La trasparenza della monarchia

 
La trasparenza della monarchia

La trasparenza della monarchia. 12/12/2020 in CTXT

L'emerito ha pagato 678.393,72 euro all'erario per regolarizzare la sua situazione fiscale.

Questo, letto così com'è, sembra uno scherzo, perché presto scopriamo quanto ha pagato, ma non si sa nulla dei dettagli o del motivo per cui è stato pagato, alla faccia della trasparenza quando si tratta della Casa Reale.

Logo Hacienda

La questione è emersa in questo comunicato dell'artista precedentemente conosciuto come El Campechano. Il primo paragrafo afferma che si tratta di una dichiarazione "senza richiesta preventiva" e il secondo ci ricorda ancora una volta che è a disposizione del sistema giudiziario, che non ha ancora contemplato di prendere il fucile e barricarsi nella sua capanna di fango ad Abu Dhabi.

Comunicado Juan Carlos I, deuda Hacienda

La prima domanda, anche se non l'unica o la più importante, è: per quale tipo di debito fiscale sta pagando?

Beh, ci sono solo speculazioni. Alcuni dicono che potrebbe avere a che fare con le donazioni di un collega uomo d'affari messicano che sono state fatte attraverso un colonnello che è un amico intimo dell'emerito.

A causa di questa mossa, la Procura della Corte Suprema ha aperto un'indagine sul presunto utilizzo da parte di Juan Carlos I e di alcuni membri del suo clan, come Froilán e Victoria Federica di carte di credito con fondi opachi provenienti da questo uomo d'affari, con i quali hanno speso felicemente le loro pjadas di lusso.

Allen Sanginés-Krause è l'uomo d'affari messicano che ha ammesso di aver fatto.., sei trasferimenti al collaboratore del re e presunto prestanome, il colonnello Nicolás Murga Mendoza, tra il 2017 e il 2018, quando Juan Carlos I non era più inviolabile, per un totale di 270.000 euro.

Nel frattempo, qui continuiamo a divagare sul fatto che il Tesoro avrebbe dovuto indagare all'epoca su queste parti di denaro in nero che passavano di mano in mano tra i Borboni.

Campagna, diciamo

Un'altra cosa da ridere è leggere che c'è una campagna per lavare l'immagine della monarchia. Ora. In questo momento, naturalmente. Sia da una serie di mediala monarchia, così come i circoli di rancore politico, hanno ripulito e dato splendore a tutti i casini di qualsiasi membro della famiglia reale per decenni. E non stiamo nemmeno parlando di Juanca, che qui è stato abbandonato a se stesso. Ancora oggi, ci sono giornalisti che, se l'emerito si cagasse in bocca, lo starebbero ancora adulando con passione.

Giornalismo sottomesso
Adolfo Suárez ha dichiarato in un'intervista a Victoria Prego nel 1995 che non c'è stato alcun referendum sulla monarchia o sulla repubblica perché: "abbiamo fatto dei sondaggi e abbiamo perso". La sedicente giornalista ha iniziato immediatamente la sua campagna per togliere il vento dalle vele.

Separare la persona

Forse l'unica differenza è che, mentre tempo fa non si esaltava il personalismo e ci veniva detto che questa monarchia di successione era da lodare perché era una cosa genetica, perché era rappresentata da un connazionale molto amato per il suo lato più personale, per il suo carisma e la sua umiltà, ora è necessario separarlo dall'istituzione e non tenerlo in considerazione perché"le istituzioni sono al di sopra delle persone", come ci assicura Margarita Robles.

Durante la notte, l'ex re, capo di Stato e Comando Supremo delle Forze Armate è stato trattato come una figura che ha rubato un vaso di poco valore dal Palazzo della Zarzuela.

Ma, naturalmente, che cosa dirà se Pedro Sánchez sostienesostiene e ripete ogni volta che può che"la maggior parte di noi repubblicani si sente molto ben rappresentata in questa monarchia parlamentare che abbiamo" e ha la teoria contorta che Felipe VI sia un garante delle libertà e rappresenti una sorta di successione a una presunta lotta antifranchista, per i diritti e le libertà e contro la dittatura. È tutto così assurdo.

L'eredità del Bourbon
La storia non è cambiata in minima parte. Felipito ha ereditato un regno per grazia del suo DNA borbonico-franchista, non può neanche dire di essere stato eletto dagli spagnoli in quella farsa franchista del 1947, o nell'altra del '66.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting