La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

 
  • ES
  • JA
  • RU
  • CN
  • PT
  • DE
  • FR
  • EN
  • La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    La Guerra ispano-americana in vignette

    Vignette spagnole (La Correspondencia, Blanco y Negro, D.Quixote, Cuba Española) e americane (The World NY, Herald) confrontate in una “infografica” dell’epoca. Fonte: The San Francisco Call, 15 maggio 1898, pagina 18.

    quale fu l’esito della Guerra ispano-americana?

    La Guerra ispano-americana (dal 25 aprile al 12 agosto 1898), nota anche come “Disastro del ’98” o “Guerra cubana del 1898”, non solo segnò il declino dell’impero spagnolo e la perdita delle sue ultime colonie d’oltremare per una nuova distribuzione dei territori, ma aprì anche un’altra contesa che fu combattuta sulle pagine dei tabloid.

    La guerra del 1898 fu la prima guerra, se non provocata, almeno accelerata dal sensazionalismo dei media. Quest’anno è addirittura considerato l’anno della nascita della stampa tabloid negli Stati Uniti, che ha avuto un’impennata nella stampa spagnola.

    I media americani ritraevano il loro Paese come lo “Zio Sam” tradizionalmente potente e giusto, mentre dipingevano gli spagnoli come barbari, assassini, ignoranti, bugiardi, simpatici, ipocriti e vestiti come toreri e banditi. Si sono spinti fino a inventare massacri, umiliazioni e torture, dedicandosi a una propaganda senza mezze misure.

    Gli spagnoli alzarono anche il tono di quello che stava già iniziando a essere chiamato ‘antiamericanismo’ per ritrarre gli ‘yankee’ come maiali invasori, saccheggiatori e assassini, mentre l’immagine più spesso utilizzata per simboleggiare lo spagnolo era quella di un feroce leone.

    A seconda della lettura dei vari resoconti del conflitto, si possono trovare versioni che enfatizzano gli attacchi di una banca o dell’altra, facendo pendere la bilancia della colpa.

    C’è molta più documentazione sulle vignette americane che su quelle spagnole, che furono pubblicate più ampiamente nelle riviste che nei giornali, suppongo in parte a causa della coincidenza dell’inizio della crisi della stampa spagnola, che colse di sorpresa alcune testate e anche della credibilità di cui godevano altre all’epoca.

    Cartoni animati del periodo della Guerra ispano-americana

    Si tratta di una rassegna di alcune, ma non di tutte, le vignette che si sono incrociate tra le due parti su giornali e riviste, prima, durante e dopo la Guerra ispano-americana. Sono ordinati per data, tutti sono del 1898.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Rivista La Campana de Gràcia, numero 1498, 29 gennaio.

    Didascalia: “Con la maschera dell’amicizia ha già una gamba dentro”

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas
    11 febbraio, vignetta di Sullivan sul Times (Washington D.C.) sulle dimissioni dell’ambasciatore spagnolo Enrique Dupuy de Lome per i suoi commenti sulle relazioni con gli Stati Uniti riguardo all’isola di Cuba e su McKinley, dubitando della sua capacità di servire come presidente e descrivendolo come debole, populista e politicastro.

    Quattro giorni dopo, la corazzata Maine esplose.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Vignetta non firmata dell’11 marzo pubblicata sull’Hot Springs Weekly Star. L’eterno Zio Sam rimprovera lo spagnolo: Questo è tradimento/falsità? Ai suoi piedi un marinaio morto.

    Sullo sfondo, le tombe di coloro che sono morti nell’affondamento del Maine. Sopra la bandiera statunitense la legenda “eroi del Maine”.

    Lo spagnolo fa un gesto di inchino, sopra di lui c’è un piccolo cartello con scritto “simpatia ipocrita”.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Vignetta pubblicata su The Salt Lake Herald del 27 marzo. Gli intermediari cercano di fermare lo “Zio Sam” per evitare il confronto con la Spagna, sullo sfondo la corazzata americana affondata “Maine”, uno dei fattori scatenanti della guerra e origine della frase e del grido di guerra:“Ricordati del Maine, al diavolo la Spagna! – “Ricordate il Maine, al diavolo la Spagna!

    I barbari spagnoli

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Sempre il 27 marzo, in The Anaconda Standard (Montana), si dedica un ampio spazio alla crudeltà degli spagnoli e si sostiene che la portano nella miscela dei loro diversi tipi di sangue. “Non hanno pietà perché sono spietati”, dicono senza ulteriori argomenti. In tre illustrazioni mostrano gli spagnoli che arrostiscono un uomo a morte e torturano e uccidono altri in vari modi.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Vignetta del Chicago Chronicle pubblicata sul The Herald il 1 aprile

    La guerra sembra imminente e nell’immagine uno “Zio Sam”, determinato a combattere lo spagnolo, cerca di allontanare il Presidente McKinley, raffigurato come una bambinaia che lo avverte di fare attenzione a non svegliare il re bambino (Alfonso). Nella sua culla compaiono parole legate alla situazione economica della Spagna

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    Il 10 aprile The Saint Paul Globe scrive in prima pagina: “I semi-barbari della penisola iberica hanno appeso la bandiera bianca per un periodo di cinque giorni”

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Vignetta del New York World pubblicata il 21 aprile sulla prima pagina del Topeka State Journal. Lo Zio Sam che invita la Spagna a lasciare l’emisfero occidentale:

    “A lei la scelta, signore, in modo pacifico o con la forza”.

    Cosa ha perso la Spagna

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas
    Pagina da The San Francisco Call del 24 aprileun giorno prima dell’inizio della guerra, con il titolo“Ciò che la Spagna ha perso, i Paesi che sono sfuggiti alla corona dal 1640

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    30 aprile 2898. Vignetta di Ramón Cilla nella rivista Madrid Cómico. L’espressione “no sea mackinleiro” si riferisce al presidente americano McKinley. Il tono delle vignette in Spagna denota una certa distanza, quasi indifferenza.

    In effetti, alcuni documenti sottolineano che per molti passò quasi inosservata, in quanto gli effetti della guerra furono percepiti più da coloro che avevano interessi commerciali nelle colonie che dalla gente comune.

    Molti hanno persino tirato un sospiro di sollievo sapendo che non sarebbero più stati mandati a servire in quei luoghi.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    The Evening Star, 12 maggio, vedere pagina.

    Il Maine, la grande scusa

    Dalle pagine dei giornali, i vignettisti spagnoli erano già stati avvertiti, a titolo di minaccia e di previsione, che avrebbero dovuto cambiare il modo di disegnare il ‘maiale americano’. Invece del maiale grasso, inattivo, pigro e innocuo, avrebbero dovuto disegnarlo come una creatura più feroce e terribile, con zanne che lacerano.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    The Herald, 15 maggio. “Ricorda il Maine. Nonostante l’impossibilità di provare il coinvolgimento spagnolo nell’affondamento del Maine (che potrebbe essere stato dovuto a un incidente, anche se altri sostengono che gli americani lo abbiano affondato), la stampa continuò a tirare fuori lo slogan per incolpare gli spagnoli.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Didascalia: Camino de la M. (inteso come riferimento… alla merda?)

    Navi spagnole che espellono gli americani, ancora una volta raffigurati come maiali.

    Illustrazione pubblicata nella rivista Don Quijote numero 21 di venerdì 27 maggio

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Copertina della rivista la Campana de Gràcia, numero 1518 del 28 maggio.

    Titolo: “La disperazione della Spagna”. Didascalia: “Per salvare i diritti dell’Europa in America, sto dando i miei figli, il mio sangue e i miei tesori… E l’Europa mi abbandona!

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    22 maggio, raccolta di vignette di diversi media americani pubblicata su The San Francisco Call.

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    Vignetta in The Herald, 3 giugno. Il Presidente Sagasta si arrende insieme al Re, nano, piangente, commosso in suo onore, sullo sfondo la banca di Spagna affonda.

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    Rivista Madrid Cómico, numero 799, 11 giugno. La vignetta elogia le storiche vittorie spagnole e disprezza gli americani, sottolineando che il loro unico potere è il denaro.

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    Raccolta di vignette pubblicate su The San Francisco Call, domenica 3 luglio.

    Il “mostro” spagnolo

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    La rivista Judge, pur non essendo una pubblicazione sensazionalista, pubblicò alcune immagini già all’inizio della guerra, seguendo la corrente, come la copertina illustrata da Grant Hamilton (1862 – 1926) il 9 luglio 1898 con la didascalia:“Il bruto spagnolo aggiunge la mutilazione all’omicidio“, relativa alla morte dei marinai nell’esplosione del Maine.

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    10 luglio. Un’altra vignetta di “Barber” su The Herald con la didascalia La Spagna la lascerà volare? Nell’immagine uno spagnolo cosparge di sale le ali della colomba che rappresenta la pace.

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    Vignetta di Joaquín Xaudaró del 23 luglio 1898 nella rivista Madrid Cómico.

    Xaudaró utilizza una miscela di autocritica e ironia.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    Ancora Barber in The Herald, 2 agosto. Uno spagnolo bussa alla porta dell’Europa chiedendo un intervento in guerra. Il cartello recita: “Chiuso agli imbroglioni” (o ai barboni?)

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    4 agosto, vignetta non firmata in The Valentine Democrat.

    Descrizione. Una figura che rappresenta la Spagna guarda un graffito sul muro che recita: “I vostri giorni sono contati, non renderete più miserabile l’umanità”. Il libro, sopra le sue ginocchia, cita l’Inquisizione, l’affondamento del Maine, gli assassinii, la tortura e altre ‘conquiste’ internazionali.

    La guerra hispano-estadounidense en viñetas

    14 agosto, la guerra è finita, The Herald pubblica questa vignetta intitolata “L’evacuazione dell’emisfero occidentale” con uno spagnolo in ritirata su un asino, che tiene nella mano destra una pergamena con la legenda “onore”. È una parodia del dipinto “Il principe Baltasar Carlos a cavallo” di Velázquez. L’autore si scusa con Velázquez accanto alla sua firma.

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    “Lezione imparata”. Nella scena, lo Zio Sam, per cambiare, con la regola della guerra in mano, costringe lo spagnolo a imparare la lezione della pace.

    Cartone animato dal 2 settembre vignetta pubblicata su The Kinsley Graphic e riprodotta da molti altri media.

    Fonti consultate:

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampaBiblioteca Virtuale di Storia Naturale

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampaArca, arxiu de revistes catalanes antigues (Archivio di vecchie riviste catalane)

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampaBiblioteca del Congresso degli Stati Uniti

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampaCartoni animati della Guerra ispano-americana. Charles Lewis Bartholomew, 1869-1949

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampaI giornali di Madrid nel 1898, Concha Edo, UCM (PDF)

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa1898: Stampa e opinione pubblica in Spagna e negli Stati Uniti, Juan Jiménez Mancha, UCM SEECI Journal

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampaLa stampa sensazionalista americana nel XIX secolo e il suo contributo alla guerra ispano-americana. Analisi delle prime pagine americane del periodo. Fernando Barahona(PDF)

    La guerra ispano-americana del 1898 nelle vignette della stampa

    Suscríbete por email para recibir las viñetas y los artículos completos y sin publicidad

    Artículos relacionados