La direzione di Elon Musk

 
 
La gestión de Elon Musk
La direzione di Elon Musk. Cartoon del 05/11/2022 in CTXT.

Non ne dubiti. Mentre questo testo viene scritto, Elon Musk sta pensando a un’idea assolutamente assurda. Cioè, se non ne ha già trovati tre o quattro in un colpo solo, perché in assenza di massa grigia e in assenza di un piano, una cosa buona è una rissa.

Appena tre giorni dopo aver tagliato più o meno la metà della forza lavoro, l’inventore della metropolitana, vedi un treno che attraversa un tunnel, un tubo nel suo caso, e ora i forum, ha scoperto che ha bisogno di alcuni di loro per far funzionare l’azienda o per implementare determinati cambiamenti o miglioramenti (che non è sempre la stessa cosa) e chiede loro di tornare. A proposito, sembra che nel metaverso faranno la stessa cosa tra pochi giorni

Si scopre che ora non riesce a trovare niente di meglio che dire che alcuni licenziamenti sono stati comunicati “per errore”. E potremmo credere alla sua storia perché Elon Musk conosce gli errori più di chiunque altro, dal momento che basa la sua mancanza di strategia su di essi.

Ed è carino e ridicolo leggere cryptolais, cayetanos, sedicenti liberali (il cui significato in Spagna ha poco o nulla a che fare con le libertà) e altri esseri che dormono con il cappello in testa che applaudono Melon per l’epurazione e gli chiedono libertà di espressione come lo schiavo che chiede alla massa di Reynolds di sciogliere le catene.

In mezzo a tutte queste assurdità, appare nientemeno che il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite in persona, per implorare il miliardario di non smerdare la libertà di espressione. Per favore, siate misericordiosi con i civili. Un altro passaggio simile a Black Mirror per questo cartone animato.

Più di uno è già convinto che tutto questo non sia altro che il penultimo capriccio di un ricco, stupido, che ha quasi tutto e che pensa che domani potrà andare a comprarsi la presidenza della terra delle opportunità per vantarsi che la ragione va con i milioni.

Non per niente si è già affrettato a chiedere a quelli che considera “elettori indipendenti” di votare repubblicano. Tutti coloro che non rientrano nello spettro equivalente al tradizionale e falso “né destra né sinistra” sono“attivisti“, un sotterfugio che utilizza per il momento fino a quando non dovrà tirare fuori i ben noti “orchi comunisti”. Lei lo sa. Attivista: male, lobbista di se stesso: bene. Queste sono le lezioni politiche di Elon Musk per i kludges.

E in mezzo a tutte queste stronzate, continua a parlare della sua prima idea di stella. Vende un adesivo a 8 dollari per dare ai suoi orgogliosi pagatori i privilegi meritati dai cittadini onorati del neonato Stato Musk, che secondo lui è la capitale di Internet e il laboratorio dove verranno riformati tutti i diritti conosciuti e ne nasceranno altri ancora da conoscere.

TR: ‘Se non paga gli 8 dollari, i suoi tweet saranno cancellati da un algoritmo. Non me lo sto inventando, l’ha detto ieri nella sala degli investitori e ha affermato che questo avrebbe risolto il problema dell’incitamento all’odio.“Dovrà scorrere in lungo e in largo per vedere gli utenti non verificati“.

Come è stato facile affermare l’ovvio e l’evidente: Tuiter è un’azienda e io sono venuto qui per togliere un po’ di denaro, per recuperare un po’ di soldi e per fare in modo che gli investitori possano guadagnare i loro soldi.

Ma è stato molto bello impostare se stessi come un supereroe che combatte e si sacrifica per i diritti civili e che porrà fine alla fame nel mondo, stabilirà la giustizia sociale per legge e taglierà il nastro della pace nel mondo.

Sa, tutte quelle cose che riguardano i milionari pazzi e presuntuosi che non hanno mai nessuno nei paraggi con un secchio di realtà fresca a portata di mano.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados

Idioti nella nebbia

I blog sono morti

Lascia un commento