Espé, il vignettista che è stato licenziato nel suo primo giorno di lavoro

 
 
Espé, il vignettista che è stato licenziato nel suo primo giorno di lavoro

La prima e ultima vignetta di Espé nella nuova sezione del Tour de France del quotidiano L’Humanité.

Il vignettista francese “Espé” potrebbe aver battuto un record. È stato licenziato subito dopo la pubblicazione della sua prima vignetta in una sezione inaugurata dal giornale.

Sébastien Portet (1974), che si firma con il nome di “Espé”, ha iniziato la sua prima collaborazione con il giornale francese e ha inviato questo scherzo che illustra un testo del controverso ex allenatore di ciclismo, Antoine Vayer, che è stato anche licenziato (non so se a causa di qualcosa nel suo testo, poiché non sono riuscita a trovarlo).

Vayer, responsabile di un colonna vayer, responsabile di una rubrica quotidiana sulla Tour su L’Humanité, ha difeso la vignetta su Twitter, cercando una certa relazione con le caricature di Maometto in Charlie Hebdo.

Nell’immagine, il vignettista ha raffigurato seminuda e in lingerie la ciclista e modella in pensione Marion Rousse, ora commentatrice sportiva di ciclismo in televisione, che intervista a letto Julian Alaphilippe, il suo attuale compagno, che appare con la lingua di fuori, sbavando.

“Julian, può rispondere alle domande di France TV?”

“Yesssssss!

Non ci sono molte tracce di scherzo nel testo. La verità è che, come cartone animato, mi sembra una passeggiata e più vecchio di una foresta. Ci ricorda quelle barzellette sporche, senza più sfondo, dell’epoca della scoperta che erano semplici scuse per disegnare ragazze con le palle, forse voleva fare un revivaldel genere, chi lo sa. Non credo che non ci abbia nemmeno pensato, e questo tipo di cose non vanno bene con, diciamo, i media in generale.

Marion Rousse ha commentato come segue la vignetta con la sua caricatura su Twitter:

disilluso, L’Humanité peggiora sempre di più” il suo nome diventa sempre peggiore. Non bisogna avere il minimo rispetto per le donne, per le donne, per portare sei anni di analisi sportiva in televisione a questo livello”.

In seguito alla controversia, il giornale si è scusato con i lettori dal loro sito web per la vignetta come “degradante e sessista” e ha annunciato che avrebbe abbandonato entrambi i collaboratori.

“Abbiamo deciso di interrompere la collaborazione con il vignettista Espé e l’editorialista Antoine Vayer, una partnership che abbiamo inizialmente stabilito per la durata del Tour de France. Il motivo è la vignetta degradante e sessista firmata da Espé, rivolta all’analista di France Television e ciclista Marion Rousse, ridotta a un oggetto sessuale che intervista un concorrente del Tour, Julian Alaphilippe, che ha rivelato di essere il suo partner sentimentale”.

Su Twitter si sono anche scusati con Marion Roussse.

Condividiamo pienamente l’indignazione per questa vignetta. L’abbiamo rimosso rapidamente. È contrario ai valori de L’Humanité, che promuove la dignità umana e la lotta femminista. Marion Rousse, ci perdoni per questa mancanza di vigilanza”.

Il vignettista ha anche ha detto il vignettista si è anche scusato con AFP per la mossa:

“Sono triste, triste, triste. Il giornale si è scusato, il disegno è stato cancellato e io non lavoro più per L’Humanité. Il mio obiettivo non era quello di ferire, affatto, non c’era alcun intento malevolo, era solo una caricatura…. Quando un disegno non viene compreso, è un errore, ma non avrei mai pensato che potesse raggiungere queste proporzioni”.

Espé ha anche detto:“Volevo evocare la porosità tra i media e lo sport (?) e volevo ispirarmi ai disegni di Tex Avery “. È possibile che Espé abbia trovato la battuta o la presunta critica divertente nella sua testa, ma tutto indica che si tratta di qualcosa che solo lui ha visto o non ha saputo risolvere. Comunque sia, si trattava di un tentativo di scherzo e i media hanno deciso di prendere la strada maestra. L’autore non è un novellino, è stato dagli anni ’90 nel mondo dei fumetti, anche se il suo debutto nell’umorismo grafico può già essere catalogato come poco meno di una puntura di spillo.

Espé, il vignettista che è stato licenziato nel suo primo giorno di lavoro

L’umorismo nei guai, una raccolta di casi (III)
Casi di vignettisti che hanno avuto problemi di una certa importanza a causa delle loro vignette o illustrazioni satiriche. Ci sono anche alcune storie di altre persone che, senza essere fumettisti, hanno avuto problemi per averle condivise.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting

Grandes personan que patrocinan.

Patreon

Recibe contenido extra y adelantos desde sólo un dolarcito al mes como ya hacen estos amables lectores:

César D. Rodas - Jorge Zamuz - David Jubete Rafa Morata - Sasha Pardo - Ángel Mentor - Jorge Ariño - Vlad SabouPedro - Álvaro RGV - Araq