Tensione in Medio Oriente

 
Tensione in Medio Oriente

Tensione" in Medio Oriente. Vignetta del 14/04/2024 in CTXT

TR: "Non capisco come si sia arrivati a questo".

La "tensione" in Medio Oriente varia in gravità a seconda di chi la racconta. A volte è il preludio di un'imminente terza guerra mondiale e a volte è un semplice incidente quotidiano che non ha più presa di un titolo a pagina 13.

Quando il 1° aprile Israele ha bombardato un edificio annesso all'ambasciata iraniana a Damasco, in Siria, con l'evidente intenzione di far saltare in aria l'ambasciata, provocando undici morti e radendo al suolo l'edificio, nessuno ha parlato di "terza guerra mondiale". Nessuno ha alzato le mani sulla testa o ha parlato di un atto di guerra. Era normale.

Quando a Israele è stato chiesto il motivo di questo bombardamento. Come al solito, mostrando il cinismo che caratterizza il branco di assassini che è l'esercito di Israele, un portavoce militare ha detto: "Non commentiamo le notizie riportate dalla stampa estera".

Il bombardamento dell'ambasciata iraniana da parte di Israele è avvenuto pochi giorni dopo altri attacchi israeliani in Siria in cui sono state uccise almeno 53 persone, di cui 38 sarebbero soldati e sette membri di Hezbollah. Anche in quell'occasione, il mondo non si è preoccupato dell'"escalation" della "tensione".

Tuttavia, quando l'Iran ha risposto a questo atto di guerra nelle prime ore del 13-14 aprile, non c'era quasi nessun media che non parlasse di aggressione, attacco, guerra, ecc. E il Trending Tonic, ovviamente, era "Terza Guerra Mondiale", senza alcuna traccia del diritto dell'Iran a difendersi. Quel diritto ora è solo di Israele.

A quel punto, il presidente francese Emmanuel Macron sembra accusare l'Iran di"sproporzione" contro Israele e conferma l'intervento francese.

In Spagna si parla poco di questo argomento perché c'è molto calcio in questi giorni, ma Borja Sémper, che non perde occasione per disgustare, ritiene che"la Spagna non può essere equidistante tra la dittatura dell'Iran e la democrazia di Israele".

Semper si riferisce a quella democrazia, l'ultima o l'unica in Medio Oriente (come dicono i media), che ha già ucciso più di 33.000 civili(40.000 secondo Euro-Med Monitor) alla luce del sole. Israele non intende smettere di uccidere finché non li cancellerà dalla mappa delle terre che ha occupato illegalmente per decenni.

Ebbene, oggi Israele ha già concretizzato la sua promessa di rispondere alla risposta dell'Iran e il copione si è ripetuto. I portavoce della macchina propagandistica israeliana non vi diranno altro: Israele si sta difendendo. Zero contesto, minimo o nullo. È così che funzionano i geomiti camuffati da giornalismo.

Patto dell'Assassino

Israele non ha abbandonato il suo piano di invasione di Rafah mentre negozia con gli Stati Uniti la sua risposta all'attacco dell'Iran. Gli Stati Uniti lascerebbero che Israele continui il genocidio in Palestina in cambio di un "contenimento" contro l'Iran. Non c'è niente di più disgustoso e imbarazzante.

Ci sono due Stati assassini che contrattano con la vita delle persone senza vergognarsi e senza nascondersi. Chi può fare qualcosa sta a guardare e continua a fare "gesti".

Gesti come chiedere ancora una volta il riconoscimento dello Stato di Palestina (che esiste, esiste, dovrebbero piuttosto chiedere il suo non annientamento).

Ma è ovvio. Gli Stati Uniti hanno posto il veto alla richiesta palestinese di essere riconosciuta come Stato membro a pieno titolo dell'ONU, bloccando così una risoluzione a sostegno di uno status che i palestinesi cercano da tempo alle Nazioni Unite, dove sono considerati uno"Stato osservatore non membro". Quindi, basta difenderli. La strada è libera per il genocidio.

Vietato parlare di genocidio e occupazione

Tutto questo è reso possibile in gran parte dall'inestimabile lavoro dei media dell'impero in declino e di quelli dei Paesi che li emulano in Occidente come bifolchi sottomessi.

Il New York Times ha dato istruzioni ai giornalisti che coprono lo sterminio di Israele nella Striscia di Gaza di limitare l' uso dei termini "genocidio" e "pulizia etnica" e di "evitare" l'uso dell'espressione "territorio occupato" quando descrivono il territorio palestinese, secondo una nota interna ottenuta da The Intercept.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting