La carestia

 
La carestia

Carestia. Vignetta del 10/03/2024 in CTXT

Israele sta usando ogni metodo, ogni volta più subdolo e macabro, per continuare lo sterminio dei palestinesi. Farli morire di fame è uno dei più recenti, quando non li massacra mentre si avvicinano per raccogliere le spedizioni di aiuti umanitari.

Altri tre bambini palestinesi sono morti per disidratazione e malnutrizione nell'ospedale di Al Shifa, secondo il portavoce del ministero della Sanità di Gaza, Ashraf Al-Qidra. Secondo la stessa fonte, questo porta a 23 il numero di palestinesi morti per cause simili in circa 10 giorni.

"Avetevisto le foto dei bambini palestinesi?", ha chiesto Riyad Mansour, Osservatore presso le Nazioni Unite per lo Stato di Palestina, mostrando una fotografia durante il dibattito del 4 marzo all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sull'abuso del potere di veto da parte degli Stati Uniti per impedire un'azione delle Nazioni Unite contro il genocidio a Gaza. "Questo bambino è morto oggi", ha detto mentre reggeva la foto del bambino. I bambini palestinesi muoiono nell'oscurità e nella miseria, mentre Israele usa la fame come arma.

Tuttavia, il numero di persone che muoiono di fame dipende dalla fonte e dal giorno in cui si conta, la cifra è in aumento e si parla già di almeno 25 morti per mancanza di cibo o acqua.

Le peggiori previsioni dell'ONU di inizio mese, che prevedevano una terribile carestia in uno scenario di assoluta desolazione, si stanno avverando. La situazione umanitaria nella Striscia sta diventando sempre più disperata a causa della mancanza intenzionale di cibo.

Correlato:"Urliamo, moriamo di fame, moriamo soli": la vita tra le macerie di Shuja'iya

Il tempo è un altro nemico: "Una volta dichiarata la carestia, per molte persone è troppo tardi", ha dichiarato il portavoce dell'OCHA Jens Laerke, ricordando che mezzo milione di persone a Gaza sta già effettivamente soffrendo la carestia, non c'è flusso commerciale di cibo, i camion con gli aiuti umanitari entrano a singhiozzo e hanno grandi difficoltà a muoversi una volta dentro.

La "normalità" rimane un genocidio. Il ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato che almeno 20 persone sono state uccise e 155 ferite giovedì dai bombardamenti israeliani alla rotonda del Kuwait a Gaza, mentre aspettavano il cibo disperatamente necessario. Israele, nel suo solito modo cinico, ha negato la responsabilità.

Diventa sempre più difficile esprimere a parole le atrocità che lo Stato assassino di Israele continua a commettere mentre coloro che possono e devono impedirlo continuano a lasciarlo fare.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

¿Algo que decir?

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting