Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

 
Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Il 1° maggio, il vignettista Suhail H. Naqshbandi illustrato con questa vignetta un testo in cui spiegava le ragioni per cui aveva lasciato il suo lavoro di vignettista editoriale per il giornale Il Grande Kashmir. La censura del medium e le pressioni del governo finirono per rendere impossibile il suo lavoro.

Non è molto comune leggere lettere di dimissioni da parte di vignettisti; è normale che quando iniziano i problemi con il mezzo, il vignettista cerchi di navigare finché non passa la tempesta o, in malo modo, finisca per essere invitato, sempre molto gentilmente, ad andarsene con qualsiasi tipo di scusa protocollare. Naturalmente, tutto questo cambia a seconda del Paese.

Censura e pressione

Naqshbandi ha iniziato a lavorare per il quotidiano Greater Kashmir nel 1998, un anno dopo la sua fondazione. Ha iniziato a pubblicare un fumetto quotidiano intitolato “Inside Out“. Si è preso una pausa nel 2002 ed è tornato nel 2016. All’inizio si sentiva sostenuto dai redattori e la situazione non era così grave. Tuttavia, negli ultimi anni tutto è peggiorato. E molto peggio.

La pubblicità istituzionale ha iniziato a scomparire dai giornali kashmiri, che già cominciavano a ridurre in modo significativo i loro introiti, portando a ritardi nei pagamenti e poi tagli di quasi il 50% degli stipendi. Ma il peggio doveva ancora venire, la censura e le pressioni divennero insopportabili.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

La censura è diventata evidente soprattutto a partire dal febbraio 2019, quando il Ministero dell’Informazione e della Radiodiffusione ha chiesto all’amministrazione del Jammu e Kashmir di identificare quella che ha definito “arte della resistenza” proveniente dal Kashmir. In sostanza, qualsiasi voce artistica o letteraria che protestasse contro l’oppressione doveva essere individuata e monitorata.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Suhail Naqshbandi, che si dedica all’acquerello

Per Naqshbandi, l’autocensura è sempre stata presente e dice che è qualcosa che la maggior parte dei giornalisti, vignettisti e scrittori del Kashmir conosce bene.

“Avevo iniziato ad autocensurarmi un po’ di tempo fa. Non mi è mai stato detto di non fare questo o quello. Ma se facevo una vignetta sul ministro dell’Interno, per esempio, e non veniva pubblicata, il messaggio che mi mandavano era molto chiaro”.

In un’intervista al Free Speech Collective, Naqshbandi ha raccontato come le pressioni non fossero più “subliminali“:

“Chiedevo perché le mie vignette non venivano pubblicate e ricevevo risposte con suggerimenti che mi suggerivano di stare lontano dalle vignette politiche. Mi è stato detto di disegnare su questioni ambientali o sociali. Non potevo disegnare vignette contro personalità politiche, contro il regime. Potevo ancora lavorare sulla satira, ma le opzioni cominciavano a restringersi.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Vignetta Naqshbandi, marzo 2018

Censurare la storia

L’ultimo episodio di censura si è verificato quando ha presentato questa vignetta su un momento storico la rivolta dei tessitori di scialli del XIX secolo nel 1865, nota come “Chal Baaf Tehreek”, che il giornale si rifiutò di pubblicare.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

I governanti Dogra dell’epoca avevano imposto una tassa che paralizzava l’industria dei tessitori di scialli e molti di loro si riunirono per manifestare a Srinagar il 29 aprile 1865. I tessitori e i loro Khandwaw (apprendisti), guidati da Shiekh Rasool e Abli Baba, marciarono per le strade della città di Srinagar verso il palazzo di Kripa Ram, il governatore del Kashmir, il 29 aprile 1865

L’esercito di Dogra ha caricato i manifestanti e quel giorno 28 lavoratori sono stati uccisi.

Per Naqshbandi, il rifiuto del giornale di pubblicare anche solo una vignetta su un evento così tragico e importante per la storia del suo Paese, avvenuto più di 150 anni fa, non solo è stato assurdo, ma gli ha anche dato la spinta finale per lasciare il suo lavoro. La sua ultima vignetta è stata pubblicata il 27 aprile 2019.

Naqshbandi ha deciso di continuare a pubblicare le sue vignette online con il nuovo titolo “Come what may”.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Vignetta sulla Giornata mondiale della libertà di stampa pubblicata il 3 maggio sulla sua pagina Facebook

India, una situazione desolante e qualche motivo di speranza

In India, i vignettisti politici non hanno vita facile. Diversi casi lo dimostrano. Nel 2018, Satish Acharya si è anche dimesso dal Mail Today dopo che una sua vignetta è stata rifiutata.

Non dobbiamo nemmeno dimenticare il recente caso del vignettista e giornalista G. Bala, che è stato arrestato nel 2018 per una vignetta ritenuta oscena e diffamatoria dalle autorità, in cui il ministro capo Edappadi K. Palaniswami era raffigurato nudo insieme ad altri due membri della polizia e dell’amministrazione del distretto di Tirunelveli.

Il 9 settembre 2012, il vignettista Aseem Trivedi è stato arrestato a Mumbai con l’accusa di sedizione per aver pubblicato vignette sulla corruzione in India. È stato accusato di aver insultato gli emblemi nazionali, ridicolizzato il Parlamento, la bandiera e la Costituzione e accusato di sedizione per aver violato la sezione 124A del Codice penale indiano. La polizia del Maharashtra a Mumbai lo ha anche denunciato per aver insultato i simboli nazionali dell’India. Rischia due anni di reclusione e una multa fino a 5.000 rupie.

Anche altri giornalisti, vignettisti e comici hanno dovuto affrontare la giustizia per aver rischiato di fare satira su questioni religiose o politici. Ma non è necessario essere un comico, basta condividere un meme su un funzionario o su un politico per finire in prigione.

“Un fumettista dovrebbe essere in grado di lavorare senza inibizioni”

Questa è stata la conclusione clamorosa di questo frase (PDF) dell’Alta Corte di Madras dell’aprile 2018, che ha deciso e chiuso il caso di una causa per diffamazione presentata contro il quotidiano Dinamalar e il suo vignettista“Karna“, per aver pubblicato, su 7 gennaio 2013di una battuta che ritrae i membri del partito come scimmie DMK come scimmie.

Intervista

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraLe risposte a questa intervista sono state ricevute il 22 maggio 2109. Tutte le vignette che lo illustrano sono state censurate dal giornale per cui Suhail lavorava.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura quante vignette ha censurato il giornale dall’inizio delle pressioni?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraPiù di cento in un periodo di quattro anni.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura Il giornale ha anche censurato una vignetta storica su un evento storico del 1865. Pensate che la censura vada oltre le vignette politiche e possa essere una strategia di controllo globale di qualsiasi opinione sullo Stato?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraSorprendentemente, la vignetta non era nemmeno direttamente collegata all’attuale governo. Si riferisce a un’epoca in cui il Kashmir era governato da una monarchia. Credo che l’editore non abbia voluto correre il rischio di andare sul sicuro in questo periodo.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Anche il cartone animato è stato rifiutato, alludendo a un discorso del Primo Ministro Narenda Modi in cui si parlava di picchiare i kashmiri

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura in quale momento esatto ha deciso di lasciare il suo lavoro al giornale?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura La consueta censura rendeva il lavoro difficile, in quanto significava lavorare molto di più per realizzare una vignetta con una posizione satirica o non conflittuale, ma il punto di rottura è arrivato quando gli stipendi sono stati tagliati di quasi il 50% perché lo Stato ha ritirato la pubblicità istituzionale dal giornale che, secondo la direzione, ha influito sulle sue entrate. Non era più solo una questione di stipendi ridotti, sentivo che c’era un limite al di sotto del quale non si poteva vendere il proprio lavoro.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura qual è stata la reazione del giornale alle sue dimissioni?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraPurtroppo non hanno risposto. Nessuna risposta alla mia e-mail di dimissioni, nessuna telefonata, niente.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Un’altra vignetta sugli abusi della popolazione che è stata censurata dal giornale

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura Mi incuriosisce molto il fatto che il Ministero dell’Informazione e della Radiodiffusione chieda all’amministrazione del J&K di identificare quella che viene definita “arte della resistenza” proveniente dal Kashmir. Cosa fa esattamente questo organismo? Come fa questo organismo a identificare e catalogare le voci dissenzienti?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraIl Ministero dell’Informazione e della Radiodiffusione (Ministry of Information and Broadcasting) è un’agenzia a livello ministeriale del governo indiano responsabile della formulazione e dell’amministrazione di norme, regolamenti e leggi nei settori dell’informazione, della radiodiffusione, della stampa e dei film in India.

Con l’avvicinarsi delle elezioni e come parte del loro piano per controllare le voci dissenzienti, hanno richiesto questo rapporto all’amministrazione del Jammu e Kashmir. È opportuno ricordare che il Jammu e Kashmir è uno Stato dell’India settentrionale. È un territorio conteso tra India e Pakistan.

Una parte è controllata dal Pakistan e l’altra dall’India dal 1947, quando gli inglesi lasciarono l’India. Prima di allora, il Jammu e Kashmir era un regno indipendente. Prima che i colonizzatori britannici lasciassero l’India, la spartizione dell’India passò al Pakistan e all’India secondo linee religiose. Centinaia di migliaia di persone sono morte lungo il percorso.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Un altro che il giornale non ha voluto pubblicare sul trattamento della violenza contro la popolazione kashmira da parte di alcuni media

Il neonato Pakistan tentò di prendere il controllo del Kashmir, spingendo il re a chiedere assistenza militare all’India. L’allora primo ministro indiano, Jawahar Lal Nehru, promise alla popolazione del Kashmir che l’adesione sarebbe stata temporanea fino a quando la situazione non fosse tornata alla normalità, dopodiché si sarebbe tenuto un plebiscito sotto la supervisione dell’ONU, con il quale la popolazione del Jammu e Kashmir avrebbe potuto decidere il proprio destino politico, scegliendo se rimanere in India, in Pakistan o rimanere indipendente.

La promessa non è mai stata mantenuta, nemmeno dopo il ritorno alla normalità. Si è quindi creato un sentimento separatista tra la popolazione, che si è sentita tradita e, in risposta, dagli anni ’90 si è scatenata una ribellione armata contro lo Stato indiano in Kashmir, per rivendicare il proprio diritto all’autodeterminazione.

Lo Stato indiano ha optato per una risposta militare schiacciante che ha provocato molti morti, violazioni dei diritti umani e censura, che continua ancora oggi. Tutto questo ha portato molti narratori a rispondere alle tragedie attraverso la loro arte. Dalla scrittura, alla pittura, all’umorismo grafico e alla musica. E poiché le mie vignette politiche erano di dominio pubblico e criticavano quotidianamente lo Stato, credo che questo abbia avuto molto a che fare con l’aumento della censura sul mio lavoro.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura Nell’intervista a FSC parla del caso di un altro fumettista costretto a lasciare la professione: chi è questo artista?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraIn realtà ce ne sono due. Uno è Malik Sajad e l’altro è Mir Suhail. Ma i loro casi risalgono a diversi anni fa.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura conosce altri casi di vignettisti in difficoltà per le loro opinioni?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuraHo letto molto sul vignettista Zunar, che è stato arrestato di recente. E altri in tutto il mondo che sono costretti a lasciare il loro lavoro o le loro vignette vengono censurate. Anche in Paesi come gli Stati Uniti.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura il collettivo dei vignettisti in India ha parlato dei casi di censura e delle pressioni sui media e sugli autori?

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura Sì, se ne discute continuamente. L’anno scorso, infatti, in uno Stato dell’India meridionale, il governo ha intentato una causa contro un vignettista. Tuttavia, l’Alta Corte si è pronunciata a favore del vignettista affermando che lui e altri hanno la libertà di criticare il governo come sancito dalla Costituzione indiana.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Un’altra vignetta censurata, curiosamente, parlava del blocco di Internet come strategia di repressione

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censuracome vede il futuro dei vignettisti editoriali nel suo Paese?

Sono scettico al riguardo perché l’attuale governo crede nella censura totale e ha buone possibilità di tornare al potere – tra l’altro domani cominceranno a uscire i risultati delle elezioni – ma tutto ciò ha portato un maggior numero di persone a pubblicare opere satiriche sotto forma di vignette, video e meme che raggiungono un gran numero di persone attraverso i social media. Non avete più bisogno di una pubblicazione tradizionale per presentare il vostro lavoro. È un raggio di speranza.

Informazioni su Suhail

Suhail Naqshbandi è un artista grafico kashmiro che usa le sue vignette, i suoi dipinti, le sue illustrazioni e i suoi disegni per raccontare storie a tema sociale. Lavora nei media tradizionali e digitali.

Cresciuto in una famiglia di artisti, è stato esposto all’arte fin da bambino. Quando è scoppiata la rivolta armata in Kashmir Suhail era un adolescente e ricorda lo spargimento di sangue e il dramma sociale che ha provocato; da allora non ha mai smesso di disegnare. All’età di 21 anni ha iniziato a lavorare per il quotidiano Greater Kashmir, diventandone il primo vignettista editoriale. In seguito, ha lavorato fuori dallo Stato in diversi settori legati all’insegnamento e alla creazione multimediale. Nel 2015 è tornato in Kashmir e nel 2016 è tornato a lavorare per lo stesso giornale come vignettista politico e direttore artistico.

Suhail continua a disegnare, dipingere ed esporre denunciando gli abusi commessi contro la popolazione del Kashmir.

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura Correlati: 126 casi in tutto il mondo

Il vignettista Suhail Naqshbandi si dimette a causa di pressioni e censura

Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting

Grandes personan que patrocinan.

Patreon

Recibe contenido extra y adelantos desde sólo un dolarcito al mes como ya hacen estos amables lectores:

César D. Rodas - Jorge Zamuz - David Jubete Rafa Morata - Sasha Pardo - Ángel Mentor - Jorge Ariño - Vlad SabouPedro - Álvaro RGV - Araq