Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti

 
Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti
Blackbeard e la sua collezione. Foto di Joseph J. Rosenthal di SFChronicle / San Francisco Academy of Comic Art Archives

Questo è un riferimento frequente a Bill Blackbeard e, come vedrà, non è un'esagerazione.

Una mostra, curata da Ann Lennon e Caitlin McGurk, che si aprirà nel novembre 2022 e sarà visibile fino al 7 maggio di quest'anno presso la Billy Ireland Cartoon Library & Museum di Columbus, Ohio, porta lo stesso nome: MAN SAVES COMICS! Bill Blackbeard's Treasure of 20th Century Newspapers.

Un'accurata versione digitale della mostra, ovviamente molto sintetizzata a causa della sua grandezza, può essere visitata su questa pagina.

Bill Blackbeard, el hombre que salvó los cómics

Sei camion con oltre 75 tonnellate di cartoni animati

Venticinque anni fa, sei semirimorchi arrivarono alla biblioteca della Ohio State University (OSU). All'interno c'erano 75 tonnellate di materiale stampato. Si trattava della collezione più completa al mondo di fumetti e vignette di giornali. Si trattava di circa 2,5 milioni di pezzi che Bill Blackbeard, uno storico e collezionista di fumetti, aveva raccolto dal 1967 nella sua casa di San Francisco.

Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti 2
Una vignetta di questo fumetto

Spostare il tesoro

L'inizio della storia di questa collezione è raccontato molto bene da Jenny E. Robb in un articolo pubblicato nel 2009 sul Journal of American Culture.

All'inizio di gennaio 1998, una squadra di traslocatori arrivò al 2850 di Ulloa Street, nel tranquillo quartiere residenziale conosciuto come Sunset District di San Francisco. All'interno, scoprirono che la modesta casa in stucco spagnolo era letteralmente piena da cima a fondo di materiale cartaceo di ogni forma e dimensione: libri, riviste, fumetti, pulp, fogli di storie, stampe, disegni e, soprattutto, giornali: giornali rilegati, giornali sciolti, fogli sciolti di giornali e ritagli.

L'enorme collezione occupava la maggior parte delle stanze al piano superiore e l'intero garage spazioso al piano terra, che si estendeva per tutta la lunghezza dell'edificio. L'enorme garage era un labirinto di vicoli stretti, fatto di pile dal pavimento al soffitto di volumi di giornali rilegati e fogli sciolti, scatole e schedari contenenti milioni di ritagli di fumetti, e file di scaffali composti da scatole per contenere libri e periodici. Per decenni, l'edificio è stato anche la residenza dell'uomo responsabile della raccolta di questa grande massa di carta, Bill Blackbeard, che viveva lì con la moglie Barbara e più di settantacinque tonnellate di materiale di cultura popolare, quando nel 1997 seppe che il suo padrone di casa non avrebbe rinnovato il contratto di locazione.

Fonte: Bill Blackbeard: il collezionista che salvò i fumetti / 2009/ Jenny E. Curatore del Museo Robb e Professore Associato presso l'OSU.

La storia della collezione in un fumetto

Dieci anni dopo, questo articolo è stato trasformato in un fumetto di 16 pagine pubblicato dal museo con Alec Longstreth alle matite, che può essere scaricato gratuitamente qui.

Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti 3

Come si legge nella recensione della mostra sul blog della biblioteca del museo:

"Questi documenti storici di inestimabile valore offrono una visione unica dell'arte grafica popolare dei primi anni del XX secolo, quando le pagine di giornale illustrate e i fumetti occupavano un posto centrale nella cultura visiva e nella comunicazione. Prima della radio, del cinema e della televisione, l'impatto del giornale come strumento di informazione e intrattenimento non può essere sopravvalutato, e i vignettisti le cui immagini e idee riempivano le pagine sono entrate nelle case di milioni di americani. Il vincitore del Premio Pulitzer Art Spiegelman, creatore di Maus, ha definito la collezione"il più importante archivio in pericolo rimasto sul nostro pianeta dopo la distruzione della Biblioteca Reale di Alessandria".

Blackbeard, unavita dedicata alla conservazione dei fumetti

William Elsworth Blackbeard è nato a Lawrence, Indiana, il 28 aprile 1926 ed è cresciuto a Newport Beach, California. Ha iniziato a leggere fumetti negli anni '30, un periodo in cui stavano emergendo artisti del calibro di Alex Raymond, Milton Caniff, George Herriman, E. C. Segar, Cliff Sterrett, Chester Gould e molti altri.

Frequentò la scuola superiore a Newport Beach e frequentò il Fullerton College grazie al GI Bill o Servicemen's Readjustment Act del 1944, una legge comunemente conosciuta come GI Bill of Rights, poiché Blackbeard prestò servizio nell'89° Squadrone di Cavalleria di Ricognizione, 9° Armata, in Francia, Belgio e Germania durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il G.I. Bill era una legge che forniva una serie di benefici ai veterani della Seconda Guerra Mondiale che tornavano a casa dopo aver trascorso almeno 90 giorni in servizio attivo durante il periodo della guerra e non erano stati congedati con disonore.

I benefici includevano mutui a basso tasso di interesse e prestiti a basso tasso di interesse per avviare un'impresa o un'azienda agricola, un anno di sussidi di disoccupazione e pagamenti specifici per le tasse scolastiche e le spese di soggiorno per frequentare la scuola superiore, l'università o la scuola professionale. Sebbene questa legge sia scaduta nel 1956, il termine "G.I. Bill" è ancora utilizzato per indicare i programmi di assistenza per i veterani dell'esercito statunitense.

Durante la scuola superiore e l'università, i suoi interessi principali erano la storia e la letteratura, in particolare la letteratura inglese e americana. Dopo l'università, Blackbeard iniziò a lavorare come redattore freelance, scrivendo storie per periodici come Weird Tales, una rivista pulp. Weirs Tales era una rivista di narrativa popolare creata nel 1923 da Jacob Clark Hennenberger e J. M. Lansinger, fondatori di Rural Publications, ed edita da Farnsworth Wright e pubblicata fino al settembre 1954.

Ha scritto, curato o contribuito a oltre 200 libri, soprattutto sulla storia e la critica dei fumetti, molti dei quali hanno utilizzato pezzi della sua collezione.

Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti 4
Un cameraman del team CBS Sunday Morning alla SFACA / Fonte

La vasta collezione della San Francisco Comic Academy (SFACA) è il grande lavoro di una vita e l'eredità di questo collezionista, il cui obiettivo era creare una collezione completa di vignette dei giornali americani, a partire dai primi numeri.

La collezione della SFACA non comprende solo vignette di giornali, ma è cresciuta fino a comprendere periodici di narrativa popolare, film popolari, opere di riferimento di arte narrativa, fumetti e romanzi grafici, romanzi a fumetti e racconti, narrativa vittoriana illustrata con vignette, fanzine di fantascienza, giornali britannici per bambini e"Penny dreadfuls", oltre alle opere di importanti scrittori di narrativa, riflettendo il desiderio di Blackbeard di assemblare una collezione completa di narrativa popolare.

Sopravvivere alla microfimazione

Negli anni '60, iniziò a considerare la possibilità di scrivere una storia dei fumetti. Tuttavia, scoprì che non esisteva un centro di ricerca che raccogliesse le serie complete di strisce a fumetti pubblicate sui giornali americani. Allo stesso tempo, ha scoperto che molte biblioteche pubbliche e universitarie scartavano i vecchi giornali rilegati dopo averli microfilmati e, consapevole dei limiti del microfilm in bianco e nero nel preservare tale patrimonio culturale, ha deciso di entrarne in possesso. Tutti.

Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti 5
Una pagina di questo fumetto

Tutto per la collezione

Con la ferma intenzione di acquistare questa quantità bestiale di pubblicazioni, nel 1968 Bill e Barbara vendettero la loro auto e la maggior parte dei loro beni per creare la SFACA come organizzazione senza scopo di lucro e iniziarono a raccogliere i giornali dalle biblioteche californiane, espandendo poi il loro raggio d'azione alle istituzioni di tutto il Paese, compresa la Biblioteca del Congresso.

Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti 6

La collezione durante il loro soggiorno in California. Fotografia di R.C. Harvey. Dalla collezione della San Francisco Academy of Comic Art, The Ohio State University Billy Ireland Cartoon Library & Museum.

Bill Blackbeard, l'uomo che salvò i fumetti 7
Fotografie: OSU. Vedere altre fotografie

Nei 30 anni successivi, Blackbeard continuò ad acquisire giornali e altre pubblicazioni fino al 1997, quando vendette la collezione della SFACA alla Billy Ireland Cartoon Library & Museum della Ohio State University, per garantire che rimanesse intatta e disponibile per la ricerca.

La collezione totale consisteva in 75 tonnellate di materiale con opere pubblicate tra il 1893 e il 1996 ed è stata trasportata dalla California all'Ohio in sei camion da trasloco. Blackbeard trasferì la SFACA a Santa Cruz come centro di riferimento accessibile al pubblico.

Bill Ha continuato a curare e pubblicare raccolte di fumetti e a compilare rappresentazioni di arte narrativa popolare fino alla sua morte, avvenuta il 10 marzo 2011 all'età di 84 anni.

Fonti consultate:

Billy Ireland Cartoon Library & Museum

Bill Blackbeard: il collezionista che salvò i fumetti / Jenny E. Robb

Una visita alla Biblioteca e Museo del Fumetto Billy Ireland / Glenn Fleishman


Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

Artículos relacionados

Este blog se aloja en LucusHost

LucusHost, el mejor hosting