La vignettista Vilma Vargas accusata di razzismo e "violenza grafica".

 

Immaginate di disegnare una vignetta su un caso di corruzione di proporzioni bestiali che coinvolge giudici, polizia, politici, giornalisti e molti strati della società e del governo del vostro Paese e di ritrovarvi accusati di intrusione nella vita intima del pubblico ministero, di"violenza grafica", di razzismo e di tante altre cose brutte. Questo è esattamente ciò che è successo a Vilmatraca.

Ammetto che la questione della "violenza grafica" mi ha colto di sorpresa e a questo punto del film non mi aspettavo un nuovo assurdo sotterfugio per criminalizzare l'umorismo grafico.

Il 26 marzo la vignettista ecuadoriana Vilma Vargas Vallejo, "Vilmatraca" (Riobamba, 1978), ha pubblicato questa immagine sul suo account Twitter(X), come fa di solito. Vilma è solita ricevere molte interazioni ogni volta che pubblica una vignetta, e questa non fa eccezione.

Per capire il contesto della vignetta, la scena allude alle chat pubblicate dalla Procura Generale ecuadoriana, consultabili qui, relative al caso "Metastasi" sui reati di criminalità organizzata.

Contesto, caso di metastasi

Secondo Diana Salazar, l'équipe della Procura Generale ha definito il caso"Metastasi ", in cui si indaga sui crimini della criminalità organizzata"perché la corruzione è un cancro che non attacca solo il sistema giudiziario, ma colpisce anche vari settori della società, come la Polizia Nazionale, i politici e persino i media".

Leandro Noreno Tigua, noto come"El patrón", era considerato uno dei principali trafficanti di droga del Paese ed era anche accusato di legami con il Cartello di Jalisco - Nuova Generazione ( CJNG).

In seguito al suo omicidio nel Centro di Riabilitazione Sociale di Cotopaxi (carcere di Lacatunga), avvenuto il 3 ottobre 2022, l'indagine della Procura Generale ha ottenuto diverse prove, tra cui i telefoni cellulari con cui l'ormai defunto e presunto leader di un'organizzazione criminale dedita, tra le altre attività illecite, al traffico di droga, aveva messo a punto la sua strategia per sottrarsi alla giustizia con l'appoggio di un gruppo strutturato per questi scopi.

Questo gruppo eterogeneo comprende politici, agenti di polizia, giudici, pubblici ministeri, funzionari del Consiglio giudiziario e della SNAI, funzionari carcerari, avvocati praticanti, uomini d'affari e giornalisti. L'elenco delle persone perseguite è disponibile sul sito web della procura.

Capire il cartone animato

Mi ci sono volute diverse ore e parecchie consultazioni, sia per capire il cartone animato che le reazioni. Ho anche chiacchierato con Vilma Vargas, che già sapeva di quest'altra mossa. Tuttavia, non escludo che la mia lontananza da questo tema (non solo geografica) possa avermi indotto a commettere qualche errore involontario. Comunque sia, spero che questa distanza mi abbia anche aiutato a essere un po' più asettico.

Nella scena, l'autore ricrea una fotografia, diffusa all'epoca dall'Assessore Fernando Villacencio (assassinato nel 2023), di alcune delle persone coinvolte nel caso Metastasis che fanno il bagno nella piscina di una casa a Miami, di proprietà di Xavier Jordán, perseguito per un sistema di corruzione nell'Ospedale Teodoro Maldonado Carbo durante la pandemia e legato anche a Leandro Norero.

L'immagine contiene 16 caratteri.

Da sinistra a destra e dall'alto in basso, il giornalista che ha reso noto uno dei casi, Anderson Boscan, i mafiosi, l'ex presidente Guillermo Lasso e suo cognato, l'ex presidente Rafael Correa che sostiene il suo politico Rony Aleaga, il procuratore Diana Salazar che sostiene l'ex presidente Lenin Moreno in sedia a rotelle. In basso, Jaime Nebot (con i baffi) che sostiene il suo politico Pablo Muentes, gli avvocati che hanno aiutato i narcos e un altro giornalista, Carlos Vera (con un galleggiante) che è accusato di aver occupato l'ufficio di uno degli avvocati coinvolti, Bibian Hernández, dietro con gli occhiali.

