Mercato immobiliare

 
Mercato immobiliare

Mercato immobiliare. Vignetta del 13/08/2023 in CTXT

Per quanto i diversi governi dicano che stanno facendo piccole cose per risolvere l'eterno problema degli alloggi, nessuno di coloro che si definiscono socialdemocratici sta pensando di opporsi realmente alle diverse mafie del mattone, della mediazione e dei crediti che danno forma a quello che chiamano il 'mercato' immobiliare.

La costruzione e la promozione di alloggi pubblici non è altro che una promessa che è stata trascinata di campagna in campagna. Nel frattempo, una cosa fondamentale come l'abitazione continua a rimanere un'bene di mercato'. Solo un altro prodotto del catalogo. Questo è l'approccio dell'ultracapitalista medio: se non puoi permetterti un tetto sopra la testa, fottiti.

E non pensi nemmeno di suggerire modifiche strutturali e di vasta portata all'ambiguo e vuoto "diritto di godere di un alloggio dignitoso", contenuto nell'articolo 47 della nostra Costituzione, perché verrà bollato come un pericoloso comunista, per non dire altro.

Sto ancora aspettando un governo che metta finalmente fine a questo schifoso "mercato" immobiliare basato sull'avidità e sulla speculazione, che genera solo povertà ed esclusione, e che trasformi l'alloggio in quello che dovrebbe essere, un vero e proprio diritto universale a cui chiunque possa accedere senza dover spendere più della metà della propria vita, della propria salute e del proprio stipendio quasi per intero.

Al diavolo il "mercato" immobiliare. Si interviene, si vieta, si sospende finché c'è una sola persona che non può permettersi un posto decente dove vivere.

Dal 2013, l'Osservatorio dell'Emancipazione del Consiglio Generale della Gioventù di Spagna(CJE) produce un rapporto sociologico che analizza l'occupazione giovanile e l'alloggio. Il rapporto per la seconda metà del 2022 è devastante.

I giovani si emancipano in media a 30,3 anni in Spagna, la cifra più alta degli ultimi vent'anni. Per affittare da solo, un giovane dovrebbe spendere l'83,7% del suo stipendio netto annuale e, come se non bastasse, una persona su cinque sotto i 30 anni con un lavoro si trova in povertà o a rischio di esclusione sociale.

Estratto dal rapporto:

perché è quasi impossibile emanciparsi in Spagna?

Avere un lavoro non è sufficiente per potersi permettere un alloggio in Spagna. Sebbene lo stipendio medio di un giovane sia aumentato del 4,6%, raggiungendo 13.079,19 euro netti all'anno (o 1.089,93 euro netti al mese), il prezzo delle abitazioni in affitto è aumentato del 7,55%. Così, l'affitto medio di una casa è stato di 912 euro. Un giovane dovrebbe spendere l'83,7% del suo stipendio. Questo, sommato ai 141 euro del costo medio delle forniture e dei servizi abitativi (come acqua, elettricità, gas, ecc.), significherebbe 1.053 euro al mese, 96,6 euro del suo stipendio. In altre parole, resterebbero solo 36,93 euro per acquistare cibo, vestiti e tempo libero, il che è assolutamente inaccessibile.

Una persona su cinque tra gli under 30 con un lavoro si trova in condizioni di povertà o a rischio di esclusione sociale. Questo fenomeno, quello dei giovani che rimangono poveri anche se lavorano, dovrebbe essere una delle priorità della classe politica, poiché l'impossibilità di accedere a condizioni che consentano loro di vivere in modo dignitoso e indipendente non solo causa problemi materiali ai giovani, ma influisce anche sulla loro salute mentale.

Rapporto completo

Nota metodologica

Ma non pensi che queste cifre siano negative, perché potrebbero essere peggiori. Se osserviamo le diverse comunità, possiamo scoprire che un giovane nelle Isole Canarie deve spendere il 99,4% del suo stipendio per pagare l'affitto.

Secondo i dati INE, l'affitto è ancora più caro del 2,1% rispetto a un anno fa, il livello più alto dal 2009.

Se l'affitto è un disastro, anche l'acquisto non è molto meglio. Le riforme sull'affitto, per il momento, stanno dando risultati piuttosto negativi. Non sappiamo quali saranno i dati nel 2023, quando saranno analizzati con la Legge 12/2023, del 24 maggio, "per il diritto all'abitazione", che è stata pubblicata nel BOE a maggio, ma per il momento il prezzo è ancora a sé stante. In alcune dieci capitali è aumentato di oltre il 10% .

Le abitazioni di seconda mano sono aumentate di 7n all'anno, collocando il metro quadrato al di sopra dei 2000 euro, questo è quanto affermano le società dei parassiti speculatori che si dedicano a questo "mercato" (sulla base delle proprie valutazioni) e che i media pubblicano con gioia invitandoci ad acquistare perché si tratta di nuovo di un "investimento" sempre in crescita.

Tra tutti loro esplode di nuovo la bolla e si ricomincia da capo.

Mercato immobiliare 1

Correlato. Il denaro come regalo


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting