Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

 
 
Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

Il New York Times si è scusato per questa vignetta.

Le lotte per le accuse di antisemitismo nelle vignette sono un classico perenne, non passa anno senza un buon numero di casi, e parlare oggi di “ritirare” o censurare una vignetta è semplicemente assurdo e provoca la tradizionale diffusione di massa.

In questo caso, la questione si è conclusa con l’annullamento del contratto con CartoonArts International, l’azienda che ha fornito le vignette, e con una punizione al redattore che ha scelto la vignetta.

La vignetta del vignettista portoghese António Moreira Antunes (1953) è stato pubblicato nell’edizione internazionale del New York Times giovedì 25 aprile. In precedenza, il 19 aprile, era stata pubblicata sul settimanale portoghese Expresso, dove il vignettista lavora dal 1974.

Nella scena, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu è caricaturato come un cane guida per ciechi con un collare da cui pende una Stella di David e sta tirando il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che indossa una kippah e occhiali scuri.

Alcune persone hanno fatto notare che la vignetta non era correlata a nessuno dei pezzi di opinione che appaiono su quella pagina e che si trattava solo di una scusa per continuare a diffondere messaggi antisemiti.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

E come al solito, la palla è partita rapidamente e la vignetta è stata condannata come antisemita, la parola d’ordine per qualsiasi critica al governo israeliano. Le denunce sono arrivate da diverse organizzazioni che hanno attaccato il giornale e il vignettista, oltre che, naturalmente, Donald Trump, Mike Pence e altri.

Come se il disordine non bastasse, due giorni dopo e nel bel mezzo del litigio è stata pubblicata quest’altra vignetta (non sono riuscita a scoprirne la paternità), ad opera del norvegese Roar Hagen (Grazie, Sofi Siete), che ha riscaldato ulteriormente l’atmosfera. Per saperne di più.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

Alcuni vignettisti contrari all’opinione di Moreira si sono uniti alla festa e hanno reagito modificando la vignetta.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

L’americano A.F. Branco disegnò questa versione il 29 aprile.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

L’interpretazione di Shay Charka, vignettista israeliano del settimanale Makor Rishon

Reazione e scuse del NYT

Sabato 27 aprile, il NYT ha pubblicato il suo primo editoriale di risposta, affermando che la vignetta conteneva tropi antisemiti e l’ha descritta come “offensiva”, aggiungendo che la decisione di pubblicarla è stata un “errore” e incolpando il sistema di diffusione, mentre annunciava che era stata rimossa.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

Un giorno dopo, in un altro comunicato, si rammaricano profondamente della sua pubblicazione, si scusano e assicurano che non si ripeterà. Essi accusano il processo di selezione e pubblicazione delle vignette sindacate e promettono cambiamenti significativi al sistema.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

Lo stesso giorno, questo secondo comunicato stampa è stato integrato da un articolo più lungo di Stacy Cowley, intitolato: ” Il Times si scusa per aver pubblicato una vignetta antisemita

Sempre quel giorno, hanno pubblicato un articolo di opinione di Bret Stephens con un titolo più incisivo: “Una vignetta spregevole sul Times“che descrive la vignetta come “propaganda antisemita”.

“Il giornale dovrebbe riflettere profondamente su come è arrivato a pubblicare propaganda antisemita”.

Il 29 aprile, il NYT annuncia formalmente che smetterà di pubblicare vignette sindacate nella sua edizione internazionale.

Punizione e annullamento del contratto

Mercoledì 1 maggio il New York Times rapporti ha annunciato che l’editore che aveva scelto di pubblicare l’immagine nella sua edizione internazionale sarebbe stato disciplinato (?) e che avrebbe annullato il contratto con CartoonArts International, l’azienda che forniva le vignette al giornale.

Dicono che non pubblicheranno più vignette in syndication create da artisti che non hanno legami diretti con il Times.

Altre vignette di Moreira

Nel frattempo, c’è stato chi ha cercato altre vignette di Moreira, che disegna da decenni, e ne ha salvata una del 1983. Il Jerusalem Post ha colto l’occasione per ricordarlo e pubblica che, secondo un rapporto JTA del luglio 1983, la vignetta, all’epoca della prima guerra Libano-Israele, mostrava soldati israeliani (IDF) che puntavano le armi contro donne e bambini libanesi, paragonandoli ai nazisti.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

(Cliccare per ingrandire)

Vignetta di Moreira del 1983 (a sinistra) ispirata a una foto storica del 19 aprile 1943 (a destra), di autore sconosciuto, che mostra soldati tedeschi che scortano un gruppo di ebrei nel ghetto di Varsavia.

Pare che Moreira abbia vinto un premio per questo disegno al 20° Salone Internazionale delle vignette di Montreal di quell’anno.

Gli è stata anche ricordata un’altra vignetta del 1992, pubblicata su Expresso, che fece scalpore.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

All’epoca, Moreira raffigurò Papa Giovanni Paolo II con un preservativo sul naso. La vignetta aveva lo scopo di satireggiare i commenti del Papa secondo cui la castità è l’unico modo per porre fine all’AIDS, non i preservativi.

Secondo il Jerusalem Post, più di 20.000 persone hanno firmato una petizione che chiede al Parlamento portoghese di agire per ripudiare la vignetta.

Nel marzo 2009, in un’altra vignetta, Morerira ha messo il preservativo a Ratzinguer, questa volta sulla testa.

Il vignettista risponde

Il vignettista, da parte sua, ha respinto le accuse di antisemitismo, affermando:

“È una critica alla politica di Israele, che ha una condotta criminale in Palestina sotto la protezione dell’ONU, e non degli ebrei“.

Nelle dichiarazioni rilasciate a Expresso, Moreira ha qualificato che la posizione di Donald Trump e le sue decisioni su Israele significano la sepoltura degli Accordi di Oslo, che egli ignora gli interessi dei palestinesi e per questo motivo ha dipinto Trump come un uomo cieco guidato da Netanyahu.

Riguardo all’uso della Stella di Davide, sostiene che si tratta solo di un elemento grafico per consentire ai lettori di identificare Netanyahu, che non è molto conosciuto in Portogallo.

“Le politiche erratiche e spesso ciecamente distruttive di Trump hanno incoraggiato il radicalismo espansionistico di Netanyahu”,Non ho nulla contro gli ebrei, ma ho molte cose contro le politiche di Israele“, hascritto Moreira Antunes in una risposta via e-mail a un’intervista del Washington Post.

La posizione del settimanale Expresso

Il settimanale portoghese Expresso non solo non si è scusato, ma ha difeso la vignetta e il suo disegnatore in una dichiarazione in cinque punti in cui ha anche negato le accuse di antisemitismo.

1. Expresso ha sempre difeso la libertà di espressione e di opinione, ai cui principi non rinunciamo. Da 46 anni, siamo sempre stati indipendenti da poteri politici, economici o religiosi.

2. La vignetta di António è uno spazio di opinione dove, in questo caso, l’autore riflette la sua visione della politica estera degli Stati Uniti. Siamo consapevoli che non include né diffonde alcun messaggio antisemita.

3. Ricordiamo che António è un collaboratore di Expresso, un vignettista pluripremiato a livello internazionale con una vasta opera pubblicata.

4. Expresso non permetterà mai la pubblicazione di alcun messaggio antireligioso, qualunque sia la religione.

5. Per i membri della comunità ebraica e per coloro che potrebbero essersi sentiti offesi dalla controversia, Expresso chiarisce che non è mai stata intenzione di ritrarre Israele o la religione ebraica e i suoi credenti in modo meno dignitoso.

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu Correlati: 125 casi in tutto il mondo

Il New York Times si scusa e ritira la vignetta su Trump e Netanyahu

Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad
Artículos relacionados