la domanda retorica posta da Michael de Adder, vignettista canadese e autore dell’immagine che precede questo testo.

La scena mostra Donald Trump in piedi, impassibile, accanto al suo golf cart, davanti ai corpi senza vita di Óscar Alberto Martínez Ramírez e di sua figlia Valeria, immigrati annegati durante l’attraversamento del Río Bravo, ai quali chiede se può giocare lì.

Michael de Adder è stato licenziato dal suo lavoro di vignettista editoriale per i principali giornali di Brunswick News Inc. 24 ore dopo che la vignetta è diventata virale sui social media; de Adder lavorava per l’azienda da 17 anni.

La casa editrice è di proprietà di James K. Irving, una delle persone più ricche del Canada.

Il 28 giugno, il vignettista ha annunciato l’interruzione delle sue vignette:

“Gli alti e bassi dei cartoni animati”. Oggi cesso la pubblicazione su tutti i giornali del New Brunswick”.

In seguito avrebbe qualificato il significato del suo allontanamento dai giornali.

“A proposito, non sono una vittima. Ho appena terminato un libro che uscirà a settembre e continuo a lavorare come freelance per alcuni giornali straordinari. È una battuta d’arresto, non un colpo mortale”.

Michael de Adder è stato presidente della ACC e ha anche fatto parte del consiglio di amministrazione del CRNI, Rete internazionale per i diritti dei fumettisti.

Trump, un argomento tabù

Wes Tyrelll’attuale presidente dell’ACC, l’Associazione Canadese dei Cartoonisti, ha pubblicato la sua opinione, in cui si esprime su quella che ritiene essere la ragione del licenziamento di Adder: gli interessi commerciali della casa editrice canadese negli Stati Uniti.

Anche se lui (Michael de Adder) ha dichiarato che non gli è stata fornita alcuna ragione per il suo licenziamento, il momento non è stato casuale.

Michael una volta mi ha detto che non solo era difficile lavorare per J .D. Irving, ma che c’erano una serie di argomenti tabù che non potevano essere toccati. Uno di questi argomenti tabù era Donald Trump. Michael ha disegnato molte vignette ben studiate su Trump, ma non sono mai state pubblicate sui giornali di Brunswick.

Tyrell è chiaro:

È davvero semplice: J.D. Irving, Limited non è solo un conglomerato privato (che si occupa anche di petrolio) con sede nel New Brunswick, ma è anche un gigante internazionale con una portata globale. Il commercio è stato un problema da quando Trump è entrato in carica, commercio che riguarda direttamente gli Irving, per non parlare di una serie di altri problemi. Il Presidente stesso è una minaccia, poiché punisce tutti coloro che ritiene suoi oppositori.

Aggiornamento. 17:45

Brunswick News Inc (BNI) ha pubblicato questo pomeriggio una dichiarazione negando che la vignetta su Trump sia legata alla fine del rapporto con il vignettista. Qualcosa a cui più di qualcuno non crede.

“Si tratta di una falsa narrazione emersa con leggerezza e incautamente sui social media”, aggiungono.

Dichiarano inoltre che “il signor de Adder non ha nemmeno offerto questa vignetta a BNI” (de Adder non lo ha mai affermato) e che la decisione era stata presa da tempo: “La decisione di riportare Greg Perry (e aggiungono con una certa riluttanza “come beniamino dei lettori”) è stata presa molto prima di questa vignetta, e le trattative sono state attive per settimane”.

Dibujante canadiense despedido 24 horas después de que una de sus viñetas se hiciera viral

Greg Perry rifiuta di sostituire Michael de Adder

Aggiornamento 4 luglio. Il vignettista Greg Perry, che doveva essere il sostituto di Michael de Adder presso Brunswick News Inc. dice di non voler più lavorare per l’azienda e ha chiesto che le sue vignette vengano tolte dalle pagine editoriali dei suoi giornali.(Fonte)

Perry ha detto che non si sentiva a suo agio nell’essere etichettato come“favorito dai lettori” da BNI, il che ha alimentato una reazione contro di lui.

“Questo mi ha scioccato, perché a un certo punto mi sono sentito come se fossi solo di fronte all’intero pianeta”.

Parlando con CBC News, Greg Perry ha detto che il contraccolpo dei social media dopo il licenziamento di de De Adder da parte di BNI e dopo l’uso del suo nome nelle dichiarazioni sulla decisione ha avuto un peso.

“Io non uso i social media, ma ci sono persone che hanno usato i social media per distruggere essenzialmente il mio personaggio e il mio lavoro di vignettista”.

tutto questo per un lavoro che guadagna lo stesso mese di un negozio della catena di supermercati”. Non lo auguro a nessuno”, ha aggiunto

Il vignettista canadese Michael de Adder è stato licenziato 24 ore dopo che una delle sue vignette è diventata virale

Correlati: 127 casi in tutto il mondo

Il vignettista canadese Michael de Adder è stato licenziato 24 ore dopo che una delle sue vignette è diventata virale

Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados