Horacio Altuna si scusa per uno scherzo

 
Horacio Altuna si scusa per uno scherzo

Striscia di Altuna della serie settimanale "Es lo que hay (Reality)". Clarín dell'8 giugno 2023.

Un grande clamore, come si dice da quelle parti, è stato fatto per questa striscia dell'argentino Horacio Altuna (1941) sul quotidiano Clarín. Altuna, sebbene viva a Sitges (Spagna) dal 1982, continua a lavorare nei media del suo Paese natale.

La scena che ha dato origine alla polemica (per me inesistente) è la seguente:

Uno dei personaggi dice all'altro: "È già notte, ciccione. L'ufficio sarà già chiuso...".

"Non importa, andiamo comunque...", risponde il personaggio con barba e baffi

"È lontano, ho fame", aggiunge il primo.

"Prendiamo un taxi, le offro la cena...", insiste l'uomo con la barba.

"Ma ha dei soldi? Davvero...".

"Ma certo, sono un insegnante... Sono un idiota.... Sono al Conicet*", dice.

cosa significa essere un ñoqui?

In Argentina, un dipendente pubblico che va a lavorare solo il 29 per essere pagato si chiama"ñoqui". In Spagna non abbiamo (credo) una parola specifica per chi lo fa e suona come un piatto italiano solo perché il termine è un'argentinizzazione di "gnocchi", un tipo di pasta italiana che si mangia tradizionalmente il 29 di ogni mese. Per questo motivo, i dipendenti che vengono pagati senza lavorare sono chiamati ñoquis, perché si presentano al loro posto di lavoro solo alla fine del mese per ricevere lo stipendio

* CONICET è il Consiglio Nazionale per la Ricerca Scientifica e Tecnica, la principale agenzia dedicata alla promozione della scienza e della tecnologia in Argentina, sotto il Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione della Nazione.

Critiche

Le critiche alla striscia non hanno tardato ad arrivare, dai messaggi dei dipendenti pubblici ai giornalisti, e la parola più ripetuta è stata ripudio.

Una delle critiche che ha generato una conversazione è stata quella del ricercatore e insegnante Rodrigo Quiroga, che ha scritto questo tweet, poi cancellato:

"Ieri è apparsa questa striscia di @HoracioAltuna su Clarín. Non lo conosco, non so se si tratta di cattivo gusto, di ignoranza o di entrambe le cose. Supponiamo che si tratti di ignoranza. Lo invito a trascorrere una settimana in un qualsiasi istituto CONICET, in modo che possa vedere cosa significa fare scienza e insegnamento in Argentina".

Horacio Altuna ha poi iniziato a spiegare la sequenza e si è anche scusato.

Non si sorprenda se ad un certo punto della storia si perde. Sa che quando scoppia una rissa come questa a Tonter è difficile capire se sia stato prima l'uovo o la gallina, il punto è che, nonostante le scuse di Altuna, c'erano già persone che chiedevano il ripudio del vignettista o del suo messaggio, perché arriva un momento in cui le persone si confondono su ciò che chiedono di ripudiare e tutto si confonde con coloro che approfittano della situazione per usare insulti.

La cosa ha dato origine ad articoli di opinione, come questo di Mauricio Erben intitolato "Docencia y ciencia pública en tiempos de estigmatización: una opinión sobre la viñeta de Altuna" (Clarín contro gli scienziati).

Le scuse e le spiegazioni di Altuna

Horacio Altuna ha persino aggiunto delle spiegazioni alle sue scuse, ricordando che non pensa che i dipendenti pubblici siano ñoquis, che si tratta di una licenza ironica in un contesto di fiction e satira, che è quello che sono le strisce. Scherzi (mi sento ridicola a doverlo ricordare in continuazione).

Continuando con il repertorio di spiegazioni che non dovrebbero essere fornite, per ovvi motivi, Altuna insiste sul fatto che non pensa ai dipendenti pubblici nel modo in cui rappresenta il suo personaggio, che è una truffa fittizia.

E ha anche recuperato un'altra situazione simile disegnata nel 2001.

Anche l'Associazione dei Lavoratori Statali della CONICET si è unita al ripudio della striscia, perché secondo loro "disprezza" i lavoratori pubblici e sostiene che si tratta di una campagna di destra contro le politiche statali.

Tra le opinioni di altri professionisti dell'insegnamento e della ricerca, che chiedono il ripudio, poche ore dopo le scuse di Altuna, il CONICET ha pubblicato un comunicato, anche sul suo account Twitter.

In relazione alla recente pubblicazione di una vignetta sulla quarta di copertina di @clarincom che fa riferimento all'organizzazione, noi di CONICET ci uniamo al ripudio di tali valutazioni e forme di costruzione sociale. Siamo orgogliosi di #ScienceArgentina, per la qualità del lavoro dei nostri scienziati e per l'impegno dei lavoratori della nostra istituzione a contribuire dallo sviluppo scientifico alla costruzione di un Paese più giusto, inclusivo, sovrano e senza violenza.

Lo sviluppo di un Paese per tutti non è possibile senza istruzione pubblica, scienza e tecnologia. Oggi più che mai, la scienza è sovranità. Come ha detto il Premio Nobel e primo presidente del CONICET Bernardo Houssay, "La scienza non è costosa, l'ignoranza è costosa".

Ma non pensate che la cosa finisca qui, perché il comunicato del CONICET ha ricevuto anche una risposta dai ricercatori Sandra Pitta e Julio Montero e dal professore universitario Fernando Pedrosa, attraverso una petizione contro la 'politicizzazione' del CONICET firmata da professionisti con posizioni politiche diverse. "Al di là del contenuto della striscia, il Conicet non ha seguito il percorso di una conversazione costruttiva; ha optato, invece, per una ripulsa e uno scandalo, assumendo un atteggiamento che favorisce l'intolleranza e l'autocensura . Poco importava che la libertà di espressione e la libertà artistica siano istituzioni fondamentali della democrazia che abbiamo riconquistato 40 anni fa"(Fonte)

Richiesta di scienziati e accademici contro la politicizzazione del Conicet

Venerdì, attraverso il suo account Twitter, il CONICET ha 'ripudiato' un'opera del prestigioso vignettista Horacio Altuna pubblicata su un quotidiano nazionale. Al di là del contenuto della striscia, il CONICET non ha seguito il percorso di una conversazione costruttiva; ha invece optato per un ripudio e una stroncatura, assumendo un atteggiamento che incoraggia l'intolleranza e l'autocensura. Poco importava che la libertà di espressione e la libertà artistica siano istituzioni fondamentali della democrazia che abbiamo recuperato 40 anni fa.

Il CONICET ha quindi cercato di unirsi al coro che quotidianamente attacca la stampa indipendente, scivolando in una polemica tipica della politica argentina che è estranea al suo lavoro. Colpisce che la CONICET si preoccupi dell'umorismo grafico invece di chiedere l'implementazione e l'aumento dei fondi per gli stipendi, le attrezzature e i progetti di ricerca, una questione essenziale per il funzionamento dell'organizzazione nel contesto di una crisi generale che sta colpendo gravemente il settore.

Per questo motivo, noi sottoscritti sentiamo la necessità di esprimere il nostro disaccordo con la politicizzazione di un ente pubblico di natura tecnica. Riteniamo che siano questi atteggiamenti a danneggiare maggiormente il prestigio dell'istituzione e rifiutiamo qualsiasi tentativo di collegare la scienza a cause di parte. L'unico impegno dei ricercatori dovrebbe essere la produzione di conoscenza e l'esplorazione della verità scientifica nelle diverse discipline, senza condizionamenti ideologici, sorveglianza o allineamento verticale.

Piuttosto che ripudiare i fumetti, cancellare i dibattiti ed esaltare il proprio lavoro, i ricercatori del sistema pubblico dovrebbero impegnarsi in un dialogo onesto sulle ragioni che portano molti cittadini a guardare CONICET con sospetto e sulle politiche che possono aiutarci a migliorare la nostra produttività e a riconquistare il riconoscimento sociale unanime che avevamo un tempo. La scienza può fiorire solo in un clima di rispetto per la diversità di opinioni, la critica e il pluralismo, dove nessuna delle parti pretende di rappresentare l'insieme o di prendere posizioni a suo nome. La conversione degli organi accademici in forum militanti non solo cospira contro il loro prestigio, ma mina anche la loro ragion d'essere.

Polemiche fittizie

A questo punto ho smesso di seguire la polemica perché, come al solito, ha continuato la sua traiettoria discendente in cerchio e mi sto annoiando ogni giorno di più. Almeno questa volta non ci sono stati appelli a piantare la testa del vignettista su una picca o a fargli perdere il lavoro e a bandirlo dal pianeta.

In questo caso, si sono riuniti tutti i soliti elementi di questo tipo di fastidioso battibecco. Da un lato, ci sono i letteralisti, coloro che giudicano la scena in modo isolato senza avere la più pallida idea del contesto fornito dalla trama della serie, coloro che attaccano il mezzo solo per la sua linea editoriale apertamente di destra, e coloro che credono che un personaggio fittizio, per quanti cenni di realtà lo circondino, sia reale e rappresenti anche l'opinione del suo creatore.

Suppongo che questo sia il tipo di persona che va al cinema e si identifica e si indigna per i personaggi malvagi, canaglie o furfanti e incolpa gli attori e il regista del film di sostenere le loro azioni.

Horacio Altuna si scusa per uno scherzo 1

Umorismo nei guai, una raccolta di casi (III)
Casi di vignettisti che hanno avuto problemi di una certa importanza a causa delle loro vignette o illustrazioni satiriche o a causa delle loro opinioni. Ci sono anche alcune storie di altre persone che, senza essere vignettisti, sono finite nei guai per averle condivise.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting