Un lento genocidio

 
Un lento genocidio

Genocidio lento. Vignetta del 30/03/2024 in CTXT

Giorni dopo il disegno di questa vignetta, l'esercito dello Stato genocida di Israele ha bombardato un gruppo di persone di ritorno dalla distribuzione di cibo. Non c'era bisogno di essere un indovino per prevederlo: da mesi bloccano gli aiuti umanitari e usano la fame come arma di guerra, bombardando chi si avvicina per cercare di procurarsi il cibo.

Secondo il racconto, "dopo che un missile ha colpito la prima auto del convoglio World Central Kitchen, i sopravvissuti sono corsi a ripararsi in un'altra auto, che è stata colpita pochi secondi dopo. Un terzo veicolo si è avvicinato per aiutare i feriti. A quel punto è stato attaccato anche lui.

E cosa dice il portavoce degli assassini? Beh, Daniel Hagari dice che è molto, molto dispiaciuto e che indagheranno. Cercheranno di capire perché un esercito così potente, con armi così sofisticate e precise, e nonostante sapesse benissimo che questa organizzazione era là fuori a fare il suo lavoro, sia stato in grado di ucciderli senza tanti complimenti. Un'altra medaglia al merito del cinismo per questo sociopatico.

Netanyahu, da parte sua, liquida rapidamente la questione come un "incidente" e aggiunge che queste sono cose che "succedono in guerra". Bibi, per qualche motivo, dimentica che questa non è una guerra.

Israele non ha avuto bisogno di molto tempo per "indagare" e attribuisce l'"attacco" agli operatori umanitari a un "errore di identificazione".

Non c'è alcun errore, sono morti come il resto della gente in Palestina, giustiziati a sangue freddo da quel gruppo di pazzi che Israele chiama esercito e che si dedica, tra le tante barbarie, a sparare in testa ai bambini.

I sette membri della World Central Kitchen si aggiungono alla lunga lista di omicidi israeliani impuniti in Palestina, che si contano a decine di migliaia. Secondo l'ultimo rapporto dell'UNRWA del 1° aprile, il numero totale dei suoi membri uccisi dal 7 ottobre è ora di 173. Nessuno di loro è stato così "fortunato " con false condoglianze. Israele ha accusato questa organizzazione di terrorismo senza fornire alcuna prova.

Le reazioni qui sono state come sempre moderate, codarde e tiepide.

José Manuel Albares, Ministro degli Affari Esteri, ha fatto poco o nulla e ha dichiarato: "Ci rammarichiamo per la morte di 7 operatori umanitari della WCK e chiediamo che vengano chiarite le circostanze di queste morti". Come al solito, lasciamo che gli assassini si spieghino da soli.

Pedro Sánchez, in tournée in Medio Oriente, ha detto lo stesso in una conferenza stampa a Doha (Qatar) e che i "presunti chiarimenti" del Primo Ministro Benjamin Netanyahu non sono sufficienti e che sono in attesa di una "spiegazione molto più dettagliata e particolareggiata delle cause e del motivo di questo attentato". Che si accomodino pure.

Ha anche colto l'occasione per promettere per l'ennesima volta che la Spagna riconoscerà la Palestina come Stato "il prima possibile", il che fa sempre notizia, ma di questo passo non ci saranno più né Stato né palestinesi da riconoscere.

La vita continua, in questo caso la morte: Israele ha distrutto l 'ospedale Al-Shifa, il più grande e principale complesso sanitario di Gaza, lasciando centinaia di morti dopo due settimane di assedio. La distruzione degli ospedali è solo un'altra parte dell'agenda genocida di Netanyahu. Ma la festa può sempre diventare più complicata.


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

¿Algo que decir?

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting