Antenna attiva Megaloop MLA-30+

 

Se non è un lettore abituale ed è appena approdato su questo sito, per seguire il filo conduttore del perché sto recensendo questa antenna può iniziare a leggere questa nota e quest'altra.

Se non ha tempo o non ne ha voglia, le riassumo il tutto. Ho acquistato questa antenna per utilizzarla con una SDR (software defined radio).

L'antenna

Megaloop MLA-30 è un'antenna attiva per la ricezione di loop o loop a banda larga che lavora tra 500KHz e 30 MHz con una buona risposta per le onde corte e le HF.

Si tratta di un'antenna economica di produzione cinese, senza marchio o produttore noto; qualsiasi antenna venduta potrebbe essere una copia di una copia di una copia di una copia.

Si tratta di un design cinese "simile" alla "Megaloop FX" del marchio"Bonito", ma con un prezzo circa dieci volte inferiore. Il design attuale è molto probabilmente basato sull'"Antenna Hula-Loop attiva 3-30 MHz per onde corte".

Ma prima di entrare nel merito dell'installazione, delle prestazioni, dei pro e dei contro, diamo un'occhiata a come viene presentato il prodotto e a ciò che si ottiene acquistandolo.

Pezzo per pezzo

Arriva in una normale confezione in un sacchetto antistatico con una protezione sufficiente a garantire che le parti non subiscano danni significativi durante il trasporto.

Include tutto ciò che serve per assemblarlo, senza tagliare, misurare, regolare o impostare. Chiunque può assemblarlo in pochi minuti. In effetti, non viene nemmeno fornito con le istruzioni.

Il modulo con l'antenna, che contiene la scheda, è sigillato e all'interno c'è la scheda sepolta nella resina per garantire l'impermeabilità se utilizzata come antenna fissa all'aperto. Alcune persone hanno già deciso di aprirla e di mettere la massa in acqua bollente per sciogliere la resina ed esaminare la scheda. Può vederlo qui.

Immagine per gentile concessione di Matt, M0LMK

Viene fornito con 10 metri di sottile cavo coassiale RG174 con connettore SMA e due dadi ad alette per fissare l'anello.

L'anello è un filo di acciaio inossidabile sottile e leggero, ma molto resistente. Una volta dispiegato, forma un cerchio di circa 62-64 cm di diametro

Infine, abbiamo il dispositivo che alimenterà l'amplificatore di segnale dell'antenna o quello che è lo stesso, un Bias Tee che invia una corrente continua attraverso lo stesso cavo coassiale, un cavo patch da 60 cm con connettori SMA e due viti per fissare il modulo al nostro tubo, oltre a un cavo USB per alimentare il Bias Tee.

Si basa sul chip Texas TL592B, che è un amplificatore video a due stadi con ingressi e uscite differenziali(Fonte).

Installazione

Il set non include un supporto, quindi deve creare il proprio supporto su cui montarlo. Può posizionarlo su qualsiasi cosa, come un palo di legno o di PVC, a suo piacimento. Qualsiasi supporto che funga da palo lungo o corto andrà bene, purché non sia metallico, in quanto il cerchio sarà a contatto con il tubo.

Ho scelto un tubo in PVC di 32 mm di spessore e 2,5 metri di lunghezza, che rifinirò con un tappo per dare una finitura estetica minima a questo albero domestico e per evitare che l'acqua penetri nel tubo.

Ecco il precedente riassunto grafico della cosa.

Una cosa che non ho trovato nelle mille recensioni di questa antenna (qualche anno fa non c'era radioamatore che non l'avesse recensita) sono le misure del modulo, necessarie per decidere lo spessore del tubo.

Viene fatta una tacca nella parte superiore del tubo, un paio di centimetri oltre l'estremità della spina, in modo che l'anello si appoggi sulla scanalatura creata.

In totale, l'antenna costa 38. 50 euro, più 8 euro per il tubo e una piccola confezione di clip.

L'unica cosa che resta da fare è montare l'anello sul modulo e fissarlo con i dadi ad alette e avvitarlo al tubo con le due viti (può anche rinforzarlo con un paio di clip che abbraccino il tubo). Cerchi di ottenere un cerchio più o meno preciso. Funzionerà comunque se non è un cerchio perfetto, ma sarà più sottile se riuscirà a regolare bene l'anello.

A questo punto, ognuno dovrà realizzare l'installazione più adatta alla propria posizione. Nel mio caso, non avendo accesso a un tetto (perché non c'è un tetto, è tutto tetto) ho messo il tubo su un balcone con un paio di morsetti e clip sulla ringhiera, in modo da poterlo smontare, spostare, muovere e ruotare senza difficoltà.

Per testare l'MLA-30 dobbiamo solo collegare il cavo dell'antenna al Tee di polarizzazione e il pigtail al ricevitore. Dopodiché è sufficiente alimentare il Bias Tee con un power bank, se non si dispone di spazio sufficiente per un altro adattatore di corrente. Un normale power bank da 10.000 mAh durerà almeno tre giorni, al ritmo di sei o sette ore di utilizzo quotidiano. È sufficiente.

Con una capacità superiore, potrebbe durare per settimane. Naturalmente, quando scende sotto il 30% o il 25% di carica, il Bias Tee tende a spegnersi.

Antenna attiva Megaloop MLA-30+

Antenna attiva Megaloop MLA-30+

Aggiornamento 21 febbraio 2024.

Grazie a un commento di Hans Wörzt nella versione inglese di questo post, ho scoperto che l'RTL-SDR Blog V4 non ha bisogno del Bias Tee incluso nell'antenna perché ne ha uno interno. Pensavo erroneamente che il LED sul Bias Tee del dongle si accendesse quando se ne collegava uno esterno, ma no, il V4 ha il suo Bias Tee incorporato.

È stato il commento di Hans a farmi pensare.

Non è necessario il piccolo Bias Tee fornito con l'MLA-30+ se si utilizza il dongle RTL-SDR Blog versione 4, in quanto questo ha il suo Bias Tee incorporato. È sufficiente collegare il lungo cavo che esce dal preamplificatore all'antenna e collegarlo direttamente all'SMA dell'SDR. Quindi, per attivare il Bias Tee incorporato, è sufficiente selezionare l'opzione Offset Tuning in *SDR# Sharp. Se attiva, si accenderà un piccolo LED rosso accanto all'SMA. Questo semplifica notevolmente la configurazione. È possibile attivare il Bias Tee anche dal prompt dei comandi di Windows, utilizzando l'eseguibile 'rtl_biast.exe'.

*Nel caso del programma SDR++, è presente un'opzione "Bias T" per attivarlo.

Ecco alcune istantanee gratuite per il gusto di mostrare il tubo.

Sotto il tappo ho messo un paio di giri di nastro isolante per stringerlo un po', anche se può anche sigillarlo se vuole lasciarlo fisso.

Sono arrivate le piogge, sempre scarse e necessarie, ed è rimasto bagnato per diversi giorni. Nessun problema.

Ed ecco una serie, solo per divertimento, perché sono usciti piccioni e uccelli.

Punti di forza e di debolezza

L'antenna è direzionale (non direttiva), vale a dire che non può puntarla verso un altro continente e ascoltarla come farebbe con una direttiva multielemento, ma può ruotarla per ridurre l'interferenza dell'elettronica vicina e altri rumori.

È molto più economica, maneggevole, piccola e discreta di altre antenne di questo tipo, il che la rende ideale per l'installazione in spazi ristretti o dove non c'è accesso al tetto, e può sempre montarla su un supporto temporaneo e riporla dopo l'uso.

Inoltre, poiché occupa pochissimo spazio quando è smontata, può portarla con sé durante un'escursione per appenderla a un albero, a una recinzione o a qualsiasi altro albero naturale o improvvisato.

È un'antenna, non fa miracoli, ma non si può negare che abbia prestazioni sorprendenti in condizioni avverse per un prezzo molto basso, se la confrontiamo con altre antenne di questo tipo, dieci volte più costose, come la Wellbroock ALA1530LNP, mitica antenna che ha smesso di essere prodotta alla fine di aprile 2023, poiché l'azienda ha chiuso per pensionamento.

Ma non sono tutte le virtù.

La sua amplificazione è un'arma a doppio taglio: da un lato l'aumento della ricezione è notevole, ma dall'altro è accompagnato da molto rumore. Curiosamente, la qualità della ricezione può essere migliorata abbassando il guadagno e giocando con i filtri.

Un altro punto negativo è il cavo, che non solo è fisso, ma anche molto sottile e soggetto a rumore. Con un cavo più schermato e più spesso, come un RG213, questa antenna riceve molto meglio. Fortunatamente, se non è troppo maldestro, può sempre modificarla e aggiungere, ad esempio, un connettore BNC, in modo da poter inserire un cavo più lungo senza dover ricorrere alla giunzione dei connettori, con la conseguente perdita di ricezione.

E se è un esperto tuttofare, può sempre apportare altre modifiche avanzate, come l'aggiunta di un anello più potente.

Un miglioramento che può provare è quello di alzare il potenziometro all'interno della scatola (assicurandosi di richiudere la scatola se la lascia all'esterno) che aumenterà il suo guadagno e migliorerà la ricezione, ma aumenterà anche il livello di rumore di fondo. Giocando con il guadagno, può cercare di ottenere un rapporto segnale/rumore ottimale.

È importante sapere che ruotando il potenziometro in senso orario il guadagno diminuisce e in senso antiorario aumenta.

Ascolto, alcune registrazioni

Non appena accendo il ricevitore, mi faccio un'idea di ciò che ascolterò dalla posizione e dall'orientamento. Ricevo principalmente stazioni provenienti da nord-ovest. Quindi, predominano le trasmissioni tra operatori di Jaén, Saragozza, Valencia, Catalunya e di Francia, Italia, Regno Unito, Germania, Polonia, Bulgaria, Serbia, Croazia, ecc. ma anche della Russia. Anche se, a seconda della propagazione, il segnale è arrivato anche da alcune stazioni più a sud.

Un paio di minuti di R7ET, Sergej, da Cherkesk, Russia su 7131 MHz

L'antenna ha un'ottima prestazione in onde corte e ogni sera può ascoltare diverse stazioni internazionali con trasmissioni in spagnolo in diverse fasce orarie.

Ha ottime prestazioni anche sui 40 e 20 metri. Ho persino potuto ascoltare alcune stazioni di diversi continenti sugli 80 metri, così come sui 10 e 11 metri (CB), dove sono stato sorpreso di sentire molte stazioni nazionali e dell'Europa centrale, ma soprattutto dell'Est, in condizioni abbastanza decenti.

Quasi tutte le sere sento Blagomir, YU1XA, dalla Serbia, che sono sicuro che viene con buone antenne e non pochi watt, forte e chiaro sui 40 metri ad un certo punto.

Ecco alcuni ascolti con l'antenna appena montata e con scarse condizioni di propagazione (la registrazione non rende giustizia alla qualità audio reale con filtri e cuffie).

Radio China International, sempre molto forte di notte, come Radio Romania International, TRT Turkey e altre.

Il mitico pollaio diexist della popolarmente nota "tripla 5", il canale di chiamata su 27.555 USB, dove è raro che il giorno non ci sia qualche rissa.

La stazione EA5FHC (Mislata, Valencia) in competizione sui 7199 MHz

Sull'11.253MHz USB c'è un Volmet (acronimo francese di vol, "volo", e météo, "meteorologia") gestito dalla Royal Air Force britannica a St. Eval, sulla costa settentrionale della Cornovaglia, che trasmette 24 ore su 24, con nominativo "MKL" e conosciuto localmente anche come "Military One".

Trasmette 24 ore su 24 dati meteo vocali come la velocità del vento, la temperatura, ecc. in modo che gli aerei in volo possano ottenere queste informazioni.

Tre minuti di RAF VOLMET (UK) su 11.253 MHz USB

l'intercettazione è legale?

Sì, per quanto ne so, o per quanto ricordo, non è necessaria alcuna licenza o procedura legale per essere un ascoltatore, purché non utilizzi un ricetrasmettitore, cioè un'apparecchiatura in grado di trasmettere su quelle bande che richiedono un'autorizzazione e una licenza.

Ora, se non ha una licenza radiofonica, ma vuole praticare il diexing e poter inviare schede QSL e rapporti di ricezione, per i quali ha bisogno di un nominativo SWL, può farne richiesta su swarl.org e otterrà una sorta di "certificato" come questo, con uno stile da diploma stantio :P.

Il nominativo che le viene assegnato entrerà a far parte della loro lista di membri e non ha alcuna validità, se non quella di certificare che lei si è unito a questo gruppo internazionale di ascoltatori perché è interessato alla radio.

Può anche fare lo stesso e richiedere un nominativo WSL nella sua versione spagnola a FEDI-EA, Federación Digital EA.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting