Tassa sui ricchi

 
 
Tassa sui ricchi

Tassa sui ricchi. Cartone del 01/10/2022 in CTXT

Il Governo ha annunciato quella che è popolarmente conosciuta come una “tassa sui ricchi”, anche se il Governo la definisce una “tassa di solidarietà” sulle grandi fortune.

Questa imposta temporanea si applicherà solo nel 2023 e 2024 per una ricchezza netta superiore a 3 milioni di euro e si stima che interesserà circa 23.000 contribuenti, lo 0,1% del totale (uno su 1.000). Il governo prevede di raccogliere circa 1,5 miliardi di euro(1)

Questa settimana abbiamo visto alcuni di quei pochi ricchi piangere negli angoli, mentre molti connazionali comuni, con meno soldi di quelli che fanno il bagno, piangevano con loro in segno di solidarietà per la perdita della ricchezza altrui.

La maggior parte dei media generalisti e/o tradizionali e gli occasionali media digitali, così come quelli che si definiscono “economici”, hanno lasciato i loro tuorli nei soliti titoli gialli di catastrofe.

Bonus: Sorpresa, la riduzione delle tasse per i più ricchi avvantaggia solo… i più ricchi. Questo è il titolo di un interessante post sul blog“La scienza e i suoi demoni“, in cui ci ricordano, tra le altre cose, che i benefici della riduzione delle tasse per coloro che hanno di più non fanno fluire felicemente il denaro verso coloro che hanno di meno, come sostengono i neoliberali da poltrona

“Questo è ciò che i ricercatori del King’s College hanno appena riaffermato (di nuovo, perché l’elenco di tali studi sta diventando noiosamente lungo). Gli autori hanno analizzato gli effetti di 30 riforme realizzate in 18 Paesi dell’OCSE, comprese ovviamente quelle più emblematiche (come quelle di Ronald Reagan o Margaret Thatcher) insieme a molte altre del resto dei Paesi sviluppati. E confrontando i 5 anni precedenti al taglio delle tasse per i più ricchi in ogni Paese con i 5 anni successivi alle ‘riforme’, i risultati non potrebbero essere più chiari”. (Fonte).

Sommario

“Gli ultimi 50 anni hanno visto un drastico calo delle tasse sui ricchi in tutte le democrazie avanzate. Tuttavia, le conseguenze economiche di questo cambiamento radicale nella politica fiscale continuano ad essere oggetto di un acceso dibattito sia nei circoli politici che accademici

Questo articolo contribuisce a questo dibattito utilizzando un indicatore di nuova costruzione delle imposte sui ricchi per identificare tutti i casi di grandi tagli fiscali per i ricchi in 18 Paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) tra il 1965 e il 2015

Stimiamo poi gli effetti medi di queste grandi riforme fiscali sui principali aggregati macroeconomici. Scopriamo che i tagli fiscali per i ricchi portano a una maggiore disuguaglianza di reddito sia nel breve che nel medio termine. Al contrario, tali riforme non hanno un effetto significativo sulla crescita economica o sulla disoccupazione. I nostri risultati, quindi, forniscono una forte prova contro l’influente visione dell’economia politica secondo cui i tagli alle tasse per i ricchi “scendono a cascata” per stimolare l’economia generale”

Tassa sui ricchi

Le conseguenze economiche di grandi tagli alle tasse per i ricchi

David Hope, Julian Limberg

Rivista Socio-Economica, Volume 20, Numero 2, Aprile 2022, Pagine 539-559. Licenza. Creative Commons CC-BY-NC


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados
Hipotecas

Ipoteche

I capi del male

50 secondi