Il vignettista Jayme Gordon rischia fino a 25 anni di carcere per falsa testimonianza e frode

 
  • ES
  • JA
  • RU
  • CN
  • PT
  • DE
  • FR
  • EN
  • Il vignettista Jayme Gordon rischia fino a 25 anni di carcere per falsa testimonianza e frode

    Questa storia ha subito una brusca svolta quattro anni dopo il suo inizio.

    Il 16 dicembre 2015, una giuria federale ha incriminato il fumettista e sceneggiatore Jayme Gordonil 51enne residente a Randolph, Massachusetts, è accusato di sette capi d’accusa di frode telematica e falsa testimonianza, derivanti da una causa per plagio intentata contro DreamWorks Animation nel febbraio 2011.

    Quello che era iniziato come un’altra di una lunga serie di controversie sul copyright potrebbe finire con Gordon che sconta 25 anni di carcere per tentata frode.

    Il vignettista Jayme Gordon rischia fino a 25 anni di carcere per falsa testimonianza e frode Aggiornamento 3 maggio 2017

    Alla fine, il vignettista è stato condannato a due anni di prigione e a pagare tre milioni di dollari di risarcimento a DreamWorks.

    Sfondo

    pdf-mini Visualizza la causa di Gordon (2011) contro DreamWorks(PDF)

    Nella sua causa, Gordon ha accusato la DreamWorks di aver plagiato i suoi disegni e di aver basato il suo film del giugno 2008, Kung Fu Panda, su personaggi che ha dichiarato di aver creato e disegnato tra il 1990 e il 2000 e che sono stati protetti da copyright nel 2000 e oltre.

    gordon-vs-dreamworks
    Jayme Gordon DreamWorks
    Jayme Gordon DreamWorks

    Alcuni degli schizzi che Gordon ha allegato alla sua causa

    Nella causa, tra le altre cose, sostiene che nel 1999 ha preso contatto con un dipendente della DreamWorks, al quale ha persino spedito un pacchetto contenente una selezione delle sue illustrazioni, compresi i personaggi di “Kung Fu Panda Power Work”. Sostiene che la società ha accusato il ricevimento del pacco contenente le sue opere, rifiutandole, con una lettera datata 15 ottobre 1999.

    Jayme Gordon afferma inoltre che nel 1999 ha creato un sito web, www.luckylizard.com, sul quale sostiene di aver mostrato questi disegni, compresa una selezione di personaggi e storie del suo “Kung Fu Panda Power Work” e che successivamente, sul suo sito web www.jaymegordon.com, ha anche pubblicato tra il 1999 e il 2000 parti del suo “Kung Fu Panda Power Work”.

    Esaminando gli screenshot conservati in archive.org di entrambi i siti web, non ci sono copie precedenti al 2001 (1) – (2)

    Nel luglio del 2011, gli avvocati di Gordon hanno inviato un’e-mail all’avvocato della DreamWorks, offrendogli un accordo, con un compenso di 12,5 milioni di dollari come percentuale dei diritti di sfruttamento del film. Uno degli “esperti” di Gordon arrivò a sostenere che l’attore aveva subito più di 150 milioni di dollari di danni.

    pdf-mini

    Dichiarazione/risposta del 15 novembre 2011(PDF)

    Ma nel 2013, dopo la prima udienza, Gordon ha improvvisamente ritirato la causa dopo che gli avvocati di DreamWorks hanno dimostrato che aveva copiato i suoi personaggi da un libro da colorare Disney Lion King del 1996.

    gordon-disney

    A sinistra illustrazione Disney del 1996, a destra disegni registrati da Gordon nel 2000

    Jayme Gordon DreamWorks

    La prima immagine di ogni fila (1996) è di Disney, le altre di Gordon.

    La ricerca della DreamWorks ha dimostrato che le illustrazioni di Gordon, datate 1993 e 1994, sono state copiate da un libro da colorare della Disney, pubblicato solo nel 1996. DreamWorks ha concluso che Gordon aveva mentito sulle date e le aveva retrodatate nel tentativo di sostenere la sua richiesta di copyright.

    pdf-mini

    Verbale del 28 marzo 2013(PDF)

    Nel 1999 e nel 2000, Gordon ha registrato centinaia di pagine presso l’Ufficio del Copyright, tra cui una serie di disegni e storie intitolate Panda Power, i cui personaggi includevano un orso panda gigante chiamato “Kid” e un piccolo panda rosso chiamato “Red”. I documenti presentati per l’archiviazione descrivono Kid come “serio, maturo e una sorta di ‘fratello maggiore'” rispetto a Red, che lui dipinge come “giocoso, malizioso e immaturo”.

    Secondo l’accusa, Gordon ha visto un trailer di “Kung Fu Panda” all’inizio del 2008 e ha rielaborato i suoi disegni per adattarli a quelli della DreamWorks. Ha anche colto l’occasione per ribattezzare i suoi disegni “Panda Power” come “Kung Fu Panda Power” presso l’Ufficio del Copyright nel maggio 2008, appena un mese prima dell’uscita del film d’animazione DreamWorks.

    L’unità Cybercrime dell’Ufficio del Procuratore degli Stati Uniti di Boston perseguirà ora Gordon, sostenendo che quando i suoi avvocati hanno inviato quattro e-mail a suo nome in relazione alla causa, compresa un’offerta di accordo proposta, Gordon ha commesso una falsa testimonianza. È anche accusato di aver distrutto le prove sul suo computer.

    Per le accuse di frode telematica e falsa testimonianza, Gordon rischia fino a 25 anni di carcere, sei anni di libertà vigilata e una multa fino a 500.000 dollari, oltre alla restituzione alla DreamWorks, che ha già speso quasi 3 milioni di dollari nel processo.

    Il caso è perseguito dagli Assistenti Procuratori degli Stati Uniti Adam Bookbinder e Amy Harman Burkart dell’Unità CyberCrime di Carmen M. Ortiz, dell’Ufficio del Procuratore degli Stati Uniti e dell’FBI.

    L’Unità di Crimine Informatico di Boston è nota per la sua aggressività nel perseguire le presunte violazioni delle leggi sulla proprietà intellettuale degli Stati Uniti e ha perseguito l’attivista e programmatore Aaron Swartz, co-fondatore di Reddit e Demand Progress, che si è suicidato nel 2013 dopo che i procuratori hanno rifiutato un’offerta di patteggiamento fatta da Swartz.

    Non è la prima volta che qualcuno rivendica la proprietà dei diritti di Kung Fu Panda e fa causa alla DreamWorks. Nel giugno 2010, Terence Dunn, un cinese-americano, in una denuncia presso la Corte Superiore di Los Angeles, ha affermato di aver scritto la storia del film nel 2001 con gli stessi personaggi e la stessa storia. Non è riuscito a dimostrare il presunto plagio e la DreamWorks ha vinto la causa.

    Fonti consultate:

    Cartone animato Brew

    Ufficio del Procuratore degli Stati Uniti per il Distretto del Massachusetts

    Servizio Notizie della Casa di Giustizia (e 2)

    Correlati, 50 casi in altri Paesi.

    humor-apuros

    Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

    Artículos relacionados