Infine, c'è l'attuale presidente, Daniel Noboa, che lancia banconote in aria alludendo a una presunta "farra" a Madrid, cosa smentita dal governo. A questo proposito, va aggiunto che il media spagnolo "El Debate", promosso dall'Associazione cattolica dei propagandisti, da cui sono uscite queste presunte informazioni, per usare un eufemismo, non fornisce alcuna fonte concreta o documentazione audiovisiva a conferma di quanto riportato.

La scena della discordia

Anche la procuratrice generale Diana Salazar, che sta portando avanti il caso, appare nella vignetta perché una delle persone coinvolte, Rony Aleaga, ha affermato di aver avuto una relazione intima con lei. La Procura generale ha bollato le affermazioni di Aleaga come una"nuova campagna diffamatoria" contro il suo capo per sviare l'attenzione.

Vilma non ha fatto altro che un esercizio satirico con questa situazione, ritraendo Aleaga, da cui emerge il cuore di un amante, mentre afferra il procuratore per la caviglia.

La vignettista Vilma Vargas accusata di razzismo e "violenza grafica".

"Violenza grafica

A causa del modo in cui è stato mostrato il procuratore, l'ONG "Participación Ciudadana" ha ritagliato questo pezzo dell'illustrazione, togliendo tutto il contesto e il significato della vignetta, per mettere Vilma Vargas in un sacco di razzismo e "violenza grafica", mostrando il ritaglio insieme a insulti e commenti razzisti.

Leggendo il messaggio di Participación Ciudadana, si potrebbe pensare che Vilma, invece di aver fatto una battuta sulla corruzione, abbia commesso un crimine contro l'umanità.

Il direttore di questo collettivo le definisce"manifestazioni violente".

E naturalmente sappiamo tutti che un commento così caldo, nella foga del momento, tende ad avere un immediato "effetto miccia" e una volta acceso è difficile che non finisca per esplodere addosso a qualcuno. Così, Vilma ha ricevuto una buona dose di insulti vari e alcuni utenti hanno già caricato le loro foto per scrivere commenti più aggressivi e minacciosi. Tuiter allo stato puro delle fiaccole al vento, inutile dire come queste cose tendano a degenerare.

L'autore parla

Vilma Vargas ritiene che "poiché il procuratore è di origine africana, il disegno è stato bollato come razzista, insinuando che io l'abbia disegnata con un costume da bagno a stampa animale per suggerire che intendo vedere Diana Salazar come un 'uomo delle caverne o un primate', ma questo non è vero".

"La stampa sul suo costume da bagno non è altro che una risorsa per alludere al lavoro del pubblico ministero nel caso Leon de Troya, da cui la stampa della pelle di Leone, che non è la prima volta che uso in una vignetta sul caso, come si può vedere in quest'altra vignetta pubblicata nel settembre 2023".

La vignettista Vilma Vargas accusata di razzismo e "violenza grafica".
Vilma Vargas. Settembre 2023

Vilma ricorda che"nel Paese ogni 26 ore una donna viene uccisa, in America Latina 7 donne su 10 hanno subito qualche tipo di violenza ma, vedete, sono più offese da un disegno che dalla realtà in cui viviamo" e aggiunge che"questa ONG dovrebbe avere una lista di come dovrebbero essere fatte le vignette politiche in Ecuador".

La vignettista Vilma Vargas accusata di razzismo e "violenza grafica".

L'umorismo nei guai, una raccolta di casi
Casi di vignettisti che hanno avuto problemi di una certa importanza a causa delle loro vignette o illustrazioni satiriche. Ci sono anche alcune storie di altre persone che, senza essere vignettisti, sono finite nei guai per averle condivise.