L'ayatollah e le vignette

 
L'ayatollah e le vignette

Traduzione: "Il leader supremo è stato fatto sentire insignificante dalle vignette"

L'ayatollah e le vignette. Vignetta del 07/01/2023 in CTXT

"L'8 dicembre 2022 abbiamo lanciato un concorso per disegnare caricature della Guida Suprema della Repubblica Islamica dell'Iran. La nostra intenzione era quella di sostenere la lotta degli iraniani per la libertà ridicolizzando il loro leader religioso di un'altra epoca, relegandolo così nell'oblio storico. A distanza di qualche settimana, dopo aver ricevuto più di 300 vignette (oltre a migliaia di minacce), ecco la nostra selezione dei vincitori".

Con questo testo, la rivista satirica francese Charlie Hebdo ha pubblicato sul suo sito web più di trenta vignette con Ali Hoseini Khamenei come protagonista.

Le vignette di Khamenei sono state pubblicate in un'edizione speciale per celebrare l'ottavo anniversario dell'attentato del 7 gennaio 2015. Quando i fratelli Chérif e Saïd Kouachi entrarono nella sede del settimanale satirico Charlie Hebdo a Parigi e uccisero dodici persone. Tra queste, otto erano membri della redazione: cinque vignettisti (Wolinski, Cabu, Honoré, Tignous e Charb, il direttore della pubblicazione), un correttore di bozze (Mustapha Ourrad), una psicanalista (Elsa Cayat) e un economista anti-neoliberista (Bernard Maris, noto come "Oncle Bernard").

Gli scherzi hanno fatto infuriare le autorità iraniane, che hanno richiamato l'attenzione dell'ambasciatore francese per esprimere il loro rifiuto alla pubblicazione di queste vignette, auspicando "un'azione di compensazione da parte del governo francese".

L'agenzia di stampa EFE riporta che il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano, Naser Kanani, ha detto all'ambasciatore francese a Teheran in una dichiarazione che "L'Iran non accetta in alcun modo insulti contro le sue sacralità e i suoi valori islamici, religiosi e nazionali e la Francia non ha il diritto di giustificare insulti ai valori sacri di altri Paesi e nazioni musulmane con il pretesto della libertà di espressione"".

L'Iran ha poi annunciato la chiusura dell'Istituto francese per la ricerca in Iran(Ifri), un ente culturale del Ministero degli Esteri francese dedicato alla promozione della ricerca nei campi dell'archeologia e delle scienze umane e sociali. Quando si arrabbiano, vogliono sempre uccidere qualcosa di culturale, per non diventare troppo civili.

Secondo l'AP, centinaia di manifestanti, tra cui studenti del seminario, hanno gridato "Morte alla Francia" e accusato il presidente francese Emmanuel Macron di aver insultato l'Iran, esortando Parigi a porre fine all'"animosità" nei confronti di Teheran. Gli agenti di polizia, alcuni dei quali sembravano avere in mano delle foto del leader supremo iraniano Ayatollah Ali Khamenei, hanno tenuto i manifestanti a distanza dall'edificio dell'ambasciata.

Eccoli lì, incazzati per delle vignette. Ho sempre pensato che questi Paesi, bandiere, religioni e simboli non sono così potenti quando una semplice battuta può far vacillare i loro amministratori fanatici nella loro gloriosa potenza.

Charlie Hebdo ha motivato la sua azione in un articolo pubblicato il 6 gennaio 2023, che riporto integralmente qui.

La vignetta satirica, capo supremo della libertà

Il mese scorso, Charlie Hebdo ha lanciato un concorso per disegnare vignette della Guida Suprema della Repubblica Islamica dell'Iran, Ali Khamenei. È stato un modo per dimostrare il nostro sostegno agli uomini e alle donne iraniani che rischiano la vita per difendere la loro libertà contro la teocrazia che li opprime dal 1979. È stato anche un modo per ricordare che le ragioni per cui i vignettisti e i redattori di Charlie sono stati uccisi otto anni fa sono, purtroppo, ancora attuali. Chi si rifiuta di sottomettersi ai dettami religiosi rischia di pagare con la vita. Cosa penserebbero oggi Charb, Cabu, Bernard Maris, Wolinski, Tignous, Mustapha Ourrad, Honoré ed Elsa Cayat vedendo ciò che sta accadendo in Iran? Nessuno può dirlo, ma possiamo fare delle ipotesi. A otto anni di distanza, non abbiamo ancora sentito l'ultima parola sull'intolleranza religiosa. Essa continua la sua triste opera, a prescindere dalle proteste internazionali e dal rispetto dei più elementari diritti umani.

In un certo senso, le vignette della Guida Suprema che sono arrivate fino a noi sono un'estensione di ciò che i vignettisti di Charlie assassinati hanno sempre denunciato. Nel 2000, Honoré scrisse una rubrica a sostegno del vignettista iraniano Nik Ahang-Kosar, minacciato di un anno di prigione e di 74 frustate per aver raffigurato l'Ayatollah Mohammad-Taghi Mesbah-Yazbi come un coccodrillo. All'epoca, una ventina di giornali riformisti iraniani avevano chiesto che questo dignitario fosse denunciato per diffamazione. È successo molto tempo fa.

Prima ancora, nel 1993, Teheran aveva lanciato un concorso di vignette in cui si chiedeva ai vignettisti di disegnare l'autore de I versetti satanici, Salman Rushdie, per "descrivere la vera cospirazione che si cela dietro il romanzo blasfemo". Il vincitore avrebbe ricevuto 160 monete d'oro. In risposta, Charlie Hebdo ha pubblicato 20 vignette satiriche sulla Repubblica islamica dell'Iran. Alla fine, senza il concorso lanciato dagli ayatollah iraniani che volevano ridicolizzare Rushdie, forse non ci sarebbe mai venuto in mente, 13 anni dopo, di pubblicare le vignette di Maometto, né oggi quelle dell'attuale Guida Suprema iraniana. Per questo, almeno, possiamo ringraziarli.

Abbiamo ricevuto caricature da tutto il mondo, il che dimostra, per chi ancora ne dubitasse, la dimensione universale della caricatura e l'attaccamento delle persone alla libertà di fronte all'arbitrio religioso. Abbiamo selezionato i più riusciti, originali ed efficaci tra gli oltre 300 disegni che ci sono stati inviati. In ogni caso, tutti hanno il merito di aver sfidato l'autorità che si proclama Leader, presumibilmente Suprema, e la sua schiera di servitori e sicari. Ovviamente non c'è alcun premio da vincere, perché attribuire un primo, un secondo e un terzo posto svaluterebbe di fatto le altre estrazioni. E poi, quale premio varrebbe la pena di avere il coraggio di dire "no" ai tiranni religiosi? Tuttavia, c'è una ricompensa che nessuno può comprare o regalare, semplicemente perché non ha prezzo, ed è la libertà.

Correlato:


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting