Sette giornali si scusano con la comunità indigena per una vignetta

 
 
Sette giornali si scusano con la comunità indigena per una vignetta

La settimana scorsa, sette giornali di proprietà di Metroland Media, una filiale di Torstar Corporation, nella Contea di Simcoe, in Canada, hanno pubblicato questa vignetta di Steve Nease.

La scena mostra il Papa che dice“Mi dispiace” a due persone di aspetto indigeno che rispondono:“Quanto (o quanto) mi dispiace? dove la S è sostituita da un segno di dollaro che suggerisce che le popolazioni indigene stanno chiedendo un risarcimento finanziario”.

La vignetta allude alle recenti dichiarazioni del Papa, che ha chiesto il perdono la vignetta è un riferimento alle recenti dichiarazioni del Papa, che ha criticato le popolazioni indigene canadesi per i sistematici abusi fisici e sessuali che hanno subito tra il 1831 e il 1996 da parte della Chiesa cattolica nel Paese collegi di “assimilazione“dove sono stati rinchiusi per cancellare ogni traccia della loro identità culturale.

Il leader di Prime Nazioni Hiawatha laurie Carr ha detto che è “inquietante” che una vignetta del genere sia stata pubblicata nel 2022 e che “quando Metroland Media si rivolge alle popolazioni indigene per farle sedere in questi comitati consultivi e lavorare insieme per portare media migliori e verità alla popolazione canadese in generale… è davvero scoraggiante”,

Gli altri leader delle Prime Nazioni dell’Ontario meridionale ritengono che i media debbano fare un lavoro migliore di riconciliazione e hanno definito la vignetta offensiva.

Altre persone su Twitter hanno scritto che si trattava di un cartone animato razzistaoffensivo e vergognoso.

La risposta del vignettista

Steve Nease ha scritto in un’e-mail a Notizie CBC che ritiene che le scuse papali siano il primo passo per riparare ai torti subiti dai sopravvissuti alle scuole residenziali per mano della Chiesa cattolica e che il Papa dovrebbe “fare i conti con la sua bocca e risarcire finanziariamente le vittime”.

“So che molti si sono sentiti offesi dalla mia vignetta e me ne dispiaccio profondamente”.

“Non è mai stata mia intenzione, né del giornale che l’ha pubblicato, provocare un tale dolore”.

Laurie Carr ha detto di essere grata per le scuse, ma avrebbe preferito che fossero solo scuse, piuttosto che spiegare l’intenzione dietro la vignetta.

Scuse dell’azienda

Adam Martin-Ronbbins, direttore generale del gruppo di media che pubblica tutte e sette le testate, si è scusato nel corso del suo intervento una dichiarazione in cui, tra le altre cose, affermava che la vignetta non avrebbe dovuto essere pubblicata. Questo è il testo completo:


Cari lettori della Contea di Simcoe, vi dobbiamo delle scuse

La vignetta pubblicata sui nostri giornali la scorsa settimana era offensiva, e ci dispiace, scrive Adam Martin-Robbins.

Lunedì 18 aprile 2022Si tratta
di fiducia. Il nostro rapporto con i lettori si basa su trasparenza, onestà e integrità. Ecco perché abbiamo lanciato un’iniziativa di fiducia per dirle chi siamo e come e perché facciamo quello che facciamo. Questo articolo fa parte di quel progetto.

Inizio con questo: Ci dispiace.

La vignetta che abbiamo pubblicato sulla pagina editoriale dei nostri sette giornali locali la scorsa settimana è stata offensiva e ci scusiamo.

Ci scusiamo, in particolare, con i nostri lettori indigeni, compresi i nostri vicini della Beausoleil First Nation e della Rama First Nation, nonché i Métis residenti a Midland e nelle comunità circostanti. Riconosciamo il trauma generazionale delle atrocità associate al sistema delle scuole residenziali.

La vignetta voleva essere uno sguardo satirico su come le tanto attese scuse del Papa alle popolazioni indigene siano insufficienti senza che la Chiesa cattolica romana mantenga anche la promessa di risarcire i sopravvissuti delle scuole residenziali. Ma questo non era il modo di rappresentare quel punto di vista e non avremmo dovuto pubblicarlo.

In secondo luogo, vorrei ringraziare i molti lettori che ci hanno contattato via e-mail e social media per chiamarci ed esprimere le loro preoccupazioni.

Le sue risposte sono una parte importante della nostra riflessione e del nostro apprendimento, mentre ci sforziamo di migliorare.

È anche un importante promemoria dell’impatto del lavoro che svolgiamo e di ciò che dovremmo considerare prima di pubblicare contenuti su o in riferimento ai popoli indigeni.

Dovremmo, possiamo e faremo meglio.

Da quando è stata pubblicata la vignetta, abbiamo rivisto e modificato i nostri processi per evitare che questo accada di nuovo. Abbiamo aggiunto un ulteriore livello di revisione e supervisione dei contenuti della nostra pagina editoriale, per garantire che soddisfino i nostri standard etici.

Siamo anche consapevoli che abbiamo ancora molto da imparare. Siamo impegnati in una formazione continua incentrata, tra l’altro, sull’anti-oppressione, l’anti-razzismo, l’inclusione e la diversità.

Nel nostro lavoro quotidiano di giornalisti, ci troviamo regolarmente di fronte a decisioni etiche difficili e spesso facciamo la cosa giusta. Ma a volte ci sbagliamo.

Quando ciò accade, sappiamo quanto sia importante riconoscere i nostri errori.

Riconoscere i nostri errori fa parte di ciò che ci rende una fonte di notizie affidabile su cui i nostri lettori contano per essere informati su ciò che accade nelle loro comunità.

Riconosciamo, per alcuni lettori, che questo errore di giudizio ha minato la loro fiducia in noi.

So che il nostro team dedicato di redattori e giornalisti lavorerà duramente per riconquistare la sua fiducia.

Le assicuro che ci impegniamo a fornire un giornalismo equo, equilibrato ed etico, radicato nei valori di rispetto e dignità che i lettori si aspettano da noi.

Reg Niganobeil Gran Capo del Consiglio della Nazione Anishinabek, i cui membri includono alcuni abitanti delle Prime Nazioni della Contea di Simcoe, ha accettato le scuse, ma ha detto che questo tipo di vignette rafforza lo stereotipo secondo cui gli indigeni sono solo alla ricerca di denaro quando succede qualcosa di brutto e che i media dovrebbero prendere provvedimenti per includere un contesto più ampio e uno sfondo storico quando riferiscono su questioni relative agli indigeni.

Sette giornali si scusano con la comunità indigena per una vignettaL’umorismo nei guai, una raccolta di casi (III)
Casi di vignettisti che hanno avuto problemi di una certa importanza a causa delle loro vignette o illustrazioni satiriche. Ci sono anche alcune storie di altre persone che, senza essere fumettisti, hanno avuto problemi per averle condivise.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados